Giu 4, 2018

Gig Economy | Di Maio incontra i rider del cibo a domicilio

Il neo ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, promette provvedimenti: "Sono il simbolo di una generazione abbandonata". Nel Lazio già pronta una legge che li tuteli

“I rider vengono pagati da un’applicazione pochi euro al giorno: voglio discutere con loro di diritti da garantire a tutte le categorie dei lavoratori. Il mio primo atto è stato quello di incontrare lavoratori delle gig economy che consegnano in bicicletta, sono il simbolo di una generazione abbandonata, che non ha tutele e a volte nemmeno un contratto. Oggi inizia il percorso per avere un lavoro meno precario, che abbia un salario minimo orario, questo è il primo atto di un ministero che vuole tutelare le fasce più deboli”, ha dichiarato Luigi Di Maio a margine dell’incontro con i fattorini delle consegne a domicilio, avvenuto oggi.


“Li ho voluti incontrare – ha continuato il neo Ministro al Lavoro e allo Sviluppo Economico – perché iniziamo un percorso che passa attraverso un modello di lavoro meno precario, più dignitoso e che abbia salario orario minimo. E’ un primo piccolo passo ma vogliamo dare un segnale a chi ha un lavoro e chiede un po’ di dignità. Lo possiamo fare con le leggi, con una paga minima oraria e soprattutto favorendo un confronto tra i grandi gruppi internazionali e i ragazzi che chiedono i diritti minimi e non chiedono la luna”.

La riunione si è conclusa con l’intenzione di aprire un tavolo di confronto condiviso e aperto a tutte le realtà del settore, per affrontare il tema della precarietà e dare risposte alle richieste di salario minimo e dignità di vita in tempi stretti. La prossima settimana è previsto un nuovo incontro.

 

L’iniziativa della Regione Lazio

Dal canto suo, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti rilancia su Twitter l’iniziativa promossa per tutelare i rider: “Avanti con consultazione online, incontri con i giovani, con il mondo del lavoro e le piattaforme online”. Entro luglio la legge, continua Zingaretti che promette: “Sarà la più moderna in Italia”.

Il nuovo governo, appena insediato, sembra insomma volere mettere il tema della Gig Economy tra le priorità del proprio indirizzo e la scelta di Luigi Di Maio di incontrare i riders nel suo primo giorno al dicastero non è certo casuale.

 

I numeri sulla Gig Economy dal Festival Dell’Economia di Trento

Ma quanti sono i lavoratori della Gig Economy? Il loro numero oscilla tra le 700mila e un milione di persone. Ogni giorno girano per le città in sella alla bicicletta per consegnare le cene ordinate da pc e smartphone. E accanto a loro ci sono molti, moltissimi, che da casa lavorano da computer per aziende magari situate a decine e centinaia di chilometri di distanza. Sono i lavoratori della gig-economy.

Il 50% di loro sono donne, solo il 3 per cento sono immigrati, ricorda un’indagine della Fondazione Debenedetti e Inps. Per 150-200mila persone è il lavoro principale e per altri 350mila è un modo per “arrotondare” altre forme di introito. Una guerra per arrivare a fine mese.

Quasi sempre senza diritti né tutele a partire dalla sicurezza sul lavoro. Un problema che assomiglia sempre più a un’emergenza. Economica e sociale. Inquadrarli in modo corretto e assicurare loro diritti è ormai un tema che interpella economisti, giuslavoristi e amministratori pubblici. A partire da quelli intervenuti al 13° Festival dell’Economia di Trento, dedicato al rapporto tra Lavoro e Tecnologia.

“Se vogliamo mettere a fuoco e risolvere il problema occorre superare la distinzione tradizionale tra lavoro subordinato e lavoro autonomo e dettare delle discipline specifiche per il lavoro organizzato attraverso la piattaforma digitale”, dice Pietro Ichino, storico docente di diritto del Lavoro.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter