immagine-preview

Mag 8, 2018

150mila euro in crowdfunding in 48 ore: corre Alfonsino, il chatbot del food

La startup partita con 12mila euro batte ogni record su 200Crowd. Li abbiamo sentiti per conoscere la loro storia

Ben 150mila euro raccolti in 48 ore su una piattaforma di crowdfunding. Questa è l’impresa realizzata dal team di Alfonsino, una startup casertana che ha ideato un chatbot per il food e un servizio di delivery, puntando sui piccoli centri: «Un chatbot non ha bisogno di essere scaricato e ti consente di entrare subito nel cuore delle persone», spiega a StartupItalia! Domenico Pascarella, uno dei founder del progetto.

Partiti con 12mila euro

«Abbiamo un transato di 600mila euro, realizzato in 18 mesi, più di 22mila ordini», racconta Domenico.

Alfonsino è nata dalla sua mente e da quelle di Giuseppe Palmiero (il Ceo), Carmine Iodice e Armando Cipriani: «L’idea era quella di creare un servizio di delivery che aiutasse i ristoranti e i pub nei piccoli centri. In quel momento, Facebook aveva lanciato la possibilità di sviluppare chatbot su Messenger e abbiamo preso la palla al balzo».

L’innovazione è aver ribaltato il paradigma, mentre tutti i big del food delivery, si concentrano nelle città, loro decidono di dedicarsi ai piccoli centri urbani, quelli compresi tra 70mila e 300mila abitanti: «Siamo partiti da Caserta e abbiamo validato il business. Poi abbiamo deciso di estendere il servizio ad altri piccoli centri, quelli dell’agro aversano e poi nei paesi vesuviani».

In questo modo, e partendo da un budget di 12mila euro, riescono a stipulare accordi con più di 80 ristoranti: «I piccoli centri sviluppano fatturati importanti. E vista la poca concorrenza, quasi inesistente, consentono di avere margini molto più alti. In queste località anche gli investimenti in marketing sono ridotti. Con un budget mensile contenuto “portiamo a regime” un centro anche in poco meno di tre mesi».

Un chabot + un servizio di delivery

Alfonsino è un chabot che permette di ordinare via Messenger. Questo significa che l’utente non ha bisogno di scaricare un applicativo, può fare tutto via chat. Un grosso vantaggio se si pensa che un utente passa la maggior parte del suo tempo solo su tre o quattro applicazioni.

In più Alfonsino offre anche un servizio di delivery proprietario, rispetto ad alcuni dei principali competitor che si servono di aziende esterne per la logistica: «Abbiamo scelto di creare la “nostra flotta” così da garantire celerità della consegna e avere anche il controllo della filiera. Oggi abbiamo più di 70 driver che ci aiutano nel delivery».

150mila euro in 48 ore

Alfonsino ha lanciato recentemente una campagna di crowdfunding su 200crowd. Risultato: 150mila euro in 48ore. Una bella  soddisfazione per Domenico e il team specie ricordando gli esordi, quando nessuno dei business angel a cui si sono rivolti hanno creduto nel progetto: «Ci dicevano che eravamo troppo piccoli, che dovevano raccogliere prima un round e poi rivolgerci a loro».

Come si ottengono 150mila euro in pochi giorni? Domenico ci svela tre consigli che rappresentano per lui la formula del successo per una campagna di equity crowdfunding:

1) Crea una campagna di pre-marketing prima del lancio con una strategia mirata sui social

2) Se hai un pacchetto clienti attivo sfruttalo a pieno aggiornandolo sullo sviluppo della campagna con campagne DEM

3) Crea un evento dedicato al lancio invitando potenziali investitori, presentando l’azienda e il piano di espansione con un pitch.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter