L’acceleratore ispirato a Papa Francesco a Luiss Enlabs | Le startup #Update

Ecco le startup for profit a vocazione sociale selezionate per la Laudato Sì Challenge, ospiti dell’acceleratore alla stazione Termini a Roma

L’acceleratore che il venture capitalist americano del fondo Fresco Capital, Stephen Forte, ha realizzato ispirandosi all’enciclica di Papa Francesco – il Laudato Sì Challenge di cui vi avevamo parlato qui – sarà ospitato negli spazi di Luiss Enlabs, l’hub delle startup situato sopra la stazione Termini di Roma. Qui, dal 13 luglio, le imprese selezionate per l’acceleratore di Forte possono incontrare e lavorare a stretto contatto con i mentor sui propri progetti, e partecipare ai seminari che Laudato Sì Challenge ha organizzato con gli ospiti internazionali, aperti e accessibili all’intero ecosistema di Enlabs. Ecco nel dettaglio i progetti scelti. Vengono da ogni parte del mondo. Per l’Italia c’è Scooterino.

Enlabs

#Update

Mandulis (Uganda), ProTrash (Mexico), SmartYields (Usa), Scooterino (Italia), pāpr (India/Usa),
Aqus (Usa), 
Innov8tia (China), Nokero (Usa), Team RISE (India, Ecuador, Usa): sono questi i progetti scelti per il Laudato Sì Challenge.

La sede e gli Open Forum

La sede LUISS è stata scelta da Forte e Paul Orlando, professore presso la University of Southern California e direttore dell’incubatore dell’USC, e ospiterà l’acceleratore fino alla prima settimana di settembre. Forte ha detto che “quando abbiamo conosciuto Luiss Enlabs e visto il lavoro incredibile che fanno con le startup, abbiamo capito che non c’era miglior match possibile a Roma”. Ad Enlabs già lavorano e si sviluppano oltre 50 startup che ora avranno anche l’opportunità di partecipare agli “Open Forum” cioè agli incontri che Laudato Sì Challenge ha organizzato con mentor internazionali e che andranno da metà luglio fino al 9 agosto. Si comincia il 20 luglio con una lezione di Richard Campbell sui rischi e le potenzialità dell’intelligenza artificiale.

Le startup

Le startup selezionate dell’acceleratore ispirato da Papa Francesco sono 12 e sono tutte “for profit e mission driven” cioè imprese a vocazione sociale ma comunque orientate al profitto. Quando Forte aveva lanciato l’idea dell’acceleratore attraverso un post su Medium, aveva sottolineato come solitamente le startup a vocazione sociale non funzionano perché finiscono per trasformarsi in organizzazioni senza scopo di lucro.

L’obiettivo di Forte è cercare progetti interessati a lavorare sui temi sociali ma che facciano anche soldi

in modo che l’impresa abbia un impatto efficace ed a lungo termine. I temi che le startup hanno messo al centro dei loro progetti ricalcano l’agenda degli Obiettivi di Sostenibilità delle Nazioni Unite, e vanno dalle soluzioni per l’energia ai servizi per una produzione e distribuzione del cibo più sostenibile, contro lo spreco dell’acqua e dell’inquinamento, volte in ultima analisi a sbloccare il potenziale umano in vari ambiti. Queste startup hanno già trascorso un primo periodo di accelerazione con i mentor attraverso un percorso da remoto ed ora entreranno nel vivo del lavoro a contatto con gli imprenditori che li stanno seguendo. Quando il periodo di accelerazione a Enlabs finirà, a metà settembre, le imprese continueranno ad essere seguite a distanza ed essere accompagnate fino al Demo Day che si terrà in Vaticano nel mese di dicembre.

I sostenitori

Il progetto è sostenuto dal cardinale Peter Turkson, Prefetto del Dicastero per la promozione dell’Integral Development nel Vaticano, che seguirà i team e valuterà l’aderenza delle proposte alla missione del programma. “Nel corso degli anni abbiamo ospitato più di 500 aziende in quattro acceleratori – ha commentato Forte – questo ci ha permesso di sviluppare un set di competenze che possiamo mettere a disposizione dei giovani imprenditori. Ma invece per quanto riguarda il valore della mission? Per quello avevamo bisogno di una vera e propria guida, una personalità profonda e significativa, da qui la scelta del Cardinale Peter Turkson”. Gli investitori coinvolti nel programma sono Ibrahim Al Husseini, Chade-Meng Tan, Caitlin Sparks, Jeff Cherry, Thomas Ermacora, Andrew Mangino e Lola Grace.

@carlottabalena

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti