Il governo mette “fuorilegge” Flixbus. Da ottobre stop ai pullman low cost

L’azienda per i passaggi economici in pullman colpita dalla “manovrina” sui conti pubblici. “Esercizio vietato per chi non possiede mezzi propri”. Inutili i ricorsi vinti davanti al Tar del Lazio

Governo italiano e new economy, due realtà che negli ultimi tempi sembrano finire spesso per cozzare l’una contro l’altra. Questa volta è toccato a FlixBus, l’azienda che offre collegamenti low cost in pullman e che ora rischia di trovarsi tagliata fuori dal mercato italiano per via della “manovrina” approvata dal Parlamento per rimettere a posto i conti pubblici.

 

Ma prima è successo con AirBnb cui a Genova è stata imposta una cedolare secca come tassa di soggiorno. E con Uber che a Torino dovrà presto confrontarsi con l’agguerrita concorrenza della startup Wetaxi e delle corse condivise.

 

Flixbus al capo linea?

Arrivata in Italia nell’estate 2015, la storia di Flixbus nel nostro Paese potrebbe essere già ai titoli di coda.

Il decreto di settimana scorsa, infatti, impedisce alle società che non posseggono mezzi di proprietà di operare nel settore del servizio trasporti. E, com’è noto, Flixbus non ha nemmeno un pullman suo. La società tedesca, presente in 22 Paesi europei con oltre 200 mila collegamenti al giorno, collabora, a seconda della zona, con compagnie di trasporto locali (in Italia sono circa 49): queste mettono a disposizione mezzi di trasporto, autisti e benzina, Flixbus si occupa delle autorizzazioni per le tratte da percorrere e, sopratutto, di trovare i passeggeri e vendere tutti i posti disponibili grazie a prezzi contenuti e un efficace marketing online.

 

I ricorsi al Tar del Lazio

La battaglia però non è conclusa e molto è ancora da decidere.

Negli stessi giorni in cui  veniva approvata dal Parlamento la famigerata “manovrina”, Flixbus ha ottenuto ragione, davanti al Tar (tribunale amministrativo regionale) del Lazio, in alcuni ricorsi che la vedevano protagonista. Marozzi, Liscio, Cotrab e altre società concorrenti l’avevano citata in giudizio per ottenere una sospensione immediata del servizio. Ma il Tar del Lazio ha ricoosciuto la legittimità e conformità alla normativa di settore delle autorizzazioni ministeriali rilasciate alla società low cost.

Questo quando il divieto non era ancora in vigore. Ora però il Parlamento si è espresso, e sulla manovra è stata posta persino la questione di fiducia dal governo. Da ottobre Flixbus diventerà ufficialmente “fuorilegge” e nonostante le numerose perplessità – tra cui anche quelle del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha commentato  con un “decisamente non è un buon periodo per la concorrenza in Italia” – per un ripensamento sembra già tardi…

WakeUp Influencer Bank: una banca per tutti quelli che contano sui social

L’agenzia di comunicazione pugleise WakeUp ha messo a punto un algoritmo che lancerà a settembre che raccoglierà gli utenti più attivi sui social, che vogliono guadagnare attraverso il proprio profilo. I compensi vanno da oggetti a viaggi, a denaro contante

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Game of Thrones, ancora minacce da Mr. Smith

I sedicenti hacker che avrebbero violato il network di HBO tornano alla carica. Promettendo di rilasciare il finale della settima stagione del Trono di Spade prima della messa in onda