L’attentato di Manchester visto dai social. Su Twitter i messaggi degli under 17

Matteo Flora analizza la narrazione dell’attacco kamikaze avvenuto in Inghilterra. Per la prima volta il racconto è affidato ai ragazzini

In poco meno di 6 ore su Twitter sono stati lanciati oltre 6 milioni di tweet. I contenuti più rilanciati sono quelli di Ariana Grande. Fin qui niente di strano. Ma l’attentato di Manchester, che ha causato oltre 20 morti di cui molti ragazzini e bambini, segna un punto di passaggio anche per quanto riguarda la narrazione sui social del terrorismo. “Per la prima volta – ci racconta Matteo Flora nella sua analisi –  ci troviamo di fronte a un racconto fatto dai ragazzini per i ragazzini. Per la prima volta la fascia d’età che prevale è quella degli under 17″.

Matteo Flora, scorrendo la sua bacheca Facebook e Twitter, ha anche notato una diminuzione delle persone pronte subito a cambiare immagine del profilo. “Ho notato una desesibilizzazione rispetto ai fatti accaduti. Forse, e sarebbe molto grave, ci stiamo abituando a questi episodi”.

Il sommario

Il video

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti