Stefania Barbato

Stefania Barbato

Ott 2, 2017, 11:00am

Stefania Barbato

Stefania Barbato

Ott 2, 2017, 11:00am

Nel 2021 sul mercato il primo camion elettrico a emissioni zero

Nikola Motor Company e Bosch lavorano insieme alla realizzazione di questo mezzo alimentato a idrogeno che fa il pieno in 15 minuti e assicura l'assenza di emissioni in atmosfera

Nel mondo elettrico è il turno dei veicoli commerciali. Nikola Motor Company e Bosch sono partite alla conquista del mercato del trasporto pesante con Nikola One e Two, la prima gamma di autocarri con motore a idrogeno e trazione elettrica. Nello specifico, il motore a emissioni zero e alte prestazioni verrà commercializzato entro il 2021 a un prezzo non ancora dichiarato ma preannunciato come “concorrenziale”. Tutto questo fa ipotizzare che la diffusione su larga scala possa arrivare prima in questo settore che su quello delle utilitarie che guidiamo ogni giorno sulle nostre strade.

Fino a 1200 km con un pieno di 15 minuti

Il nuovo camion a idrogeno con trazione elettrica promette il dimezzamento dei costi di gestione rispetto a quelli di un tradizionale veicolo diesel. La scheda tecnica evidenzia come, impiegando appena 15 minuti per fare il pieno, si abbia un’autonomia di 1200 km. Con queste caratteristiche, i Nikola One e Nikola Two fanno parte di una gamma di autocarri in grado di garantire più di 1000 CV e 2712 Nm di coppia, circa il doppio della potenza di qualsiasi semirimorchio attualmente in circolazione. Il tutto con la garanzia di zero emissioni.

Oltre a questi due modelli la Nikola Motor Company fa sapere di aver progettato anche Nikola Zero, una carrozzina elettrica a quattro posti con una potenza variabile da 415 a 555 Cv per un’accelerazione da 0 a 100 km/h inferiore ai 4 secondi. Un mezzo omologabile per l’impiego urbano è il punto di arrivo ideale della partnership tra l’americana Nikola Motor Company e la tedesca Bosch.

Il sistema eAxle

L’obiettivo che ha guidato Nikola, spiega il suo ceo Trevor Milton, è stato quello di introdurre nel mercato il semirimorchio più innovativo mai costruito fino ad oggi. E di commercializzarlo entro il 2021. A tal fine si è rivelata decisiva la collaborazione con Bosch quale partner flessibile, in grado di adattarsi rapidamente ai ritmi e ai tempi brevi da loro attesi, grazie a soluzioni hardware e software innovative. Il prodotto sviluppato dalla multinazionale tedesca, che ha reso possibile la nascita del nuovo autocarro a zero emissioni, è il “sistema eAxle”, una nuova tecnologia di propulsione che riunisce motore, elettronica di potenza e cambio in un’unità compatta. Sul super camion elettrico si è espresso anche Markus Heyn, membro del Board of Management di Bosch GmbH e responsabile della Commercial Vehicle Organization, che ha spiegato come la Bosch sia un incubatore di soluzioni per l’elettromobilità: punta molto sul dare una forte accelerazione allo sviluppo, permettendo di ridurre i tempi di introduzione sul mercato.