immagine-preview

Dic 13, 2017

Niente smartphone nelle scuole francesi, Tinder che segue tutto quello che fai. E un nuovo modo di sbloccare il cellulare con un dito

Tutto quello che vale la pena sapere, oggi, nel mondo della tecnologia. Notizie perfette per chiacchierare davanti a un caffè

Un lettore nascosto

Synaptics dice di aver risolto un problema tecnico che probabilmente ha causato un cambio sostanziale nell’esperienza utente con diversi smartphone di fascia alta del 2017: al CES2018 potremmo finalmente vedere i primi prototipi di cellulari con lettore di impronte digitali integrati nello schermo. Avrebbe fatto comodo su iPhone X e su Galaxy S8, peccato non ci fosse. 👉📱

 

***

La Francia farà a meno dei cellulari a scuola

Dal prossimo anno scolastico, gli studenti fino a 15 anni dovranno rinunciare a portare lo smartphone in aula. Lo ha deciso la Francia: possiamo dire che probabilmente la soluzione migliore non è mettere il telefono fuori dalla porta? 📵

 

***

Twitter fa ordine

Il fringuello da 140 280 caratteri per post ha varato una nuova funzione per semplificare la creazione di vere e proprie discussioni tematiche: ha di fatto varato un sistema di raccolta in thread delle discussioni, per rendere anche più snella e leggibile la timeline degli utenti. Servirà? Male non fa. Nonostante gli sforzi, Twitter non ha raggiunto il successo di altri social (Facebook in testa) forse anche a causa della stampa non sempre benevola nei suoi confronti: ora però si scopre che non sempre era stampa del tutto disinteressata, e c’entra uno degli uomini chiave della campagna presidenziale di Donald Trump. 🗃

 

***

La Cina è AI, per Google

Da Mountain View a Pechino: è nella capitale della Repubblica Popolare che nascerà un centro di ricerca per l’intelligenza artificiale a opera di Google. Una scelta sensata: ci sono decine di migliaia di laureati ogni anno in materie scientifiche in Cina, un bacino immenso a cui attingere per scovare talenti. 🤖

 

***

Tinder sa tutto di te

Informazioni come post su Instagram, playlist su Spotify e altri aggiornamenti inseriti in altri social network: è il nuovo modo di Tinder di farci scoprire qualcosa di più dei nostri match, quando insomma si verifica la fortunata circostanza di una preferenza reciproca sulla app per cercare l’anima gemella. L’idea è che queste informazioni possano servire a capire se davvero chi si trova dall’altra parte dello schermo sia un partner potenziale realmente compatibile coi nostri gusti e interessi. Ma non sarebbe meglio scoprire tutto un po’ per volta? 💏

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter