SEC2SV: Buzzoole e Beintoo volano in Silicon Valley con Mind the Bridge

Abbiamo raggiunto Andrea Campana per capire come sfrutteranno l’occasione di SEC2SV. “Sarà una settimana fondamentele che ci permetterà di entrare in contatto con i leader del nostro settore a livello mondiale”

Sono Buzzoole e Beintoo le due startup italiane scelte da Mind The bridge per partecipare a dal 18 al 22 settembre a SEC2SV. Il programma, lanciato nel 2015, riunisce ogni anno i più rilevanti fondatori e investitori dell’ecosistema imprenditoriale europeo e li porta in Silicon Valley per coinvolgerli in una settimana di incontri e workshop.

Le 15 scaleup selezionate

Ogni anno vengono scelte 15 realtà da tutta Europa e quest’anno due di queste parlano italiano.
Creato e organizzato con Digital EIT, SEC2SV è un programma pan-europeo sostenuto dalla Commissione europea e Parlamento europeo. Le startup e scaleup selezionate hanno la possibilità di andare in Sylicon Valley per una settimana organizzata in occasione dell’European Innovation Day.  Le scaleup invitate provengono da Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Spagna e Inghilterra e appunto Italia con Buzzoole e Beintoo.

“Un’occasione per conoscere i leader” le parole di Andrea Campana

Abbiamo raggiunto Andrea Campana, CEO di Beintoo, per capire come sfrutteranno questa occasione.

“Per noi si tratta di un’occasione molto importante. Non è un semplice viaggio nella Silicon Valley ma un modo per accreditarci internazionalmente – racconta Campana – sfrutteremo la settimana per confrontarci con le più importanti realtà al mondo che si occupano di Adv Data Driven. Gli Stati Uniti sui nostri temi sono avanti 5 o 6 anni rispetto all’Italia, ci interessa molto capire in che direzione andare nei prossimi anni.”

Beintoo è una Mobile Data Company fondata a Milano nel 2011 che conta oltre 30 dipendenti e tre sedi, una a Milano, una a Londra e una a New York. La scaleup opera globalmente nel Mobile Marketing e si occupa di raccogliere e analizzare dati geo-comportamentali per rendere possibili campagne pubblicitarie mirate. “Siamo attivi da cinque anni – ci racconta Campana – e il nostro focus per ora è sempre stato molto concentrato sull’Europa. Questo viaggio ci darà l’opportunità di incontrare vendor leader in questo settore e ampliare anche la nostra rete commerciale”.

Leggi anche Beintoo cambia tutto. Via il founder, arriva un manager d’esperienza. Campana «Così farò crescere l’azienda»

Rispetto a un anno fa Beintoo è cresciuta sia per fatturato che per numero di dipendenti e ora punta a differenziare: “Un anno fa l’obiettivo era consolidarsi come leader del settore a livello nazionale. Ora vogliamo essere competitivi globalmente per questo abbiamo investito molto in innovazione e tecnologia con un prodotto che possa fornire non solo dati geo referenziati, ma anche socio-demografici cioè in grado di riferire sesso, età e anche comportamento degli utenti”.

Qui l’elenco completo di tutte le startup che parteciperanno a SEC2SV

 

Ti potrebbe interessare anche

.itCup, una competition senza competition. 5 anni di successi aspettando l’edizione 2017

Chiara Spinelli, responsabile organizzazione .itCup Registro .it, traccia un bilancio delle prime cinque edizioni di .itCup e annuncia la prossima: “Appuntamento ad aprile per il lancio della call”

L’Europa seleziona 15 startup da mandare in Silicon Valley, qui per candidarsi

Le imprese interessate possono iscriversi entro il 19 aprile 2016

Le 18 aspiranti scaleup europee pronte per lo Startup Europe Comes to Silicon Valley

Obiettivo dell’iniziativa di EIT Digital e Mind the Bridge è mettere in contatto le più promettenti aziende tecnologiche con i principali player americani

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»