Redazione

Redazione

Set 24, 2017

3 trucchi (+1) per rendere unici i vostri post su Facebook

Forse non tutti sanno che è possibile rendere animati i propri interventi sul social network. Basta usare le parole giuste

Ci sono tre parole magiche su Facebook, tre parole magiche fanno partire effetti speciali capaci di sorprendere gli amici sul social: sono tre piccoli segreti che i tecnici di Facebook si sono divertiti a infilare tra le righe del codice del sito, e che vergati in un post fanno scattare un meccanismo particolare che “anima” la pagina a ogni clic.

Una pioggia di pollici in su

Da sempre il like, il mi piace, su Facebook è associato al pollice in su: thumb up si dice in inglese, e in gergo si può anche dire “rad” (diminutivo di radical) per affermare che qualcosa è davvero bello. Quindi basta scrivere rad o radness, oppure usare l’italianissimo da paura in un post per attivare una pioggia di pollici-meteore che ricopriranno lo schermo.

Palloncini e cuoricini

Altre due parole segrete che fanno scattare le animazioni riguardano occasioni speciali e amici. Se qualcuno ha ricevuto una promozione, annuncia di aver avuto un figlio, ha qualcosa da festeggiare, gli si possono fare le congratulazioni: questa keyword è disponibile anche in italiano, e basta appunto digitare congratulazioni o complimenti per vedere dei palloncini e dei coriandoli attraversare lo schermo.

Infine, per mandare un po’ di affetto virtuale a mezzo social si possono spedire baci e vedere dei cuoricini rossi galleggiare sul monitor: questo trucchetto funziona pure con altre stringhe di testo, come xo, xoxo e ancora xoxoxo.

Dulcis in fundo

C’era anche un altro trucchetto che si può usare per rendere speciali i post su Facebook. Qualche settimana fa il primo libro di Harry Potter, Harry Potter e la Pietra Filosofale, ha celebrato 20 anni dalla pubblicazione: digitando Harry Potter in un post sul social compariva una bacchetta, una saetta come quella sulla fronte del maghetto di Little Whinging, che spargevano stelline su tutta la finestra del browser.

Il trucco funzionava anche con i nomi (originali) delle case di Hogwarts: Gryffindor, Ravenclaw, Hufflepuff e Slytherin (Grifondoro, Corvonero, Tassorosso e Serpeverde). Ora è stato disattivato, ma chissà che non torni il prossimo anno in occasione della ricorrenza.