immagine-preview

Giu 14, 2018

Perché The Digital Box ha organizzato il Digital Convergence Day

Roberto Calculli, CEO di The Digital Box, ha spiegato a StartupItalia! come e perché è nato il primo evento sulla convergenza digitale, in programma a Milano, in Bocconi, il 20 giugno

“Non siamo più un’azienda sconosciuta nel panorama nazionale e stiamo diventando influenti anche sul mercato internazionale. Tutto grazie alle competenze del nostro team”. Così Roberto Calculli, Ceo di The Digital Box, descrive quello che è diventata, a 5 anni dalla sua nascita, la SpA che ha organizzato il Digital Convergence Day, il primo evento dedicato al tema della convergenza digitale, che si svolgerà il 20 giugno a Milano, in Bocconi. StartupItalia! ha intervistato Calculli per capire da dove è nata la volontà (e l’ambizione) di mettere in piedi questa iniziativa e quali sono gli obiettivi.

L’intervista

Dal 2013 ad oggi, The Digital Box è cresciuta tantissimo, anche nel numero di soci, grazie alla campagna di equity-crowdfunding. Perché farsi promotori proprio ora di un evento dedicato alla Convergenza Digitale?
«Sin dall’inizio – dice il Ceo di The Digital Box – ci siamo ispirati ai nostri precursori del panorama californiano, cercando di portare soluzioni innovative in un preciso settore: quello del marketing su mobile. Dopo le rivoluzioni portate dall’iPhone di Apple, dai dispositivi mobile e dalle tecnologie Cloud, sono arrivati gli impatti dei social media che, da oltre 2 anni, dialogano anche con i sistemi di Intelligenza Artificiale. È iniziato, così, un processo di cambiamento non solo per i consumatori, che ormai considerano gli smartphone e i social come parte integrante della propria quotidianità e identità, ma anche per le aziende e i professionisti del social marketing che hanno capito come, per raggiungere e interagire con gli utenti, è necessario far convergere mobile, social e Intelligenza Artificiale. Nessuno, però, fino ad ora aveva creato un momento di incontro e confronto tra esperti di queste tematiche e tutti coloro che devono sviluppare strategie di marketing in linea con le nuove tecnologie e con le mutate abitudini dei consumatori. Abbiamo deciso di farlo noi perché, dal 2013 ad oggi, siamo riusciti a mettere in piedi un team con le migliori competenze e ad instaurare relazioni con grandi esperti del digitale».

Digital Convergence Day 2018

Il più importante evento europeo sulla convergenza tra Social, Artificial Intelligence e Mobile

Geplaatst door The Digital Box op dinsdag 24 april 2018

Quali sono gli obiettivi del Digital Convergence Day?
«Lanciare, forte e chiaro, il messaggio del cambiamento in atto e spingere le aziende e le agenzie di marketing a prenderne atto e ad implementare nuove soluzioni.

La convergenza tra mobile, intelligenza artificiale e social mette a disposizione diversi strumenti come chatbot, assistenti virtuali, messaggistica promozionale targettizzata, che possono consolidare le relazioni con il cliente e generare nuovi lead da convertire in nuovi clienti.

Non è un caso che l’evento veda assieme i più grandi esperti del settore, come Google, Microsoft, Facebook, FBK Center for Information Technology, CA Technologies, professori dell’Università di Siena e della Bocconi. Ognuno affronterà il tema della convergenza digitale condividendo non solo il proprio know-how ma anche il punto di vista sui possibili scenari di sviluppo. Guy Kawasaki, il primo Chief Evangelist di Apple, sarà per la prima volta in Italia in occasione di questo evento e i partecipanti avranno l’opportunità di interagire, all’interno di una tavola rotonda, con questo guru dei social».

Perché è stata scelta la Bocconi come location?
«Abbiamo voluto creare un vero e proprio evento culturale, da replicare ogni anno, e abbiamo deciso di farlo in una delle sedi più autorevoli della cultura imprenditoriale: la Bocconi. In questa scelta, sono state considerate, naturalmente, anche delle variabili di visibilità e di particolare interesse verso le tematiche del Digital Convergence Day. La Bocconi ha una community formata da oltre 70 mila Alumni, all’interno della quale è stato veicolato l’evento, che è una enorme cassa di risonanza».

Lei e tutto il team pugliese di The Digital Box siete tra i fautori e sostenitori della Murgia Valley. Il prossimo Digital Convergence Day potrebbe essere organizzato qui?
«La Murgia Valley, ad oggi, è un concetto, legato ad un altro specifico messaggio: fare impresa al Sud è possibile, ma solo attivando processi di open innovation, condividendo idee che non necessariamente genereranno valore per se stessi ma soprattutto per gli altri. Di una cosa sono certo: la prossima Google non nascerà in Silicon Valley ma dove c’è voglia di riscatto e di migliorarsi, uscendo dalla propria “comfort zone”. E, magari, quel posto sarà proprio la Murgia Valley».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter