immagine-preview

Giu 7, 2018

Exor Seeds il fondo della famiglia Agnelli per investire 100 milioni in startup

Il fondo è partecipe già in 11 imprese innovative per 20 milioni. I settori di maggiore interesse sono quelli dell'health e dei servizi per anziani. Ma l'obiettivo è anche creare un network coi grandi investitori dell'hi-tech

La famiglia Agnelli punta con decisione sull’innovation technology e per farlo lancia un fondo dedicato per un valore di 100 milioni di dollari. Si chiamerà Exor Seeds e, come rivelato dal Wall Street Journal, questo nuovo strumento finanziario già partecipa in 11 startup a stelle e strisce. Attive, questa la particolarità, prevalentemente nell’health e nei servizi dedicati agli anziani.

John Elkann

Tra anziani e millennial

A guidare il nuovo fondo Exor, ha rivelato John Elkann in un’intervista, sarà Noam Ohana. Ma molti investimenti sono già stati effettuati, per un valore complessivo di 20 milioni, verso startup che si rivolgono agli anziani o lavorano nel settore dell’assistenza sanitaria.

C’è Hexa&Co. che vende online prodotti per la terza età. Oppure True Link, di cui è stato acquisito il 10% con una spesa di 4 milioni di dollari, che offre servizi finanziari per anziani. Kheiron Medical Technologies, poi, diagnostica il tumore al seno, mentre Reflexion ha elaborato nuovi trattamenti contro il cancro.

 

Ma Exor Seed ha investito anche in Privacy.com, la società di servizi finanziari per millennial, e Cover, l’operatore assicurativo online.

Network e investimenti

Quella di Exor Seed è per la famiglia Agnelli una sorta di prima esperienza nel settore hi-tech e saranno necessari alcuni anni prima di poterne valutare i risultati effettivi.

Noam Ohana ha parlato di un orizzonte temporale degli investimenti che supererà i 3/5 anni non ponendo confini spaziali. “I fondi a disposizione di Exor Seed potrebbero essere indirizzati verso startup in qualsiasi Paese e, in linea di principio, in qualsiasi settore”.

 

L’obiettivo è però anche quello di realizzare una rete di rapporti e collaborazioni a livello imprenditoriale con figure di alto profilo. Reid Hoffman, fondatore di Linkedin, o Jerry Yang, co-fondatore di Yahoo , sono solo alcuni dei nomi fatti finora.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter