Feb 19, 2018

Smettila di cercare il lavoro dei sogni e scopri il multipotenziale in te. Intervista a Emilie Wapnick

Esce in Italia il libro della scrittrice che rivoluziona il concetto di carriera e spiega come essere felici in ufficio

Se sbagli il lavoro sbagli vita. Come fare la giusta scelta? Magari hai tante passioni, anche diverse tra loro. E la società ti spinge a specializzarti, ad avere una sola identità quando tu hai tante anime diverse che vogliono trovare spazio nel tuo lavoro e nella tua vita.

 

Tante contraddizioni, che Emilie Wapnick ha vissuto sulla sua pelle.  Emilie è una giovane canadese, scrive musica, sviluppa, è una blogger e da poco scrittrice. Qualche anno fa ha stupito il mondo con il suo Ted Talk sui multipotenziali (4 milioni di persone lo hanno visto, ed è stato tradotto in 36 lingue).

 

Se lo hai perso, nel talk parlava a quei giovani che hanno tanti interessi in campi diversi e sono insicuri sulla strada da intraprendere nel mondo lavorativo (i multipotenziali, appunto). A loro consiglia diversi percorsi per riuscire a esprimere tutte loro anime nella loro carriera lavorativa.

 

Diventa chi sei – esce in Italia la traduzione

Da quel Ted è nato un libro “How to Be Everything”, pubblicato dalla Casa Editrice HarperCollins. Il testo è stato recentemente tradotto in italiano da MGMT Edizioni, con il titolo “Diventa Chi Sei”, all’interno della collana “Imprese”.

 

In occasione dell’uscita del libro in versione italiana, abbiamo raggiunto Emilie per farle qualche domanda.

Scopri il multipotenziale che è in te

Emilie ci racconta la sua storia, come da bambina amasse la musica, la scrittura, girare film e allo stesso tempo creare software. Vari interessi che le provocano più di un grattacapo quando diventa adulta e deve inserirsi nel mondo del lavoro. Una situazione in cui molti possono riconoscersi.

 

Emilie spiega come all’inizio si sia sentita inadeguata e di come poi ha saputo farsi forza per riconoscere il “multipotenziale” che era in lei: «Ho deciso di smettere di combattere con questo mio desiderio di fare tante cose, ho lanciato il mio blog Puttylike e aggregato tutte le persone che si sentivano come me. È in quel momento che ho coniato il termine multipotenziale, perché volevo dare un’etichetta positiva al mio stato d’animo», racconta a StartupItalia!

Come coniugare passioni e lavoro: 4 approcci

Emilie spiega prima come riconoscere il multipotenziale che c’è in ognuno di noi. Un multipotenziale è curioso di tante materie diverse e per questo perde interesse facilmente per un argomento, per passare rapidamente a una nuova passione. Durante la sua carriera ha lavorato in molti campi, tutti diversi tra loro. Vive nel desiderio di applicare tutte le sue attitudini nel mondo del lavoro, ma come fare? Emilie nel libro illustra quattro possibili approcci:

 

Hug Approach: «È tipico degli imprenditori o startupper che riescono a combinare più interessi nel loro business».

Phoenix Approach: «È quello degli startupper o imprenditori seriali che dedicano un numero di anni a un’attività per poi iniziarne un’altra, in un nuovo settore»

Slash Approach: «È l’approccio di chi decide di chi riesce a dare voce alle proprie anime diverse, facendo lavori part-time o impegnandosi in più di un business contemporaneamente».

Einstein Approach: «È infine il comportamento di chi riesce ad avere un lavoro stabile, ma che al contempo gli consente di avere tempo libero per dedicarsi ad altre sue passioni».

Non esiste il lavoro dei sogni

Il libro di Emilie è un testo “anticarriera”, come lei stessa lo definisce. Non vuole aiutarti a cercare il lavoro dei sogni, che secondo l’autrice neanche esiste: «Invece di cercare un lavoro che possa soddisfare i tuoi desideri, cambia approccio. Chiediti quali sono le attività che ti accendono dentro? Quali sono i tuoi obiettivi finanziari? Come deve essere la tua giornata perfetta? E, soprattutto, di quanta varietà hai bisogno nella vita per essere felice?», continua Emilie.

 

La blogger canadese spiega che il lavoro dei sogni non serve. Ti occorre piuttosto dare significato e varietà alla tua vita, insieme alla necessaria stabilità finanziaria. Secondo Emilie si può fare: «Sono questi in fondo gli elementi che permettono alla tua vita di fiorire», conclude.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter