Questa infografica cambierà il modo in cui vedi l’economia globale

Dove scoprire che l’Italia è un pezzo ancora importante dell’economia globale (e il ruolo degli altri paesi, nazione per nazione)

E’ stata pubblicata dal sito HowMuch.com e subito ripresa sulle pagine del sito del World Economic Forum. Un’infografica ha messo insieme tutte le nazioni mettendone a paragone la grandezza della prodotto interno lordo nominale. Alcuni risultati sono scontati: il valore del Pil Usa, il suo peso per l’economia globale, e quello della Cina che si conferma seconda potenza al mondo. Poi ci sono gli altri paesi. E l’Italia, che contribuisce al 2,88% del Pil globale. Forse a volte siamo portati a sottovalutarla, ma è in quella fascia di paesi determinanti nella produzione di beni e servizi. E ancora tra i principali paesi europei con Germania, Francia e Regno Unito. I diversi colori indicano i diversi settori di produzione. Il blu scuro dell’Italia rappresenta la produzione di servizi, che è quello maggiore di tutti.  Qui i risultati.

world-economy-gdp-voroni-a7d4

Brexit. Da Gates a Zuckerberg, piangono i paperoni, che bruciano 125 miliardi. In un giorno

Bloomberg ha fatto subito i conti in tasca ai 400 più ricchi del mondo, che a causa della brexit perdono davvero tantissimi soldi. A piangere più di tutti il papà di Zara, che ci rimette 6 miliardi

Uno youtuber di 12 anni è il regista dell’ultimo video di Aphex Twin

Il famoso musicista ha deciso di commissionare a Ryan Wyer la clip per il brano CIRKLON3 [Колхозная mix] contenuta nel suo ultimo disco, Cheetah EP dopo 17 anni dall’uscita dell’ultimo video ufficiale

La Cina supera tutti: è suo il (super) computer più potente del mondo

TOP500 è la classifica dei 500 computer più potenti del mondo. Sunway TaihuLight (costruito in Cina) ha superato tutti gli altri. Ma come si stila questa classifica? Quali sono le componenti etiche? Cos’è il test di Turing e perché è così importante per misurare l’intelligenza artificiale? abbiamo provato a rispondere.

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende