L’attentato di Manchester visto dai social. Su Twitter i messaggi degli under 17

Matteo Flora analizza la narrazione dell’attacco kamikaze avvenuto in Inghilterra. Per la prima volta il racconto è affidato ai ragazzini

In poco meno di 6 ore su Twitter sono stati lanciati oltre 6 milioni di tweet. I contenuti più rilanciati sono quelli di Ariana Grande. Fin qui niente di strano. Ma l’attentato di Manchester, che ha causato oltre 20 morti di cui molti ragazzini e bambini, segna un punto di passaggio anche per quanto riguarda la narrazione sui social del terrorismo. “Per la prima volta – ci racconta Matteo Flora nella sua analisi –  ci troviamo di fronte a un racconto fatto dai ragazzini per i ragazzini. Per la prima volta la fascia d’età che prevale è quella degli under 17″.

Matteo Flora, scorrendo la sua bacheca Facebook e Twitter, ha anche notato una diminuzione delle persone pronte subito a cambiare immagine del profilo. “Ho notato una desesibilizzazione rispetto ai fatti accaduti. Forse, e sarebbe molto grave, ci stiamo abituando a questi episodi”.

Il sommario

Il video

Booking, due milioni di euro a 7 startup del turismo sostenibile

Alla call hanno partecipato quasi 700 startup provenienti da 102 Paesi. Il finanziamento più importante a Backstreet Academy che ha ottenuto 400K. L’obiettivo era individuare società in grado di trovare soluzioni nel settore del turismo globale, in particolare sotto il profilo della protezione dell’ambiente

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito