Giu 9, 2018

Accenture: 200 milioni per finanziare iniziative di responsabilità sociale

Pubblicato il Corporate Citizenship Report 2017 che riepiloga i risultati raggiunti e stabilisce le priorità per i prossimi anni

200 milioni per finanziare iniziative di responsabilità Sociale a livello globale e aiutare le fasce più deboli della popolazione: Accenture ha annunciato un imponente piano di investimenti per i prossimi 3 anni con interventi mirati su istruzione, formazione per aiutare le fasce più deboli della popolazione, incrementare l’occupazione e valorizzare l’occupazione.

 

 

Corporate citizenship report 2017 

L’occasione per riassumerw i principali risultati ottenuti il Corporate Citizenship Report 2017 sui temi della formazione con finalità occupazionale, l’ambiente attraverso la riduzione della CO2 e il bilanciamento di genere

Formazione, il programma Skills to Succeed, creato per aiutare le fasce di popolazione svantaggiate ad accrescere capacità e potenziale inespresso allo scopo di trovare un impiego o avviare un’attività imprenditoriale ha finora coinvolto 2,2 mln di persone.

 

Ambiente: proseguendo la politica di riduzione del proprio impatto ambientale, Accenture lo scorso anno ha tagliato del 50% le emissioni di CO2 per dipendente.

 

Bilanciamento di genere: nel 2017 le donne in Accenture hanno rappresentato il 41% della forza lavoro globale, in crescita rispetto al 39% del 2016 e in linea con l’obiettivo di raggiungere il totale bilanciamento di genere entro il 2025.

 

Accenture si conferma così un’azienda convintamente impegnata nell’ambito della responsabilità sociale per valorizzare i talenti e favorire l’impiego delle persone, coinvolgendole in progetti gratuiti a beneficio della collettività. Ragion per cui compare nelle liste Change the World di FORTUNE degli ultimi due anni, riconosciuta da oltre 10 anni come una delle aziende più etiche al mondo, e presente nella classifica World’s Most Ethical Companies.

 

 

Gli altri progetti

 

Accenture collabora con Microsoft al progetto ID2020 che aiuta le persone che non vedono ufficialmente riconosciuta la propria identità e a cui, per questo, è negato l’accesso a programmi di tutela, servizi sociali e diritti di base. Grazie a blockchain e tecnologie biometriche, infatti, è stato possibile consentire a 1,1 miliardi di persone di accedere ai propri dati e condividerli in forma elettronica.

 

Programmi di apprendistato per incentivare lo sviluppo delle competenze richieste dal nuovo mercato del lavoro digitale. Negli Stati Uniti, per esempio, Accenture Federal Services ha favorito la nascita di una partnership tra settore pubblico, privato e organizzazioni no profit,

 

Con il programma Diverse Supplier Development  Accenture supporta le aziende fornitrici che appartengono a persone con fragilità offrendo il proprio know-how per lo sviluppo del business plan. Al 31 agosto 2017 ben 133 fornitori avevano portato a termine il programma, o stavano per completarlo.

 

 

L’impegno in Italia

 

Anche in Italia le iniziative sono numerose, con un focus stretto sulle competenze digitali.

Palestra delle Professioni Digitali è un progetto per abilitare alle professioni digitali (Digital Marketing, Web Reputation Management e Web Revenue Management) una generazione di giovani disoccupati o inoccupati provenienti da tutta Italia, laureati prevalentemente in materie umanistiche. Palestra ha finora formato 539 ragazzi, il cui 80% ha poi ottenuto un contratto di stage in posizioni correlate al Digital Marketing.

 

D-training Bootcamp è un corso rivolto a neodiplomati provenienti da istituti tecnico-professionali che desiderano affacciarsi al mondo del lavoro. Formazione di 6 settimane che alterna momenti teorici e pratici su competenze tecniche di programmazione e digitali insieme a quelle trasversali. Nel 2017 sono state erogate 500 ore di formazione a 28 studenti diplomati (quasi la metà donne), il cui 92% è stato poi inserito in Accenture.

 

Job Lab è un progetto di Alternanza Scuola – Lavoro disegnato da Accenture, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con l’obiettivo di contribuire a integrare la proposta formativa dell’ultimo biennio delle scuole superiori (Licei e Istituti Tecnici). Un’iniziativa per offrire ai più giovani l’opportunità di vivere un’esperienza formativa per venire in contatto con il mondo aziendale. Negli ultimi due anni sono stati formati oltre 1000 studenti in 6 città (Torino, Milano, Verona, Roma, Napoli, Cagliari).

 

“Nei prossimi 3 anni investiremo altri 200 milioni di dollari per finanziare iniziative di Responsabilità Sociale a livello globale. In un contesto socio – economico in cui le tecnologie stanno ridisegnando i mercati e il modo di vivere, un’azienda leader dell’innovazione come Accenture mette a servizio del sociale i propri valori distintivi” – ha dichiarato Fabio Benasso, Presidente e Amministratore Delegato di Accenture Italia. “È necessario che profit e non profit mettano a fattor comune le loro competenze, in un’ottica di continuo e sinergico scambio di esperienze per dare una risposta adeguata alla portata del cambiamento”.

 

Il mix di competenze, creatività e visione del futuro delle nostre persone, insieme all’accesso a soluzioni innovative, consente ad Accenture di vincere sfide complesse e migliorare la vita di milioni di persone in tutto il mondo, contribuendo a rendere più equa la società in cui viviamo”, ha affermato Francesca Patellani, Corporate Citizenship Lead di Accenture Italia. “Facendo leva su tecnologie emergenti, come Intelligenza Artificiale e Realtà Virtuale, offriamo servizi che consentono alle aziende di innovare e innovarsi secondo modalità prima impensabili e di contribuire a fare la differenza nel mondo che le circonda.”

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter