immagine-preview

Mar 14, 2018

Comunicazione, tweet e Chiesa. A Milano parte un corso di Social Network per le Parrocchie

Il primo incontro sabato 17 marzo all'Università Cattolica di Milano. Tra i relatori anche il direttore di TGLa7, Enrico Mentana

Vivere bene online per vivere bene offline. E viceversa. Questo lo scopo del corso 2018 per Responsabili della comunicazione parrocchiale – o aspiranti tali – organizzato dalla Diocesi ambrosiana. “I social network sono luoghi di esperienza umana”, dichiara a StartupItalia! il responsabile e portavoce dell’Arcivescovo, monsignor Davide Milani, che aggiunge: “Non c’è nulla di più sbagliato di credere che ci sia una censura tra la vita reale e quella virtuale: sono parti di un tutto e in entrambe occorre vivere in armonia”.

 

Leggi anche: Violenza e social, le sole novità della campagna elettorale 2018

 

Per questo l’esigenza, da parte della Curia, di “aumentare la consapevolezza nell’utilizzo di questi nuovi strumenti”, continua Don Milani. “Il progetto della Diocesi di Milano si inserisce in un disegno più ampio che prevede l’istituzione, in ogni Parrocchia, della figura di un responsabile”. Il Responsabile ha il compito di pensare e coordinare le varie dimensioni della comunicazione dentro le comunità cristiane locali. Un servizio su mandato del Parroco e del Consiglio pastorale parrocchiale, che diventa un ambito di impegno volontario della propria professionalità.

 

 

“Il corso di quest’anno”, puntualizza il monsignore, “sarà incentrato sui social media”. E cercherà di offrire un punto di vista insolito: “Tenteremo di veicolare il messaggio che questi nuovi canali possono offrire importanti occasioni per l’ascolto, quando tutti in genere li utilizzano come megafono per esprimere se stessi”.

 

In filigrana un famoso tweet di Papa Francesco: “Non sottovalutiamo il valore dell’esempio perché ha più forza di mille parole, di migliaia di likes, retweets e video su Facebook”. Del resto, ricorda Don Milani: “In questi suoi primi cinque anni di pontificato, Francesco ha dimostrato di essere molto favorevole all’utilizzo dei social che – puntualizza il sacerdote – sono canali ormai fondamentali nella nostra quotidianità”.

 

 

Professionisti del settore si alterneranno per offrire ai corsisti una panoramica completa del tema e analizzare casi studio e buone pratiche. Tra i relatori, anche monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano. Grande spazio sarà dato al dialogo con i partecipanti.

Il corso della Curia ambrosiana si concluderà con una mattinata completamente dedicata alle esercitazioni in gruppi ristretti (massimo 25 persone) supervisionati da tutor, professionisti del settore.

 

Leggi anche: Marturano: “I politici e social: Salvini il migliore, Renzi costretto al pit stop, Berlusconi presente per essere meno virtuale”

 

Sabato 17 marzo si terrà un primo incontro inaugurale alla presenza del direttore del TgLa7, Enrico Mentana, del mons. Paolo Martinelli, Vescovo ausiliare di Milano e di Alessandro Chessa, esperto di Big Data e Assistant Professor all’IMT Scuola Alti Studi di Lucca. Sarà un momento di confronto sulle opportunità date dall’uso dei social media come strumento di ascolto degli utenti e della società. Per iscriversi è sufficiente compilare il form sul sito della Curia milanese: c’è tempo fino al 14 marzo.

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter