Lanieri vince l’Italian Master Startup Award 2017

Va alla startup di Riccardo Schiavotto e Simone Maggi il primo premio dell’iniziativa promossa da PNICube, che dal 2007 premia l’operato di giovani imprese hi-tech nate dalla ricerca accademica a pochi anni dalla costituzione

E’ Lanieri la startup che ha vinto  l’11° edizione dell’Italian Master Startup Award, premio promosso da PNICube, Associazione degli Incubatori e delle Business Plan Competition accademiche italiane, e organizzato quest’anno dall’Università degli Studi di Palermo con il supporto dell’incubatore Arca. Unico premio su base nazionale che riconosce gli effettivi risultati conseguiti dalle startup nate in ambito accademico a pochi anni dalla loro costituzione. Riccardo Schiavotto e Simone Maggi (nella foto sotto), i due founder, vincono, oltre a un premio di 5.000 euro, anche la realizzazione di un video professionale sulle proprie attività grazie al contributo di Mosaicoon Spa. Lanieri ha vinto anche il premio speciale di UniCredit Start Lab, che consente alla startup di essere seguita dal programma di accelerazione per startup di UniCredit, con accesso a mentoring, sviluppo del network con aziende e investitori e formazione mirata. «L’edizione 2017 dell’Italian Master Startup Award ha premiato la crescita di una startup che innova in uno dei settori che è sempre stato il fiore all’occhiello del Made in Italy e che oggi, con Lanieri, coniuga abilmente fashion, manifattura e digitale – ha dichiarato Giovanni Perrone, presidente di PNICube – è il riconoscimento del ruolo che PNICube gioca da diversi anni nel contribuire attraverso l’innovazione delle proprie startup alla competitività del nostro Paese».

Leggi anche: I 12 progetti tech in gara per l’Italian Master Startup Award 2017 di PNICube #update
Italian Master Startup Award

Gli altri premi speciali

Il Franci@ Startup, messo a disposizione dall’Ambasciata di Francia in Italia, è andato a Greenrail, In.sight, NITe – Natural Intelligent Technologies Sixth Sense. Il premio prevede un soggiorno in Francia per incontrare gli attori dell’innovazione ed è stato assegnato da Tiffany Ziller, addetta alla Ricerca e Innovazione dell’Ambasciata francese in Italia. Il Department for International Trade dell’Ambasciata del Regno Unito e Consolato britannico in Italia, che offre un percorso di incontri B2B e servizi di mentoring per le fasi di startup e scaleup nella capitale britannica, conferito dal Console Generale aggiunto del Regno Unito Danielle Allen, è andato a NITe – Natural Intelligent Technologies.

Supportare l’eccellenza italiana e accelerare la crescita dell’ecosistema delle startup

L’Italian Master Startup Award si è tenuto sotto il patrocinio del Comune di Palermo, dell’Ambasciata di Francia e del Department of International Trade dell’Ambasciata britannica, grazie alla main sponsorship di Unicredit Start Lab e di growITup, e con la sponsorizzazione di Lipari Consulting, DIID – Dipartimento Innovazione Industriale e Digitale dell’Università di Palermo, Mosaicoon spa, Sicindustria Palermo. «Orgogliosi di partecipare a quest’importante iniziativa volta a favorire il processo di trasformazione digitale del Paese – ha sottolineato Enrico Noseda, partner di growITup, main sponsor del Premio – poiché sposa la nostra filosofia: supportare l’eccellenza italiana e accelerare la crescita dell’ecosistema delle startup più innovative. Abbiamo sviluppato una piattaforma di OI perché crediamo che questo modello sia la strada migliore per generare valore sia per le grandi corporate del Made di Italy, sia per le giovani startup italiane in grado di offrire soluzioni innovative».

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito