A Roma apre la Startup Europe Week, la Regione elenca quanto fatto per l’ecosistema

All’evento romano faranno seguito altri quattro appuntamenti sul territorio, con degli open days in 4 Spazi Attivi, uno per Provincia, in ognuno dei quali si terranno delle sessioni tematiche

Si è tenuto questa mattina a Roma l’evento di apertura della Startup Europe Week del Lazio, un insieme di appuntamenti – organizzati dalla Regione Lazio in collaborazione con Lazio Innova, Bic Lazio, Roma Startup e X23 nel quadro di un più ampio progetto della Commissione Europea – che si svolgeranno da oggi al 5 febbraio in tutto il territorio regionale.

Startup Europe Week

Scopo dell’incontro di oggi, svoltosi a Roma, presso la sede di Lazio Innova, è innanzitutto quello di fare il punto sullo stato dell’arte dell’ecosistema laziale dell’innovazione e presentare le nuove opportunità per le startup innovative in arrivo dalla Regione Lazio. E poi tavole rotonde sui temi della finanza per le startup e della collaborazione tra queste e le grandi imprese, oltre a sessioni specifiche dedicate alla presentazione dei bandi regionali e delle opportunità europee e a incontri con esperti, program leader e rappresentanti di acceleratori e incubatori. Durante la giornata sono intervenuti numerosi attori istituzionali e stakeholder regionali del mondo delle startup; oltre al Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e all’assessore regionale allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Fabiani, sono intervenuti anche, tra gli altri, il direttore generale per la Politica Industriale, Competitività e Pmi del Mise, Stefano Firpo, il direttore generale di Lazio Innova, Andrea Ciampalini, e il consigliere regionale Gian Paolo Manzella, oltre a rappresentanti di Unicredit, Bnl, Tim #Wcap, Enel Lab, Gala Lab, Wind, Ericsson, Cisco, Luiss Enlabs, PI Campus, Università Roma Tre, Cnr e Asset Camera.

Nella mattinata, in particolare, sono stati presentati gli esiti degli interventi svolti fin qui dalla Regione e annunciate le prossime azioni a favore del mondo dell’impresa innovativa e giovane. Nei primi due anni e mezzo di attività, la Regione ha già destinato 18,5 milioni di euro per le startup innovative, suddivise tra fondi europei e fondi regionali, risorse che hanno permesso di sostenere la progettualità di centinaia di startup. A questo si aggiungono 6,5 milioni che hanno sostenuto oltre 140 idee di impresa innovativa presentati da imprese femminili e giovani under 35. Primo degli interventi regionali per il 2016 presentati è stato il rimborso dell’Irap per le startup: una misura tramite la quale verranno attivati i rimborsi fiscali per le startup innovative. La Regione ha infatti istituito il “Fondo per la riduzione della pressione fiscale a carico delle imprese start-up innovative”, con una dotazione di 1 milione di euro l’anno per il triennio 2016-2018. A beneficiarne saranno le startup innovative iscritte nella apposita sezione speciale del registro delle imprese del Mise, che abbiano almeno una sede operativa nel Lazio e che abbiano avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2012. Il rimborso fiscale, che sarà totale o parziale a seconda del numero delle domande pervenute, riguarderà l’Irap dei primi due esercizi fiscali.

image2

Per quanto riguarda la nuova programmazione 2014-2020 per le startup, gli spin off di ricerca e le imprese innovative, la somma complessiva a disposizione è pari a 100 milioni di euro tra fondi europei e bilancio regionale. È in corso un ampio confronto con gli operatori del mercato per definire la migliore allocazione delle risorse; l’obiettivo finale è sviluppare e consolidare tutta la catena dei servizi, non solo finanziari, per la nascita e la crescita di imprese globali, a partire dall’offerta di sostegno “per portare le buone idee al mercato”, fino all’accompagnamento delle imprese nella élite dell’economia globale. I primi bandi partiranno nei prossimi mesi e le risorse saranno ripartite in questo modo: 20 milioni di euro saranno destinati a sostenere le idee di impresa e gli spin off della ricerca nella loro prima fase di impostazione per attrarre investitori (il cosiddetto pre-seed); 70 milioni di euro andranno al sostegno degli interventi nel capitale di rischio, tramite una pluralità di azioni finalizzate ad accompagnare le diverse fasi di vita delle startup e delle imprese innovative. Da quella di avvio (seed) all’accompagnamento verso la crescita e l’espansione sui mercati (Venture Capital ed Expansion); infine, 10 milioni di euro saranno utilizzati per incrementare le risorse destinate ai bandi per la reindustrializzazione previsti dall’estate 2016.

È stato poi presentato il processo di implementazione e ottimizzazione del sito “Lazio Innovatore”; obiettivo: creare un’unica piattaforma dell’ecosistema startup (imprese, giovani creativi, investitori, acceleratori, incubatori, coworking) e coagulare intorno al tema dell’innovazione tutte le realtà dell’ecosistema. Infine, è stata annunciata la prossima pubblicazione del regolamento del “Premio Lazio Innovatore”, al quale potranno partecipare tutte le startup iscritte al sito. I premi, previsti per la primavera del 2016, saranno aggiudicati da una commissione composta da personalità dell’ecosistema dell’innovazione sceglierà le startup, divise in quattro/cinque categorie: Best Startup; Best PMI; Best Social innovation project; OpenLazio (quest’ultimo assegnato a 20 startup); Best Startup negli Spazio Attivo e nei fablab della Regione. I premi consisteranno in un “pacchetto Startup” costituito da pitch con un gruppo di potenziali investitori realizzato e gestito da Lazio Innova; essere ospitati per un periodo all’interno di uno Spazio Attivo Bic Lazio o di un hub/acceleratore convenzionato con Lazio Innova; consulenza di esperti su aspetti organizzativi/finanziari.

Startup Europe Week

All’evento romano faranno seguito altri quattro appuntamenti sul territorio, con degli open days in 4 Spazi Attivi, uno per Provincia, in ognuno dei quali si terranno delle sessioni tematiche:
2 Febbraio – Viterbo Spazio Attivo – Via Faul 20-22. Cultura e FabLab
3 Febbraio – Latina Spazio Attivo – Via Carlo Alberto 22. Scienze Vita, FabLab e CLab
4 Febbraio – Ferentino (FR) Spazio Attivo – Via Casilina, 246 km 68.300. Meccanica e Robotica
5 Febbraio – Rieti Spazio Attivo – Via dell’Elettronica snc. Elettronica

La Startup Europe Week è frutto di un progetto della Commissione Europea; è un’iniziativa che nasce dalla consapevolezza che le diversità regionali e le politiche locali hanno un ruolo determinante nella creazione e nella crescita delle startup e che persegue la finalità di includere in un unico programma tutte le regioni europee, in una serie di eventi e di iniziative.

Dal 1° al 5 febbraio 2016, in oltre 200 città si parla di imprenditorialità europea con workshop, eventi motivazionali, sessioni informative e formative e eventi di networking con l’obiettivo di affrontare le tematiche cruciali di interesse delle startup e di offrire una panoramica delle opportunità a loro disposizione a livello locale: dai programmi di accelerazione alle soluzioni finanziarie fino alle agevolazioni fiscali.

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure