immagine-preview

Lug 27, 2018

[email protected]: un marchio per le aziende che investono nei giovani e nelle mamme

Alla base della collaborazione tra Repubblica degli Stagisti e MAAM, una nuova visione di sinergia tra vita e lavoro e un modo più efficace per far emergere i talenti

[email protected] mira a cambiare la cultura d’impresa in Italia, portando a collaborare diversi attori del mondo del lavoro. Dalla condivisione di questo principio è partita più di un anno fa la partnership tra la Repubblica degli Stagisti e Life Based Value, la startup innovativa proprietaria del Master MAAM. La collaborazione si rinnova con il lancio del marchio [email protected], conferito a tutte le aziende che dimostreranno un chiaro impegno verso le categorie fino ad oggi più svantaggiate nel mondo del lavoro: giovani e neomamme. Le prime tre aziende a ottenere il marchio [email protected] sono BIP – Business Integration Partners, Danone Company e Ferrero.

«Noi ci occupiamo ormai da molti anni di valorizzare e dare visibilità alle aziende che vogliono offrire opportunità di qualità ai giovani, e che scelgono di apparire sul nostro sito abbracciando la nostra filosofia di trasparenza e responsabilità» dice Eleonora Voltolina, la giornalista che ha fondato e dirige la Repubblica degli Stagisti. «Quando abbiamo incrociato MAAM abbiamo capito che si basava sullo stesso principio: è stato un colpo di fulmine».

Leggi anche: Stage e contatti con le aziende. Come le Università possono avvicinarsi al mondo del lavoro

Sia la Repubblica degli Stagisti, il sito dedicato alla transizione dalla formazione al lavoro che ospita sulla sua piattaforma un network di aziende virtuose con i giovani, sia il Master MAAM che trasforma l’arrivo di un figlio in una palestra di competenze per la vita professionale, combinano in modo innovativo i principi dell’attrazione e valorizzazione dei talenti con quelli della responsabilità sociale d’impresa.

 

«MAAM è un progetto che può cambiare il mondo» spiega Riccarda Zezza, CEO di Life Based Value e co-autrice del Metodo MAAM: «Le imprese che ci hanno scelto hanno capito che investire sui neo genitori può aumentare la competitività di un’azienda, mentre il rischio che molte aziende ancora corrono è quello di rinunciare a questo capitale umano proprio nella fase della vita in cui le persone diventano potenzialmente più forti, competenti e mature».

 

«Il nostro impegno è migliorare, un pezzetto alla volta, la cultura di impresa in Italia. Vogliamo diffondere buone pratiche e convincere imprenditori e manager che sfruttare o sottopagare gli stagisti, o demansionare le neomamme, è una strategia perdente, uno spreco di capitale umano» aggiunge Voltolina: «Tra l’altro spesso i temi si intrecciano, perché capita che le giovani donne alle prime esperienze vengano penalizzate in sede di colloquio, o nella loro carriera, proprio per il “timore” che possano avere presto un figlio».

 

«Con MAAM noi dimostriamo esattamente il contrario: chi diventa genitore – sia le mamme sia i papà – ha l’opportunità di sviluppare delle competenze preziosissime anche per il lavoro» spiega Zezza. «I punti in comune tra l’essere un buon genitore e un buon manager sono molti di più di quanto si possa pensare: questa è la vera rivoluzione di MAAM».

 

Il progetto [email protected] vuole premiare e rendere visibili quelle aziende che investono davvero nel futuro. Quindi valorizzare i giovani e le donne in azienda, che sono troppo spesso penalizzati. «Il nostro auspicio –concludono Zezza e Voltolina – è che sempre più aziende scelgano la Repubblica degli Stagisti e MAAM: i nostri servizi possono renderle non solo più “buone” e attente ai dipendenti, ma anche più forti sul mercato, più produttive e più innovative».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter