immagine-preview

Dic 19, 2017

#SIOS17 | IoT, Health&Welfare, Lean Manufactorig, tutti i panel degli Innovation Talks di growITup. Il racconto

Mentre in plenaria si alternavano gli interventi di #SIOS17, growITup - partner tecnico dell'evento - ha organizzato gli Innovation Talks. 20 aziende tra startup e multinazionali si sono alternati sul palco per parlare di innovazione. Ecco che cosa è successo

Innovazione e crescita imprenditoriale per le startup. Nel contesto di #SIOS17 si sono svolti anche gli Innovation Talks di growITup, partner tecnico dell’evento. Durante la giornata si sono alternati nove panel allestiti per dare l’opportunità alle varie imprese e startup presenti di interagire tra loro e raccontare le proprie esperienze.

‪Quali sono le strategie digitali più innovative?

È su questo quesito che i 20 ospiti che si sono susseguiti sul palco hanno intavolato le loro argomentazioni, fornendo spunti molto interessanti‬, nuove opportunità di apprendimento, condivisione, dibattito e networking.

‪Durante il primo panel si è parlato di sistemi di pagamento con Roberto Catanzaro, Executive Director Business Development di Nexi, e Carlo Garuccio, Head of Strategy di Sisal. Catanzaro si è espresso su un tema di strettissima attualità, quello dei bitcoin, affermando che “questo tipo di criptovaluta a oggi non può essere un metodo di pagamento, ma soltanto un asset di investimento”. Garuccio, invece, ha parlato di integrazione online e offline ‬sottolineando l’importanza di sviluppare innovazione non solo all’interno dell’azienda ma anche all’esterno. “Abbiamo creato una ‘digital factory’ per essere più veloci nello sviluppo e perché le startup per noi sono ricche di stimoli”.

Lean Manufactoring il punto con Ansaldo, Electrolux, Intesa San Paolo e OL3 Solutions

‪Dopodiché è toccato a Luca Manuelli (Chief Digital Officer di Ansaldo), Manuel Silva (Open Innovation Project Manager di Electrolux), Ruggero Recchioni (Head of Industry Innovation di Intesa Sanpaolo) e Pasquale Lanci (CEO di OL3 Solutions) intervenire a proposito di ‬Lean Manufacturing, Smart Safety and Predictive Maintenance. ‪“Con il progetto Digital x-Factory abbiamo voluto premiare una tecnologia avanzata che migliorasse le condizioni di sicurezza del lavoratore” ha commentato Manuelli. Silva, invece, ha spiegato il legame tra Electrolux e Intesa San Paolo: “Raccogliamo gli interessi delle diverse funzioni aziendali e con partner come Intesa San Paolo andiamo a cercare delle startup. Il nostro scopo è globale”. Recchioni ha poi aggiunto: “Di solito facciamo intermediazione di denaro, con Electrolux facciamo intermediazione tra domanda e offerta tecnologica”.‬ Parola poi a Lanci, che ha sintetizzato così la sua startup: “Stiamo lavorando sul problem solving attraverso piattaforme web che permettono di tracciare il problema e forniscono informazioni su come risolverlo”.

IoT e social innovation con Vodafone e Techsoup ‬

Con ‪Francesco Paolo Camarda, IoT Consumer Marketing Manager di Vodafone, si è parlato di IoT (Internet of Things): “La sim deve essere un’esperienza totalmente digitale lasciando tutto in mano all’utente. Noi vogliamo entrare in un mercato che fornisca anche l’hardware: per esempio collaborando con Kippy, una startup che produce collari per animali che noi abbiamo integrato con la connessione Internet”.‬

Nel quarto intervento è toccato a Marco Gerevini, Managing Director di Fondazione Housing Sociale‬, e Davide Minelli, direttore di TechsoupItalia‬. “Il programma ‘Cariplo social innovazione’ ha due pilastri: capacità building e fornitura di capitale. Il primo è finalizzato a dotare gli enti del terzo settore delle strutture organizzative e degli strumenti necessari per crescere e svilupparsi, sempre nell’ottica dell’innovazione. Questo programma verrà attivato a febbraio 2018 e vuole cercare di aiutare l’ecosistema a crescere. Permetterà alle startup di finanziare questi percorsi di crescita con soggetti selezionati. Il secondo pilastro avrà una dotazione di 8 milioni di equity da investire in soggetti che abbiano impatto nel beneficio sociale” ha spiegato Gerevini.‬ Minelli invece ha espresso il concetto di zuppa tecnologica: “L’obiettivo è dare tecnologia all’avanguardia senza scopi di lucro. Un’organizzazione no profit oggi, registrandosi a Techsoup, può ottenere software e hardware a costi quasi gratuiti o in donazione‬”.

“L’obiettivo è dare tecnologia all’avanguardia senza scopi di lucro. Un’organizzazione no profit oggi, registrandosi a Techsoup, può ottenere software e hardware a costi quasi gratuiti o in donazione‬”

Health&Welfare il punto con Chorafarma e Amicomed

Health&Welfare è il tema su cui si sono basati gli interventi di Timothy O’Connell (Business Leader di H-Farm‬), Francesco Tozzi (CEO e fondatore di Chorafarma‬) e Giangiacomo Rocco di Torrepadula (CEO e cofondatore di Amicomed‬), introdotti da Enrico Noseda di growITup.  ‬ Tozzi ha presentato la startup Chorafarma‬: “Noi startup siamo la nuova frontiera delle ricerche di mercato, basate non solo su dati ma sulla concretezza delle cose”‬.

Tecnologia e sport, che cosa è cambiato

Gli Innovation Talks di growITup sono stati anche occasione per parlare di tecnologia e sport estremi con Nicolò Chiaramonte, Digital Project Manager di Dainese, e Marco Frealdo, Digital Marketing Manager di Campagnolo. “‪La tecnologia deve essere all’interno del prodotto stesso. La simbiosi tra il prodotto e la tecnologia è la nostra filosofia. Abbiamo creato un algoritmo che attiva un airbag in caso di incidente. Vogliamo aumentare e migliorare il contatto qualitativo con il cliente” ha dichiarato Chiaramonte.‬ Frealdo invece ha parlato di come nella sua azienda siano riusciti ad applicare ‬l’IoT sulla bici da corsa: “Negli ultimi 10 anni il mercato è cambiato e la bici è diventato un modo di vivere. Noi abbiamo installato sulle nostre bici un prodotto in grado di connettersi allo smartphone. Siamo partiti con delle idee interne e pian piano ci siamo aperti a delle startup locali a Padova e siamo arrivati a offrire un panorama di servizi per tutti i ciclisti, non solo quelli che utilizzano prodotti di gamma‬”.

Innovazione video-televisiva: l’importanza dello storytelling

Non poteva mancare un panel dedicato all’innovazione video-televisiva introdotto dalla moderatrice Francesca D’Amico di Cariplo Factory. Martina Palmese, Brand Marketing di Qvc, ha raccontato l’esperienza del canale: “Raccontare la storia dell’imprenditore per vendere il prodotto. Ciò rende possibile creare un rapporto con il cliente che ci guarda da casa e passare dallo storytelling allo storyselling”.‬ Palmese ha poi spiegato il progetto QvcNext: “Vogliamo sostenere le startup attraverso le nostre piattaforme per unire e colmare quei gap che possono essere rischiosi per le piccole realtà”. Cristina Sangiorgi, Tv and New Media Producer di Sky‬, ha parlato di ‬innovazione nel settore televisivo: “L’innovazione è fondamentale in questo settore. Il mondo cinematografico e video ne ha bisogno per portare a casa dei buoni progetti”.

Agricoltura di precisione, il punto sull’innovazione in ambito food‬

Il penultimo panel è stato dedicato al food e all’agricoltura. Antonio Marzia, VP of Connected Services di CNH Industrial,‬ ha spiegato il concetto di ‘precision farming’: “È l’utilizzo di satelliti nell’agricoltura per migliorare le performance degli strumenti a disposizione. In questo momento siamo in una fase pilota del progetto in cui stiamo provando il flusso di dati nei sistemi di Barilla e Birra Peroni. Startup e innovazione sono i nostri target in questo momento“.

Infine è toccato ad Alfonso Mariconda, VP Corporate Venture Capital di TIM, chiudere gli Innovation Talks: “Sono moltissime le startup utilizzate per migliorare e semplificare i processi interni di Tim”. Ed è giunta proprio durante i panel la notizia che TIM ha vinto il “Premio dei Premi dell’innovazione”.‬

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter