4 buone ragioni per fondare (o trasferire) una startup in Danimarca

Con eventi dedicati all’ecosistema, acceleratori in grado di competere e una buona parte di lavoro del governo, Copenaghen si propone come capitale europea delle startup

Se state cercando un Paese dove fondare la vostra startup o esportare la vostra idea di business dovreste dare un’occhiata alla Danimarca. Il Paese si sta promuovendo come luogo ideale per attrarre nuovi imprenditori e ci sono almeno 4 buone ragioni per pensare che sia sulla strada giusta.

1) Una comunità ma non un club

La prima buona ragione per andare in  Danimarca nasce dal fatto che la comunità delle startup danesi non è un club per pochi. E’ aperta e il contatto con la community è resto semplice dalla quantità di eventi e occasioni di incontro. Un ruolo importante in questo senso lo giocano i coworking, dei veri poli di attrazione per giovani e investitori.

2) Un governo che spinge sul digital

Il ruolo del governo danese è importante perché è uno di quelli che in Europa sta spingendo di più sul digitale, tanto che la Danimarca è considerato il Paese più digitale d’Europa.

3) I grandi acceleratori

Se decidi di fondare la tua startup in Danimarca avrai la possibilità di entrare in contatto con una grande rete di acceleratori a partire da Accelerace: uno degli acceleratori più attivi e importanti d’Europa.

4) Qualità della vita

La Danimarca è un Paese dove la qualità della vita è molto alta. Copenaghen è sempre in testa nei ranking internazionali per l’accesso ai servizi legati alla salute, infrastrutture, sicurezza, ambiente. Non solo la capitale punta entro il 2025 ad essere la prima città a emissioni zero (ne avevamo parlato qui).

Leggi anche: 5 motivi per cui i lavoratori danesi sono i più felici del mondo

Gli eventi da non perdere

Se poi il vostro desiderio è provare a lavorare in una startup già avviata, allora dovreste cominciare a preparare il CV perché molte di queste stanno assumendo e proprio nel mese di settembre sono in programma alcuni eventi interessanti dove potersi presentare.

Tech BBQ

Il primo evento è alle porte. Tra il 5 e il 6 di settembre si tiene TECH BBQ, il più grande evento dedicato alle startup del Paese. Tra investitori, startupper e imprenditori attrae tra le 3000 e le 5000 persone. E’ qui che potreste incontrare il vostro futuro datore di lavoro oppure un co-founder per la vostra startup. Ci saranno oltre 30 speaker da tutto il mondo che potranno ispirarvi. Per maggiori informazioni https://www.techbbq.dk/


TechFestival

Tra i 5 e il 10 settembre a Copenaghen ci sarà il TechFestival, una settimana con oltre 100 eventi, workshop, dedicati alla tecnologia. Sono attese oltre 15mila persone che girando per la città potranno godere di un’atmosfera unica. Il programma del festival include workshop sull’intelligenza artificiale, il digital marketing, il crowdfunding etc. Qui per maggiori informazioni http://techfestival.co/


Copenaghen for the Win

Copenaghen è proprio una città a misura di startup, dove l’attenzione ai nuovi progetti è alta e le possibilità di lanciare la propria idea sul mercato è concreta. Ogni settimana ci sono eventi e possibilità di incontro con VC e imprenditori. L’associazione che riunisce le startup è la non profit Copenaghen for the Win #CPHFTW e si occupa di aiutare le startup a emergere e organizzando eventi, e promuovendo iniziative. La sua ambizione è quella di rendere la Danimarca uno dei migliori paesi dove fare impresa e a quanto pare ci sta riuscendo.

La città è ricca di co-working come Founders House, SingolarityU e RainMaking Loft ma inoltre ci sono dei co-living pensati apposta per chi si trasferisce per lavorare in una startup. Sono LifeX e Nest. Da poco è anche disponibile una guida Startup Guide Copenaghen  pensata per i giovani imprenditori che si trasferiscono in città, mentre il sito International House Copenaghen è essenziale perchè mette a disposizione competenze di esperti per tutte le pratiche relative al trasferimento.

L’esempio di Skidos, 2 grant in 9 mesi

Tra gli esempi di startup già avviate che hanno scelto il modello danese c’è Skidos.com, startup nata in India e che dal 2015 ha il suo quartier generale proprio a Copenaghen. Si è trasferita dopo aver vinto il Summer Strtupbootcamp di Copenaghen nel 2015 e al suo CEO sono bastati 5 mesi per decidere il cambiamento. Nel gennaio 2016 la startup ha ottenuto il suo primo grant da una società partecipata pubblica danese. Due mesi dopo ha stabilito una partnership con il gruppo media Egmont e nel Maggio 2016 ha lanciato il suo primo prodotto “Learning Engine for Mobile Games” al Nordic Game Summit. A luglio ha lanciato il suo primo gioco che nel giro di un mese ha ottenuto oltre 50mila download. Nel settembre 2016 la startup ha ottenuto il secondo grant.

Ti potrebbe interessare anche

Il paese in cui le scaleup crescono di più che in tutta Europa. Il fenomeno Portogallo

Secondo i dati del Sep Monitor Report la velocità di crescita delle aziende innovative nel paese è doppia rispetto alla media del continente. Molto si deve alla capacità di attrarre capitale straniero e di avere uno sguardo sempre più internazionale

Il Portogallo chiama le startup del turismo d’Europa: «Pronti 10 milioni di euro per le idee più innovative»

Bando aperto fino al 31 luglio per i progetti imprenditoriali in grado di promuovere il patrimonio culturale e turistico del Portogallo. Ogni idea potrà ricevere 500mila euro di finanziamento e il sostegno del venture nello sviluppo dell’idea

“Negli USA 98.000 vittime di errori nelle medicazioni. L’IoT è il futuro della sanità”. Intervista a Wayne Miller (Zebra)

Nel 2016 il mercato IoT in Italia è arrivato a toccare i 2,8 miliardi di euro. Sempre di più si parla anche di soluzioni IoT nel campo della sanità, come supporto ai medici per la gestione della cura dei pazienti. Ma è necessario un piano di rinnovamento

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)