Le 2 app italiane premiate agli Apple Design Awards 2017

Le due imprese italiane premiate sono state Shiny Frog e Bloop. Tra le 8 nazioni in gara, l’Italia è stato l’unico Paese a fare il bis

Sono state 12 le app migliori pubblicate su App Store nel corso dell’anno. Due sono italiane: Shiny Frog e Bloop che sono state premiate durante gli Apple Design Awards, iniziativa a margine della Worldwide Developers Conference di San Jose. Gli Apple Design Awards premiano “l’eccellenza nel design, l’innovazione e la tecnologia nelle app e nei giochi su iPhone, iPad, Mac, Apple Watch e Apple TV”. L’azienda di Cupertino ha scelto queste 2 app di produttività personale perché sfruttano al meglio le tecnologie Apple, sono compatibili con più piattaforme, hanno un design chiaro e sono semplici da usare. Quest’anno sono state 8 le nazioni a salire sul palco degli Apple Design Awards. L’Italia è stato l’unico paese a fare il bis, con due aziende premiate. È la prima volta che accade. I vincitori hanno ricevuto un trofeo in occasione dell’evento, ma soprattutto avranno la possibilità di vedere le loro app esposte in vetrina in evidenza su App Store.

(Foto: WWDC 2017)

Shiny Frog: da Parma l’interfaccia Bear

Direttamente da Parma arriva Shiny Frog, ossia Danilo Bonardi, Matteo Rattotti e Konstantin Erokhin. I tre hanno sviluppato un applicativo di note con un’interfaccia semplice e accessibile a tutti: Bear. L’orso in questione ha ottenuto, in appena sei mesi, oltre un milione e mezzo di download. Un vero successo dovuto all’interesse suscitato in diverse tipologie di utenti. Creata infatti per prendere note arricchite sfruttando le caratteristiche specifiche dei sistemi MacOs e iOS,

Shiny Frog consente di scrivere articoli e saggi, ma anche codice e linguaggio xml. Supporta ben undici lingue e oltre venti linguaggi di programmazione

Bloop e Airmail 3

Anche ai tempi di Whatsapp e dei social, l’email rimane uno strumento di lavoro essenziale. Lo sanno bene Giovanni Simonicca e Leonardo Chiantini, fondatori di Bloop. È loro l’idea di Airmail 3, un client multiservizio raffinato e velocissimo, che molti utenti hanno scelto al posto di quello predefinito di Apple. Airmail 3 è presente su Mac, IOS e iWatch. Ognuno può personalizzarlo a suo piacimento, per archiviare e organizzare email in mobilità. Disponibile in trentadue lingue, ha dalla sua una serie di funzionalità interessanti, tra cui la possibilità di aggiungere account multipli anche di caselle di posta diverse, programmare l’invio delle mail e sincronizzare i propri servizi di cloud.

(Foto: Bloop)

La grafica essenziale e intuitiva gli conferisce una grande semplicità d’uso. Inoltre l’app è utilizzabile anche da chi ha problemi di vista, grazie al supporto per Siri, il voice Over, 3D Touch e feedback tattile.

@antcar83

“Negli USA 98.000 vittime di errori nelle medicazioni. L’IoT è il futuro della sanità”. Intervista a Wayne Miller (Zebra)

Nel 2016 il mercato IoT in Italia è arrivato a toccare i 2,8 miliardi di euro. Sempre di più si parla anche di soluzioni IoT nel campo della sanità, come supporto ai medici per la gestione della cura dei pazienti. Ma è necessario un piano di rinnovamento

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)