immagine-preview
In collaborazione con Logo Content By

Ago 14, 2018

Personalizzazione degli annunci o tutela della privacy? Alla ricerca del compromesso

Se cercate sul web un regalo per bambini, magari per il figlio di una vostra collega, potreste trovarvi bombardati da pubblicità che mostrano biberon e completini per settimane. Ecco un esempio di profilazione errata

La nostra presenza online dà luogo a una incredibile mole di dati che contribuiscono a identificarci come consumatori, ma anche come persone. Se da una parte il livello raggiunto dalla user experience ci ha abituati ad aspettarci di essere raggiunti da promozioni e annunci estremamente personalizzati, dall’altra la sfida per i brand è coniugare gli aspetti di marketing con quelli, non meno importanti, di tutela della privacy.

Le nuove norme europee in materia di protezione dei dati (GDPR) alzano l’asticella riguardo alle procedure di reperimento, conservazione e diffusione delle informazioni: il testo inasprisce anche le sanzioni per le aziende che non si adeguano, adottando comportamenti non virtuosi.

Profilazione imprecisa

Del resto, non è sempre vero che l’analisi dei dati conduca a una profilazione accurata. Se cercate sul web un regalo per bambini, magari per il figlio di una vostra collega, potreste trovarvi bombardati da pubblicità che mostrano biberon e completini per settimane. Cos’è accaduto? L’algoritmo ha presunto, grazie alle vostre ricerche, che ad avere dei figli siate voi. Niente di più sbagliato, dato che magari l’arrivo di un marmocchio non è nemmeno nei vostri piani più remoti.

 

Le conseguenze è facile immaginarle: il budget per la vostra campagna risulterà completamente sprecato, semplicemente perché i messaggi – magari curatissimi dal punto di vista editoriale – non raggiungono il bersaglio giusto. La content intelligence può aiutarvi a venire a capo del rebus, riconoscendo quali sono – veramente – le preferenze e i gusti del consumatore: che si vedrà “recapitati” solo annunci selezionati  e pertinenti. Se poi ai contenuti saranno legate anche le opportune call to action, sarà possibile entrare in contatto direttamente. A quel punto chi legge, in maniera informata, potrà decidere se prestare il consenso al trattamento dei propri dati personali, fino ad allora raccolti e archiviati in forma anonima.

Ti interessano i temi legati alla profilazione e alla content intelligence? Clicca qui per approfondire il tema e scaricare gratuitamente la guida Content intelligence for dummies.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter