Whatsapp Business arriva in Italia: le cose da sapere e da evitare

Da poche ore è disponibile sul Play Store di Android Whatsapp Business, la popolare app di messaggistica dedicata alle PMI. L'Italia è tra i Paesi scelti per il lancio. Cosa cambia e a cosa si deve prestare attenzione

L’Italia è stata scelta assieme a Regno Unito, USA, Indonesia e Messico per il lancio di Whatsapp Business, l’app da 1.3 miliardi di utenti nella sua versione dedicata alle Piccole e Medie Imprese. Non sorprende che l’Italia una volta tanto sia tra i primi Paesi per il lancio di un’app così importante, visto che la quasi totalità (99,9%) delle imprese italiane è costituita da PMI e quasi il 95% di quella totalità è costituito da microimprese, con meno di 10 dipendenti. Pare dunque che l’Italia sia il banco di prova perfetto tra i Paesi dell’Unione Europea.

Al momento l’app è disponibile solo per dispositivi Android e in Italia sono ben 2.169.000 (dati Marzo 2017) quelli che hanno già installato whatsapp nella sua versione più conosciuta.

Quali sono le novità

WhatsApp Business Novità
  1. Tra le novità sarà possibile avere un profilo attività con le informazioni più importanti come email, sito web, inidirizzo dell’attività e una breve descrizione.
  2. Sarà poi possibile preparare delle risposte rapide preimpostate per rispondere alle domande frequenti, così come fa anche gmail o risposte automatiche che avvisano che l’attività è chiusa.
  3. Importantissime saranno poi le statistiche dei messaggi letti, come funziona con servizi di mail marketing professionali.
  4. È possibile indicare anche un numero fisso, chiedendo poi la verifica con chiamata invece che con SMS. Questo sarà utile se non avete un altro numero di telefono mobile e volete tenere separati Whatsapp normale da quello business. Potrete infatti averli entrambi sulle due applicazioni ma dovranno fare riferimento sempre a due numeri diversi.
  5. Resteranno invariate le funzionalità WhatsApp Web così come non cambierà nulla per gli utenti normali che si contatteranno, che però saranno informati che stanno comunicando con un Accont Business.
  6. Se volete passare il vostro numero di telefono da privato a business, potete farlo ma è meglio se fate un backup sul computer se poi ci ripensate e volete tornare alla versione normale.

Cose a cui prestare la massima attenzione

Dati

Come ricordato nella privacy policy (che vi consigliamo di leggere attentamente) nel momento in cui si usa un profilo business, si diventa responsabili dei dati e dei contenuti che gli utenti scambiano con la nostra impresa. L’impresa sarà responsabile del trattamento dei dati che saranno inviati a mezzo WhatsApp Business. Opportuno sarà quindi anche fare un backup periodico di tali dati, fornire l’accesso solo a personale autorizzato.

La rubrica

Ad esempio WhatsApp presuppone che si abbiano le necessarie autorizzazioni per condividere i numeri della rubrica col servizio. Inoltre il riferimento è esplicitamente alla rubrica del telefono aziendale. Questo vuol dire che sarà opportuno separare prima la rubrica dei contatti collegati all’attività professionale. Non si pensi di poter mandare messaggi broadcast (ovvero uno stesso messaggio per tutti) a tutti i numeri della nostra rubrica. Per i cellulari infatti vale la regola di opt-in, ovvero devono avere dato il consenso a ricevere messaggi pubblicitari se si tratta di consumatori.

Vero è che, se infastiditi, i consumatori potranno bloccarvi ma questo non toglie il rischio di fiduraccia oltre a quello di un esposto all’associazione dei consumatori e al Garante della Privacy se non si possa dimostrare che si aveva il consenso.

Stesso uso, diversa funzione

È quindi necessario ricordare che se anche il tone of voice può essere amichevole come con degli amici, in quel momento si sta operando e comunicando come un’azienda, con tutte le responsabilità che ne derivano.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter