Cisco comprerà Jasper (IOT) per 1,4 miliardi di dollari

Un’acquisizione che conferma l’attenzione di Cisco per il mercato dell’Internet of Things, ultima operazione di una strategia chiara del gigante californiano

Cisco sta per comprare un’azienda nata nel 2004 che ha elaborato un software per connettere e controllare gli elettrodomestici e tutti i prodotti elettronici per la casa e l’industria con device elettronici. La cifra annunciata è di oltre 1.4 miliardi di dollari. La startup entrata nel mirino di Cisco è Jaspers ed ha sede a Santa Clara.

Il mese scorso Cisco aveva annunciato un fondo da 100 milioni da investire in startup italiane, investimenti che verranno fatti con Invitalia Ventures. L’interesse di Cisco per l’IOT è grande, come dimostra questa acquisizione, e già da mesi si parla dell’IOT come uno dei settori più in crescita per la digital economy. Un mercato che solo in Italia vale 1.55 miliardi. 

Lo ha detto la stessa società californiana, anticipando un’operazione di mercato che è destinata a diventare tra le exit a più alto valore del 2016. L’obbiettivo di Cisco è rafforzarsi in un mercato dove è già presente, quello dell’IOT, migliorando la propria offerta in un settore in forte crescita e con tecnologie sviluppate da Jaspers consentirà agli utenti di gestire tecnologie anche complesse come quelle dei motori per aerei e macchine di vendita automatica attraverso internet.

Cisco ha già detto al Wall Street Journal che «pagherà in contanti» l’acquisizione delle quote di Jaspers. Sotto la guida dell’amministratore delegato Chuck Robbins, Cisco sta lavorando a estendere la propria offerta nell’Internet of Things, passando da soluzioni per le aziende e i loro network al lato più consumers con soluzioni per la domotica e gli elettrodomestici. In questa direzione quindi va letto l’acquisto di Jaspers, che completerà l’offerta del gigante californiano.

 

FabriQ Acceleration Program 2017. Qui la call

C’è tempo fino al 26 marzo per applicare. Verranno selezionate 20 startup che parteciperanno al percorso di pre-accelerazione, fra queste ne verranno poi scelte fino a un massimo di 7 che riceveranno Seed Money e accederanno al percorso di accelerazione

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Il metodo Jump che rende la matematica facile per tutti

Un insegnante canadese ha sviluppato un metodo di insegnamento che scompone un problema in tanti piccoli segmenti. E ha dimostrato che anche gli studenti più restii possono appassionarsi alla materia

Il papà dell’auto senza pilota sta creando un gruppo per inventare la cucina del futuro

Un misterioso annuncio di lavoro lancia segnali sulla nuova scommessa di Sebastian Thrun, una delle star della Silicon Valley: “Rivoluzioneremo il modo di preparare pasti quotidiani e salutari”

Come cambia il futuro del cibo e il senso del nostro (ultimo) caffè con le startup

Quattro settimane, quattro grandi temi e sfide per il futuro. A due passi dal Duomo di Milano. L’ultima The Next Tech Breakfast di StartupItalia! è dedicata al Foodtech, al futuro del cibo al cibo del futuro: una scommessa che per l’Italia vale 1 milione di nuovi posti di lavoro entro i prossimi 10 anni

Vodafone accelera le startup dedicate all’universo femminile: ecco le prime 5

Il Vodafone Institute for Society and Communications ha selezionato 5 startup per il programma di accelerazione F-LANE in partenza a Berlino. Tutte realtà che hanno come obiettivo il miglioramento della vita delle donne grazie alle loro soluzioni tecnologiche