UE chiama Italia | Un nuovo Commissario per il digitale, lotta al terrorismo ed Estonia

Nell’ultima plenaria a Strasburgo è stato nominato il nuovo Commissario per il digitale, si è creata una commissione parlamentare speciale per il terrorismo e l’Estonia ha presentato la sua agenda per il prossimo semestre europeo

Agli inizi di luglio si è svolta l’ultima plenaria a Strasburgo, prima delle vacanze estive del Parlamento. Sono stati giorni intensi: è stato infatti nominato il nuovo Commissario per il digitale, si è creata una commissione parlamentare speciale per il terrorismo e l’Estonia ha presentato la sua agenda per il prossimo semestre europeo.

UE

Un nuovo Commissario Europeo per il Digitale

Il 4 luglio il Parlamento Europeo ha eletto il nuovo Commissario per l’Economia Digitale. È l’ex eurodeputata bulgara Mariya Gabriel (Partito Popolare Europeo), che, a 38 anni, è il più giovane Commissario Europeo eletto finora. Approvata con una larga maggioranza (517 voti a favore, 77 contro e 89 astenuti), la Gabriel va a sostituire Gunther Oettinger, che dal 1 gennaio di quest’anno è passato a capo della Commissione per il Bilancio e le Risorse Umane.

Nonostante non abbia una formazione particolare sul digitale, dovrà imparare in fretta perché i file con cui si dovrà confrontare sono tanti e rilevanti, in primis la riforma del Copyright e il nuovo regolamento e-privacy.


Direttiva sul Copyright

La nuova direttiva sul copyright riceverà il voto definitivo del Parlamento prima della fine dell’anno. Come spiegato su StartupItalia!, i rischi più grandi riguardano la creazione di una sorta di tassa sui link per le piattaforme e chi voglia inserire link a notizie di siti web europei, e l’adozione obbligatoria di mezzi che filtrino i contenuti online in fase di upload, col problema non indifferente di rischiare la censura in quei casi in cui l’algoritmo non sappia riconoscere e interpretare le eccezioni previste al diritto d’autore.


Il regolamento e-privacy

Il regolamento e-privacy, invece, aggiornerà la precedente direttiva europea sulla privacy online e andrà ad affiancare il regolamento sulla protezione dei dati che entrerà in vigore il 25 Maggio 2018. L’ambizione è quella di farlo approvare in tempo per quella data, in modo da completare la legislazione europea a riguardo. La scelta di usare due regolamenti, invece di due direttive come erano le precedenti, è il segnale che la Commissione vuole spingere l’acceleratore sulla creazione del Mercato Unico Digitale. Il regolamento è infatti auto applicante, non ha bisogno di essere recepito e implementato dagli Stati Membri. Questo garantirà anche alle imprese e alle startup che vogliano espandersi in Europa, di non doversi preoccupare di 28 leggi diverse in tema di privacy e dati personali.


Una commissione parlamentare speciale contro il terrorismo

Il 6 luglio il Parlamento Europeo ha approvato a larga maggioranza la risoluzione per la creazione di una Commissione Parlamentare speciale. Composta da 30 eurodeputati, avrà mandato di 12 mesi, rinnovabili. Nell’ultimo anno, l’Europa, con Regno Unito, Francia e Germania in testa, ha subito diversi attacchi a sfondo terroristico. Nelle numerosi audizioni parlamentari degli ultimi mesi, uno dei primi problemi, oltre a quello dato dal dover investigare terroristi che usano comunicazioni criptate, è stato quello del mancato coordinamento tra le forze dell’ordine in Europa. La Commissione si auspica di poter favorire tali comunicazioni e studiare delle strategie idonee a combattere il terrorismo, senza ledere i diritti fondamentali. Certo, non sarà facile, visto che la May e Macron da un lato, e la Germania dall’altro, non sembrano considerare diritti come la privacy e la libertà d’espressione, così rilevanti di fronte alle minacce terroristiche. La May in particolare ha affermato recentemente che se i diritti fondamentali ne ostacolano la lotta, allora vanno cambiati.


Guida l’Estonia

Dopo Malta, è il turno dell’Estonia di guidare l’agenda del Consiglio Europeo, l’istituzione Europea formata dai Capi di Stato e di Governo dei 28 Paesi Membri. Jüri Ratas, ha detto che l’Estonia ha 4 priorità nella sua agenda europea: creare un’economia aperta e innovativa, avere un’Europa inclusiva e sostenibile, garantire sicurezza, digitalizzare il vecchio continente favorendo il libero scambio dei dati. L’Estonia, o E-Stonia, è conosciuta per essere il Paese più digitalizzato d’Europa. Come ricordato dal primo ministro, moltissimi servizi sono stati digitalizzati, con un risparmio, economico e cartaceo, notevole. Ratas ha poi parlato di lavoro. Ha detto che

assieme alla robotizzazione, lo smart working è per lui la quarta rivoluzione industriale ma che per goderne appieno, è necessario pensare anche a una riforma della previdenza sociale.

Per Ratas il digitale è la grande opportunità dell’Europa, purché siano garantite privacy e protezione dei dati. Nel piano ci sono il taglio dei confini digitali (il famoso geoblocking, che limita al proprio Paese l’uso di certi servizi online) e il miglioramento della connettività in tutta Europa.

@VincenzoTiani

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti