immagine-preview

Dic 23, 2017

Ecco la lista dei 12 libri per founder e innovatori da regalare a Natale

Oggi inizia il weekend pre-Natale è tempo di chiudere gli ultimi regali. Abbiamo stilato una lista di 12 libri che ci hanno colpito perché rivolti ad un pubblico resiliente, innovatore, empatico e pronto al cambiamento

Chi di voi è in ritardo con i regali? Chi di voi si ridurrà per indole all’ultimo momento? Chi, infine, non ha la più pallida idea di cosa regalare? Niente paura ci abbiamo pensato noi di StartupItalia!

“Non c’è nave che possa, come un libro, portarci nelle terre più lontane. Leggere è sempre un viaggio: ci sono mondi da scoprire, vite da attraversare, pensieri che terminata la lettura entrano a far parte di noi”, scriveva Emily Dickinson.

Ricevere un libro come regalo è sempre cosa gradita, ecco una selezione di testi che hanno colpito il nostro interesse perché disruption!

Dunque a ciascuno la sua lista e Buone lettura a tutti!

 

La nostra lista (di Babbo Natale)

  1. Codice Montemagno. Diventa imprenditore di te stesso grazie al digital – di Marco Montemagno

 

Come avverte lo stesso Montemagno nell’Introduzione, questo libro non contiene ricette magiche per avere successo in rete e non è neppure un libro di “crescita personale”, perché Montemagno non è un motivatore e non crede nell’industria della motivazione. Questo libro, invece, è una raccolta dei più interessanti concetti contenuti nei suoi video e nei suoi workshop destinati ad aiutare chi è interessato a mettersi in proprio facendo leva sull’online, chi, come dice in modo più efficace lo stesso Marco, vuole conoscere. “il dietro le quinte di uno che […] prova ogni giorno a vivere in modo indipendente, a disegnarsi una vita personalizzata (perché quella standard gli sta stretta)” e vuole “cogliere con buon senso le opportunità del digital” attraverso “un racconto sincero, senza fuffa o storie di fantasia”.

 

 

  1. Elon Musk. Tesla, SpaceX e la sfida per un futuro fantastico – di Ashlee Vance

 

Moderno epigono di Thomas Edison, Henry Ford, Howard Hughes e Steve Jobs, Elon Musk è il fondatore di aziende come PayPal, Tesla, SpaceX e SolarCity, ciascuna delle quali ha generato onde d’urto nel business e nell’industria americana. Più di ogni altro imprenditore contemporaneo, Musk ha investito le sue energie e il suo vasto patrimonio per immaginare un futuro ricco e luminoso, come i geni visionari dell’età dell’oro della fantascienza. In questo ritratto avvincente e documentato, Ashlee Vance racconta con una completezza senza precedenti la carriera straordinaria del businessman più audace della Silicon Valley – un autentico Iron Man – e conduce un’analisi attenta del nuovo corso dell’imprenditoria americana e della sua nuova generazione di “creatori”. Grazie al rapporto in esclusiva con Musk, la sua famiglia e i suoi amici, il libro ripercorre le varie tappe della sua vita: dall’infanzia difficile in Sudafrica fino alle vette del business mondiale. Vance ha conversato con Musk per oltre cinquanta ore e ha intervistato quasi trecento persone per ricostruire le turbolente vicissitudini delle aziende rivoluzionarie fondate da Musk e per dipingere il ritratto di un uomo dalla personalità complessa che ha trasformato l’industria americana, innescando nuove ondate di innovazione e facendosi anche molti nemici. In un’epoca in cui molte aziende sono più interessate a inseguire guadagni facili che a rischiare sviluppando tecnologie rivoluzionarie, Musk è l’unico imprenditore dotato di sufficiente dinamismo e visionarietà per affrontare – e stravolgere – più settori in un colpo solo. E due delle sue ultime “invenzioni” come Hyperloop o le autostrade sotterranee vanno esattamente in questa direzione. Elon Musk è un’indagine brillante e approfondita su un mondo tecnologico che sta vivendo trasformazioni sempre più radicali, e offre un ritratto vero ed entusiasmante dell’uomo che sta creando il futuro.

 

  1. Da zero a uno. I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro – di Peter Thiel

 

Nel mondo del business ogni evento accade una volta sola. Il prossimo Bill Gates non costruirà un sistema operativo. Il prossimo Larry Page o Sergey Brin non realizzerà un motore di ricerca. E il prossimo Mark Zuckerberg non creerà un social network. Se state copiando le loro imprese, non state imparando molto da loro. Ovviamente è più facile copiare un modello che realizzare qualcosa di nuovo. Fare quello che sappiamo già fare porta il mondo da 1 a n, un cambiamento incrementale che aggiunge un po’ di qualcosa che ci è familiare. Per costruire il futuro occorre invece un cambiamento verticale, trasformativo: bisogna andare da 0 a 1. L’atto della creazione è unico, così come il momento in cui essa avviene, e il risultato è qualcosa di originale e inusuale, che va perseguito a tutti i costi, perché chi non lo farà è destinato a scomparire. “Da zero a uno” tratta di come costruire imprese che creano cose nuove e si basa su tutto ciò che Peter Thiel, imprenditore seriale e pensatore controcorrente, ha imparato in prima persona come cofondatore di PayPal e Palantir, e poi investitore in centinaia di startup, comprese Facebook e SpaceX. La sua filosofia d’impresa, la densa analisi delle questioni fondamentali dell’innovazione e del futuro, e il suo sguardo dietro le quinte delle imprese di maggior successo della Silicon Valley offrono una guida a tutti coloro che vogliono mettersi in gioco e creare la propria azienda.

 

  1. La sindrome di Eustachio. Storia italiana delle scoperte dimenticate – di Massimo Sideri

 

L’innovazione è stata a lungo italiana e lo è ancora, ma schiacciati come siamo dalla propaganda da Silicon Valley che confonde consapevolmente innovazione con successo commerciale ce ne siamo dimenticati, o forse non l’abbiamo mai saputo. Massimo Sideri, firma del ”Corriere della Sera” ed esperto di innovazione, sfoglia il passato remoto e prossimo isolando una serie di cortocircuiti scientifici e tecnici che sono da attribuire a uomini di genio italiani e che curiosamente sono poco noti.

Dagli occhiali al vuoto, dal pianoforte alla matita, dal copyright ai primi libri tascabili, dal microchip alle cellule staminali, una lista curiosa che rivela i risultati della creatività italiana all’opera.

 

 

  1. Che cos’è l’economia circolare – di Emanuele Bompan, Ilaria Nicoletta Brambilla

 

Ha fatto la sua apparizione sulla scena internazionale al World Economic Forum di Davos del 2014, quando ha conquistato una platea gremita di politici, capitani d’industria e giornalisti. È diventata la chiave per il rilancio dell’economia europea dopo l’approvazione del Pacchetto sull’economia circolare da parte della Commissione Juncker nel dicembre del 2015. E si moltiplicano le riviste, gli articoli, i convegni e gli studi a essa dedicati. Eppure, nonostante se ne parli parecchio, in pochi hanno chiaro cos’è davvero l’economia circolare. Sarà perché si tratta di un concetto ancora giovane, sarà perché è un “ombrello” sotto cui possono rientrare saperi e pratiche molto diversi come la bioeconomia, la sharing economy, il remanufacturing, la biomimesi o i sistemi di gestione avanzata dei rifiuti. In questo libro, gli autori ricostruiscono l’evoluzione e gli sviluppi più recenti della circular economy, “un’economia industriale che è concettualmente rigenerativa e riproduce la natura nel migliorare e ottimizzare in modo attivo i sistemi mediante i quali opera”. Si tratta di prendere la linea retta sottesa all’attuale sistema economico, che preleva, trasforma, vende e butta, indifferente alle conseguenze (cambiamenti climatici, difficoltà di approvvigionamento delle materie prime, inquinamento e distruzione della biodiversità) e piegarla fino a trasformarla in un cerchio. In questo modo, i prodotti vengono progettati per durare ed essere smontati facilmente, i rifiuti vengono valorizzati e trasformati in risorse con cui prolungare all’infinito il ciclo di vita dei beni. Che cos’è l’economia circolare fornisce poi una serie di indicazioni pratiche per chi vuole implementare i principi della circolarità nella propria attività, generando ricchezza e nuova occupazione.

 

 

  1. Il lavoro? Me lo invento: Idee, strade, info pratiche per mettersi in proprio con successo – di Lucia Ingrosso e Silvia Messa

 

C’è una nuova imprenditoria che sta sfondando in Italia. Un esercito di persone che non cerca un lavoro, se lo inventa. Una generazione con una marcia in più. Giovani ma anche meno giovani, ex dipendenti che fanno il grande salto: si mettono in proprio e si reinventano una vita. Perché fare impresa è bello. A tutti loro è dedicato questo manuale, che insegna a dare concretezza ai sogni. E aiuta, in modo puntuale, a trovare il settore giusto, mettere a fuoco l’idea, redigere il business plan, trovare i soldi, scegliere la forma societaria, promuoversi, fare business online. Il tutto grazie ai consigli degli esperti e alle storie di tanti piccoli e medi imprenditori illuminati, da Nord a Sud, nei settori più diversi (tecno, food, artigianato, servizi, turismo…). “Gli imprenditori sono persone che prendono l’acqua gelata che viene buttata sulle loro idee, la scaldano con l’entusiasmo, ne fanno vapore e si spingono avanti”. Vi riconoscete in questa definizione? Allora andate avanti: leggete questo libro, nato dall’esperienza ventennale di Millionaire e mettete in pratica la vostra idea. Nessuna sfida è impossibile per chi è davvero motivato.

 

 

  1. Alibaba: La storia di Jack Ma e dell’azienda che ha cambiato l’economia globale – di Duncan Clark

 

Un avvincente racconto in presa diretta: come un insegnante ha costruito una delle aziende di maggior valore al mondo – in grado di rivaleggiare con Walmart e Amazon – e ha cambiato per sempre l’economia globale.

In soli quindici anni Jack Ma, un insegnante d’inglese di origini modeste, ha fondato Alibaba e ne ha fatto una delle aziende più grandi del mondo, un impero dell’ecommerce e un punto di riferimento per centinaia di milioni di utenti. Nel 2014 l’IPO da 25 miliardi di dollari di Alibaba è stata l’esordio più travolgente nella storia dei mercati finanziari globali. Un Rockefeller del suo tempo, corteggiato da Ad e presidenti di tutto il mondo, Jack è un’icona del nuovo settore privato cinese e il suo sito permette alle aziende di entrare in contatto con centinaia di milioni di consumatori della classe media.

Duncan Clark ha conosciuto Jack nel 1999, nel piccolo appartamento in cui aveva fondato Alibaba. Grazie a un accesso senza precedenti a documenti inediti e interviste esclusive, Clark attinge alla sua esperienza come consulente di Alibaba e ai vent’anni trascorsi in Cina per ripercorrere con autorevolezza le tappe dell’ascesa di Alibaba. Come ha fatto Jack, partendo da zero e dopo i primi fallimenti, a raggiungere il successo globale con Alibaba? Come ha sconfitto gli imprenditori rivali, in Cina e nella Silicon Valley? Alibaba riuscirà a difendere la sua quota di mercato dell’80 per cento? Ora che si espande nella finanza e nell’intrattenimento, ci sono limiti alle sue ambizioni? Cosa ne pensa il governo cinese? Alibaba continuerà a guadagnare terreno oltre i confini della Cina, fino a raggiungere gli Stati Uniti? Clark inquadra la storia di Alibaba nel contesto delle grandi trasformazioni socioeconomiche della Cina, puntando i riflettori su un nuovo colosso dell’industria che nessuno avrebbe saputo prevedere.

 

  1. Contagioso: Perchè un’idea e un prodotto hanno successo e si diffondono – di Jonah Berger

 

Perché una cosa ha successo? Se hai risposto “grazie alla pubblicità”, ripensaci. Le persone non danno retta agli spot; preferiscono ascoltare il parere degli amici. Ma perché la gente parla di certi prodotti più che di altri, o perché solo alcuni contenuti online diventano virali? Jonah Berger, docente di marketing alla Wharton School, ha dedicato anni a cercare la risposta a queste domande. In questo libro, che combina studi innovativi e storie coinvolgenti, svela i meccanismi segreti del passaparola e della trasmissione sociale e mostra i sei punti di forza che deve avere una campagna per rendere contagiosi prodotti e idee. Racconta perché le pubblicità contro l’uso della droga in realtà possono averne aumentato il consumo, come certi videogiochi creano dipendenza (e altri no) e perché più di duecento milioni di consumatori hanno condiviso il video di uno dei prodotti apparentemente più comuni e noiosi: un frullatore. “Contagioso” fornisce un set di tecniche pratiche e facilmente applicabili per creare lanci pubblicitari, diffondere informazioni, ideare cose o messaggi che la gente amerà e condividerà. Utile al manager di una grande azienda, al proprietario di una piccola impresa, al politico candidato alle elezioni e a chiunque voglia diffondere un’idea o un nuovo prodotto, è un testo che rivoluziona teorie e falsi miti sul comportamento dei clienti e sul viral marketing.

 

  1. La vera storia del genio che ha fondato McDonald’s – di Kroc Ray

 

Pochi imprenditori possono affermare di aver davvero cambiato la società e il nostro modo di vivere. Ray Kroc, il fondatore della catena di fast food più famosa al mondo, McDonald’s®, è uno di loro. Le sue grandi intuizioni nell’ambito della ristorazione, del franchising, della pubblicità, gli hanno riservato un posto d’onore nell’olimpo degli uomini e delle donne che hanno creato, con le loro imprese, dei veri e propri imperi. In questa autobiografia Ray Kroc racconta i passi decisivi della sua vita, la formazione, le persone che gli sono state vicine, il suo costante impegno nel lavoro, i successi e le inevitabili difficoltà. Il libro non è un’apologia del classico self-made man americano, ma il racconto affascinante e onesto di un uomo capace di trasmettere un grande entusiasmo.

 

  1. Startup zero.0. Imparare dai fallimenti per creare successi. Dalla Silicon Valley all’Italia – di Federico Pistono

In Italia stanno spopolando le startup innovative, il 90% delle quali non è realmente una startup e il 90% delle rimanenti fallirà in meno di anno. Questo libro demistifica la mitologia attorno al mondo delle startup italiane e offre una visione chiara e concisa di cosa sono, come si creano e come funzionano, attraverso numerosi suggerimenti pratici derivati dall’esperienza dell’autore. Dall’idea al modello di business, dal formare il team a come raccogliere soldi, parlare con gli investor, fare crescere la startup, quali sono le dure verità che nessuno ha il coraggio di dire? Invece di un’analisi sterile e accademica, si presentano storie vere e consigli senza filtri che guideranno il lettore nel percorso di trasformazione di un’idea in una startup, evitando di fare errori stupidi e di perdere tempo, soldi e reputazione. Startup Zero.0 fornisce agli aspiranti startupper i consigli e le precauzioni che lo stesso autore avrebbe voluto conoscere quando iniziò dieci anni fa con la sua prima startup.

  1. #GROWTH HACKER Mindset e strumenti per far crescere il tuo business – di Raffaele Gaito

Quando si cerca su Google il significato della parola Growth Hacking tra i primissimi risultati si trova la definizione tratta dal Blog di Raffaele Gaito. “Growth Hacking è un processo di sperimentazione rapida sul prodotto e sui canali di marketing per trovare il modo più efficiente per far crescere un business” una definizione secca, decisa, senza troppi fronzoli eppure più aventi nel suo post aggiunge: “Voglio chiarire subito Growth Hacking è un mindset, un approccio. Qualcuno azzarderebbe addirittura a definirlo una filosofia”.

Chi meglio di lui allora poteva scrivere un libro sull’argomento? Su che cosa c’è di concreto nella strategia di chi ha “nella crescita la sua stella polare”? Così è stato ed è uscito da qualche giorno in libreria GROWTH HACKER Mindset e strumenti per far crescere il tuo business.

  1. Sei un genio! La rivoluzione digitale degli artigeni, artigiani e lavoratori dalle idee geniali – di Giampaolo Colletti

Il libro presenta 10 storie di “artigeni” parola inventata da Giampaolo Colletti e che indica gli artigiani geniali che hanno sapute tenere il passo col digitale e si sono messi in gioco proponendo progetti e idee disruptive. Un viaggio lungo tutto lo stivale per cercare le storie più significative e i personaggi che hanno cambiato il modo di lavorare intuendo la direzione che stava prendendo il mercato. Un libro utile soprattutto a chi sta pensando di intraprendere un percorso diverso che passa dal digitale e dalle idee wow.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter