Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

CERTAMENTE | Italian neuromarketing days

Il 2 e 3 marzo a Milano appuntamento con la seconda edizione di CERTAMENTE, primo convegno di Neuromarketing organizzato in Italia rivolto alla business community

Fondazione Riccardo Catella Via Gaetano de Castillia 28 Milano, Italia
CERTAMENTE

Il 2 e 3 marzo, in via Gaetano de Castillia 28 a Milano, presso la Fondazione Riccardo Catella, appuntamento con la seconda edizione di CERTAMENTE, evento nato nel 2016 come il primo convegno di Neuromarketing  organizzato in Italia rivolto alla business community. Voluto da due realtà italiane all’avanguardia nell’approccio neuromarketing alla comunicazione e alla ricerca di mercato, l’evento mira a soddisfare la  curiosità sempre più crescente sulle possibilità offerte dalla disciplina nel comprendere i processi decisionali del consumatore.  Per far questo l’evento annuale coniuga la conoscenza accademica delle neuroscienze con la presentazione di alcune case history di successo nei campi del marketing e della comunicazione. QUI per registrarsi e partecipare.

Il programma

La prima mattina è dedicata alla divulgazione accademica per comprendere come scienza e business siano sempre più complementari. La partecipazione di cinque università italiane (Università “La Sapienza” di Roma, Università Cattolica di Milano, Politecnico di Milano, IULM, Milano-Bicocca) e il CNR permetterà infatti di confrontare diversi approcci al neuromarketing: partendo dal punto di vista fisiologico fino a quello dei neuroni specchio, passando per la psicologia del consumatore. 

Il resto delle due giornate di convegno vedrà invece importanti speaker italiani e internazionali alternarsi sul palco: si parlerà di emotional marketing con Daryl Weber, autore di “Brand Seduction: How Neuroscience Can Help Marketers Build Memorable Brands”, ex global director della strategia creativa di Coca Cola. Il suo lavoro ha influenzato le strategie di Nike, Johnnie Walker, Gatorade, Pampers e molti altri. Tra i protagonisti, Alastair Herbert, fondatore di Linguabrand, racconterà in che modo la linguistica cognitiva ha aiutato Adidas ad ottimizzare il suo tono di voce e ad aumentare le vendite. Interviene anche Daniel B. Yarosh, chief Technology Advisor Estee Lauder Companies, che parlerà dell’evoluzione biologica della percezione cerebrale del bello e delle implicazioni sul mercato cosmetico. Ci sarà Eamon Fulcher, psicologo cognitivo-comportamentale presso la Arden University e direttore di Split Second Research, che parlerà dell’importanza delle valutazioni implicite di un brand attraverso uno studio effettuato sul packaging di una marca di vino bianco. Graeme Newell, presidente di 602 Communications, tratterà il tema dell’emotional marketing con molti esempi pratici. Elissa Moses, Ceo di IPSOS Neuro and Behavioral Science Center, tornerà anche in questa edizione insieme a Ani Ieroncig, direttore Marketing Research di Canada Post, con uno studio sull’efficacia del direct mail vs il digital advertising.

Prossimi Appuntamenti

  1. 24
    Mar
    26
    Mar
    Dal 24 marzo al 26 marzo
    Castello Ruffo ( Scilla, Italia )
  2. 28
    Mar
    10:30 - 13:30
    Unindustria Rieti ( via Giuseppe Garibaldi 268 Rieti, Italia )
  3. 29
    Mar
    18:00 - 19:30
    Sanofi Italia ( viale Luigi Bodio 37/b Milano, Italia )
  4. 29
    Mar
  5. 30
    Mar
    31
    Mar
    30 marzo @ 0:00 - 31 marzo @ 0:00
    PadovaFiere ( Via Niccolò Tommaseo 59, Padova, Italia )
  6. 30
    Mar
    8:30 - 14:00
    Microsoft Innovation Center ( via Pier Carlo Boggio 59 Torino, Italia )
  7. 03
    Apr
    14:30 - 18:30
    Scuola Superiore Sant’Anna ( Piazza Martiri della Libertà 33 Pisa, Italia )
  8. 04
    Apr
    14:00 - 18:30
    Cariplo Factory ( via Bergognone 34 Milano, Italia )

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup