Giu 1, 2018

#DCD18, a Milano il primo evento sulla Convergenza Digitale

Organizzato dall'azienda The Digital Box, riunirà i più grandi esperti del digitale e vedrà, per la prima volta in Italia, Guy Kawasaki, primo Chief Evangelist di Apple

Nel 2002, il mobile diventa la “tecnologia” principale per comunicare. Circa 5 anni dopo, Apple porta una nuova rivoluzione, introducendo sul mercato l’iPhone e trasformando il cellulare in smartphone, ovvero uno strumento che consente l’accesso a numerose applicazioni, che diventano parte della propria quotidianità e con cui si costruisce la propria identità in rete. Circa 5 anni fa, Google comunica un cambio di paradigma nell’offerta dei contenuti, derivante dal dirompente impatto del mobile sul desktop. Poi, arriva l’Intelligenza Artificiale che spinge Facebook a sviluppare le API necessarie per creare su Messenger i ChatBot (attualmente più di 200 mila), nati, in realtà nel 1966, quando l’informatico tedesco Joseph Weizenbaum creò l’assistente virtuale Eliza. Era una parodia delle conversazioni dei primi incontri tra il terapeuta e un suo paziente e il nome deriva da Eliza Doolittle, fioraia protagonista della commedia Pigmalione (George Bernard Shaw, 1912).

Mobile, social media e intelligenza artificiale oggi convergono e offrono modalità di contatto con il cliente automatizzate ma personalizzate, che restituiscono una Customer Journey fatta di esperienze più interattive e immersive. Lo sa bene The Digital Box, azienda con sede a Gioia del Colle (provincia di Bari) che è stata una delle pioniere, in Italia, a offrire soluzioni di marketing interamente basate sul mobile. E la prima ad organizzare il Digital Convergence Day, l’evento dedicato, appunto, alla convergenza digitale, in programma a Milano, il 20 giugno, nell’aula magna della Bocconi.

La prima volta in Italia di Guy Kawasaki

Un appuntamento che metterà insieme i più grandi colossi del digitale: Google, Facebook, Microsoft, CA Technologies, Fondazione Bruno Kessler (FBK), oltre ai professori dell’Università di Siena e Università Bocconi. L’evento vedrà per la prima volta in Italia Guy Kawasaki, che, nel 1983, ha avviato il processo di “evangelizzazione” delle soluzioni sviluppate da Apple, favorendone la conoscenza e la diffusione, a cui è seguita la fidelizzazione dei consumatori. Sarà affidata a lui una riflessione a 360 gradi sulla convergenza digitale. Attualmente Kawasaki è chief evangelist di Canva, la piattaforma online che rende fruibile per tutti la progettazione grafica, e Brand Ambassador di “Mercedes-Benz”. È autore di diversi libri, tra cui “The Art of the Start 2.0”, che contiene una serie di consigli utili per l’avvio di una startup, e “The Art of Social Media”. Sarà presente anche Marco Landi, ex-presidente mondiale di Apple, ora presidente di The Digital Box, che volle il ritorno di Steve Jobs nell’azienda di Cupertino.

Il filo conduttore dell’evento, in cui si alterneranno speech e momenti di interazione con i partecipanti, è proprio la comprensione di come intelligenza artificiale, social media e dispositivi mobile, da un lato, e la quantità di big data generati, dall’altro, siano diventati un tutt’uno, per semplificare la fruibilità dei contenuti e interagire in sintonia con i consumatori. Questo “tutt’uno”, chiamato convergenza, ha consentito lo sviluppo di soluzioni a misura di ogni azienda per il raggiungimento degli obiettivi di marketing. Per esempio: chatbot, assistenti virtuali, messaggistica promozionale targettizzata. Oggi, navigazione sul web e fruizione dei social, avvengono da dispositivi mobile: sono più di 1,23 miliardi gli utenti online ogni giorno e 2,780 miliardi le persone che accedono ai social. È in atto un cambiamento nelle strategie di marketing di cui devono diventare consapevoli le aziende, le agenzie di comunicazione e i professionisti dei social. Il Digital Convergence Day è l’evento che ha l’ambizione di lanciare questo messaggio di cambiamento.

Il programma

Start: ore 9

L’evento sarà aperto da Marco Landi, presidente di The Digital Box ed ex-presidente mondiale di Apple, e del rettore della Bocconi Gianmario Verona. Prenderà, poi, la parola Antonio Perfido, responsabile marketing di The Digital Box, per una panoramica sullo scenario definito dalle tecnologie digitali.
Seguiranno gli interventi di: Barbara Cominelli – direttore Marketing&Operations di Microsoft – sui chatbot, Fabio Fregi – manager Italia per Google Cloud – sulle evoluzioni del mobile, Marco Comastri – presidente e general manager CA Technologies-EMEA – su big data e intelligenza artificiale.

La mattinata continuerà con una tavola rotonda sull’intelligenza artificiale, all’interno della quale si confronteranno Paolo Traverso, direttore della Fondazione Bruno Kessler – Center for Information Technology, Marco Gori, professore ordinario di Sistemi di elaborazione dell’informazione nella facoltà di Ingegneria dell’Università di Siena e già presidente dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale, e alcuni esperti dell’Università Bocconi, quali: Emanuele Borgonovo, direttore del bachelor in Economics, Management e Computer Science, Gaia Rubera, professoressa di Marketing, Riccardo Zecchina, titolare della Vodafone chair in Data Science e Machine Learning.

Sarà, poi, la volta di Alberto Mazzieri, sales manager Facebook Italia, che curerà un focus sui social media. La mattinata si chiuderà con lo speech di Guy Kawasaki. I lavori riprenderanno dopo la pausa pranzo, con una seconda tavola rotonda in cui alcuni manager di aziende di successo si confronteranno con Kawasaki, per delineare e comprendere gli impatti della convergenza digitale sul marketing e la comunicazione d’impresa.

Entrambe le tavole rotonde saranno moderate da Nicola Di Turi, giornalista del Corriere della Sera.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter