immagine-preview

Feb 27, 2018

#Italia2018 le proposte della politica e la campagna sui social, rivedi la diretta Facebook

Giovedì 1° marzo alle 17.30 uno speciale Facebook Live. Partecipa alla "maratona elettorale" di StartupItalia! dal vivo via Skype o con l’hashtag #Italia2018. Parteciperanno: Mattia Mor (PD), Antonio Palmieri (Forza Italia), Luca Carabetta (M5S), Isabella Tovaglieri (Lega), Andrea Dusi (10 volte meglio), Lucio Cavazzoni (Liberi e Uguali), Layla Pavone (Digital Magics), Stefano Mainetti (Polihub - Politecnico di Milano), Carlo Alberto Carnevale Maffè (Università Bocconi) e lo spin doctor Marco Marturano

Le domande degli innovatori, le risposte della politica, il termometro dei social.

#Italia2018 Le richieste degli innovatori, le risposte della politica, il termometro dei social nel primo social talkshow elettorale.

Pubblicato da StartupItalia su giovedì 1 marzo 2018

Alzi la mano chi, in queste lunghe settimane di campagna elettorale, non ha pensato a Waldo. Per orientarvi meglio vi do un aiutino. Siamo nell’ultimo episodio della seconda stagione di Black Mirror, serie che spopola nel mondo, prodotta e trasmessa da Netflix.

E c’è la storia di Jamie Salter, comico fallito (ma che poi avrà modo di riscattarsi) che fa parlare e muovere un cartone animato a forma di orsetto blu attraverso il procedimento della motion capture. Ecco, il pupazzone virtuale si chiama Waldo. Ed è lui a intervistare politici in campagna elettorale e a partecipare ai talk show. E addirittura a concorrere per uno scranno in parlamento. Il produttore Jack Napier, che possiede i diritti su Waldo, suggerisce scherzosamente che Waldo possa battersi con i veri politici alle elezioni straordinarie della cittadina di Stentonford. E così avviene.

 

 

Verso le elezioni: poche azioni, molto (re)azioni

Ecco, ora evito di spoilerare la puntata per chi non l’avesse vista, ma in tanti momenti quel Waldo e la sua storia hanno ricordato una campagna elettorale vissuta di fatto sui social e in tv, con le piazze e i luoghi di aggregazione animati solo come riflesso. E poi una campagna con pochi propositi e azioni sui programmi elettorali e molte (re)azioni a episodi di cronaca che hanno toccato l’immaginario collettivo.

 

Leggi anche: Calenda, il non-candidato che risponde a tutti sui social. Ritratto di un politico che usa (bene) Twitter

 

Una campagna elettorale che è stata monitorata dalla redazione di StartupItalia! con il progetto #Italia2018: un contenitore di interviste su lavoro, innovazione, futuro. Ma anche molto di più. Perché in fondo si è trattato di misurare il termometro di quello che in tempo reale avviene sui social media, di fatto oggi il nuovo manifesto elettorale interattivo della classe politica che si è candidata alle Politiche 2018.

 

Leggi anche: Berlusconi2018, il leader di Forza Italia lancia il nuovo sito, ed è subito down

 

Una campagna elettorale umorale e che non ha entusiasmato i giovani, non richiamandoli al momento all’azione, e quindi al voto. Sul Sole24Ore è stato riportato come quasi un giovane su due non abbia intenzione di votare. E da tutti gli istituti di sondaggio è emerso come l’astensione potrebbe rappresentare nostro malgrado una compagine politica grande quanto (se non di più) gli altri schieramenti in campo.

 

 

E l’astensione va a braccetto col senso di sfiducia verso proposte che spesso sono considerate irrealizzabili anche tra i non addetti ai lavori. «L’Italia, secondo le ricerche internazionali, è il Paese d’Europa con il più basso tasso di attuazione di programmi elettorali. Negli ultimi venti anni in media solo il 45% dei provvedimenti che erano stati garantiti prima delle elezioni sono poi stati realizzati», ha scritto Peter Gomez sul Fatto Quotidiano.

#Italia2018 in diretta, una “bussola” per orientarci

«Non c’è una ricetta magica per avviare anche in Italia un ciclo virtuoso di talenti, investimenti, successi. Ma i cittadini sono curiosi di sapere cosa propongono i partiti per le startup. Magari anche i giovani, così tentati dall’astensione», ha dichiarato sempre sul Sole24Ore Andrea Goldstein di Nomisma.

 

Leggi anche: Su Twitter il primo impegno di Salvini al governo cambia di ora in ora

 

Ecco perché diventa importante capire le posizioni in campo, ascoltare la voce degli influencer dell’innovazione, rileggere le interviste realizzate finora e proporre la mappa in tempo reale dei social media.

Tutto questo sarà #Italia2018 live, l’appuntamento di chiusura di #Italia2018 realizzato dalla redazione di StartupItalia! in programma giovedì 1° marzo dalle ore 17.30. Insieme al direttore Anna Gaudenzi e alla redazione rileggeremo dati, testimonianze, pareri, proposte. E poi ospiteremo e ci collegheremo con politici e opinion leader del mondo dell’innovazione e con gli startupper. Sono previsti in studio o in collegamento Skype: Mattia Mor (PD), Antonio Palmieri (Forza Italia), Luca Carabetta (M5S), Isabella Tovaglieri (Lega), Andrea Dusi (10 volte meglio), Lucio Cavazzoni (Liberi e Uguali), Layla Pavone (Digital Magics), Stefano Mainetti (Polihub – Politecnico di Milano), Carlo Alberto Carnevale Maffè (Università Bocconi) e lo spin doctor Marco Marturano.

 

Leggi anche: Annoiati, fake e bot: il ritratto dell’esercito di follower dei politici su Twitter

 

Durante la maratona in live streaming trasmessa con Facebook Live sulla fanpage di StartupItalia! verranno proposte testimonianze in videomessaggi e letti i tweet della community con hashtag #Italia2018. L’idea è quella di aggregare online e dal vivo tutti gli attori dell’ecosistema dell’innovazione: associazioni, gruppi di interesse, aziende, consorzi, associazioni di rappresentanza.

Per orientarci meglio. Vi aspettiamo!

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter