Growish chiude un round da 400K. Dentro anche Club degli Investitori e Banca Sella Holding

Nuovo aumento di capitale per la startup fintech fondata nel 2014 da Claudio Cubito, Domingo Sarmiento Lupo e Digital Magics

Growish ha chiuso un aumento di capitale da 400 mila euro sottoscritto dal Club degli Investitori e da Banca Sella Holding. Hanno partecipato al round anche i fondatori, gli investitori R301 Capital, venture firm tecnologica svizzera e Antonino Pisana, che avevano investito 500 mila euro nel 2014, e il business angel Lodovico Rosnati. Questa operazione permetterà a Growish di rafforzare la sua posizione sul mercato italiano, ampliare l’offerta con nuove soluzioni fintech e-wallet based e di social marketing B2C e B2B2C (rivolte a consumatori e aziende) per pagamenti di gruppo e liste regalo con convergenza multicanale (sia online che nei punti vendita) per i settori travel, retail, e-commerce, banking, sharing economy, community e donation e puntare sull’internazionalizzazione.

Leggi anche: 500mila euro per la startup fintech italiana Growish
Growish

Growish – Claudio Cubito co-founder e ceo

Obiettivo: 15M di importi transati annui

«Questo round di finanziamento è il coronamento del duro lavoro che abbiamo fatto nei primi tre anni di attività – ha spiegato Claudio Cubito, founder e ceo di Growish – e ringraziamo il Club degli Investitori e Banca Sella che hanno creduto in noi.

Il nostro obiettivo è raggiungere i 15 milioni di Euro di importi transati annui entro i prossimi 12 mesi, per rafforzare la nostra leadership in Italia nei pagamenti digitali di gruppo.

Vogliamo anche espandere all’estero la nostra expertise nell’offrire soluzioni fintech rivolte sia ai consumatori che alle aziende, per pagamenti di gruppo e lista regalo».

Primo investimento in ambito fintech

«Siamo davvero molto soddisfatti di aver concluso questa operazione – ha aggiunto Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori – si tratta per noi del primo investimento in ambito fintech e siamo contenti di averlo fatto in un’azienda nata e cresciuta con il sostegno di Digital Magics, Banca Sella e con un team molto concreto e professionale».
Per Pietro Sella, CEO del Gruppo Banca Sella «il principale driver dell’Open Banking è la sharing economy. Tutti i modelli di business basati su un qualche tipo di crowd contribution (dal crowdfunding al B2B2C fino alla digitalizzazione della supply chain) richiedono un nuovo modo di connettersi ai servizi finanziari e bancari. C’è necessità di connessioni di tipo molti-a-molti e di nuovi tipi di pagamenti. Anche per questi motivi –  ha precisato – come Banca Sella Holding, abbiamo voluto partecipare all’aumento di capitale di Growish».

Il fintech sta rivoluzionando l’economia mondiale

«L’ingresso di investitori così importanti nella nostra partecipata conferma l’ottimo percorso di crescita di Growish, grazie alle partnership e ai programmi di Open Innovation in corso con il Gruppo Uvet e Banca Sella – ha dichiarato Gabriele Ronchini, Fondatore e Amministratore Delegato di Digital Magics per il Portfolio Development – quasi il 10% delle startup del nostro portfolio opera nel settore fintech, su cui crediamo molto perché sta rivoluzionando l’economia mondiale e le abitudini degli utenti».

Growish in pillole

Fondata nel 2014 da Claudio Cubito, Domingo Sarmiento Lupo (cto) e Digital Magics, Growish è una startup il cui team è composto da 7 professionisti: oltre ai founder Claudio Cubito e Domingo Lupo Sarmiento, ci sono Lorenzo Colombini, full stack developer, Gaia Riccardi, front-end developer, Caterina Pancotti, responsabile customer service e social media manager, Caterina Caldara, responsabile piattaforma e relazioni con agenzie di viaggi e Miriam Bastia, digital marketing strategist.

I numeri di Growish

Secondo i numeri forniti dal Club degli Investitori, Growish ha gestito transazioni di pagamento per più di 3 milioni di euro da oltre 30 mila utenti e sta crescendo di 150% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, grazie ai brand Growish.com, ListaNozzeOnline.com e alle partnership con LastMinute.com, Uvet Travel Network (con un’innovativa piattaforma e-wallet based per la gestione delle lista nozze per oltre 1000 agenzie di viaggi) e FantaCalcio-online.it (con raccolta di gruppo delle quote per la cassa comune).

Finalista agli Italian Fintech Award

Nel 2016 Growish è stata finalista di Che Banca! Italian Fintech Award, ha ricevuto il secondo premio al Salone dei Pagamenti e ha vinto la tappa dedicata al fintech dell’ING Challenge Tour.

Che fa Growish

Attraverso le piattaforme tecnologiche e le API, sviluppate da Growish, è possibile gestire la raccolta di denaro di gruppo, abilitare social payment per acquisti di gruppo e creare liste regalo, sia online che all’interno di punti vendita, con un’innovativa tecnologia e-wallet based. I pagamenti possono essere fatti con carta di credito, bonifico bancario, credito ricaricabile o presso il punto vendita. Al termine dell’operazione è possibile trasferire il denaro sul proprio conto corrente, acquistare prodotti e servizi o utilizzare il denaro raccolto come pagamento in modalità P2P o P2B.

 

“Negli USA 98.000 vittime di errori nelle medicazioni. L’IoT è il futuro della sanità”. Intervista a Wayne Miller (Zebra)

Nel 2016 il mercato IoT in Italia è arrivato a toccare i 2,8 miliardi di euro. Sempre di più si parla anche di soluzioni IoT nel campo della sanità, come supporto ai medici per la gestione della cura dei pazienti. Ma è necessario un piano di rinnovamento

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)