bandi

62 mila euro da ABI per startup con idee innovative. Qui la call

L’iBank Challenge è un’iniziativa promossa dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e realizzata da ABI Lab, il centro di ricerca e innovazione per la banca. Candidature entro il 31 ottobre 2016

L’iBank Challenge è un’iniziativa promossa dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e realizzata da ABI Lab, il centro di ricerca e innovazione per la banca, con l’obiettivo di ampliare le opportunità di innovazione per le banche italiane promuovendo la raccolta e lo sviluppo di nuovi stimoli provenienti da soggetti e persone esterni al settore.

L’iniziativa si propone di individuare nuove idee applicabili al contesto bancario non presenti sul mercato italiano da cui possano derivare miglioramenti significativi nei servizi offerti, nei modelli di gestione implementati e/o nelle modalità di interazione delle banche con i propri clienti.

L’iBank Challenge offre ai partecipanti che avranno superato le previste selezioni, oltre a un riconoscimento in denaro, l’opportunità di sottoporre la propria idea a un gruppo di esperti e darne visibilità a una platea di potenziali investitori rappresentata dalle banche aderenti.

I finalisti avranno l’opportunità di partecipare all’evento “Idee a Confronto” nel corso del quale potranno presentare la propria idea a tutti gli Aderenti per eventualmente discutere possibili collaborazioni per lo sfruttamento economico dell’idea presentata.

iBank Challenge

Le idee vincitrici dell’iBank Challenge individuate dal Comitato Valutativo, oltre alle opportunità previste per i Finalisti, riceveranno un premio economico che sarà consegnato al referente dell’idea: in dettaglio, verrà assegnato un premio pari a 40.000 euro all’idea considerata maggiormente innovativa da parte del Comitato Valutativo, e un premio di 11.000 euro rispettivamente ad altre due idee che verranno considerate dallo stesso Comitato particolarmente meritevoli. Tale premio economico potrà essere inoltre maggiorato sulla base dell’eventuale incremento del numero di banche aderenti all’iniziativa.

Ai vincitori sarà data l’opportunità di presentare la propria idea nell’ambito di un evento di premiazione che si svolgerà entro la fine del 2016 di fronte a una platea costituita da rappresentanti del settore finanziario, ICT, investitori e giornalisti. Alle idee vincitrici sarà inoltre data visibilità sui siti ABI e ABI Lab.

Le idee candidate al Challenge possono essere indirizzate verso qualsiasi ambito di innovazione legato al mondo bancario. Ad esempio:

– idee innovative che mirano a favorire lo sviluppo dell’economia e a sostenere imprese, famiglie e nuove generazioni. Rientrano in questo ambito le seguenti categorie:

a) innovare per crescere: idee che hanno l’obiettivo di sostenere la crescita delle imprese e l’innovazione della PA, favorire la nascita di nuove iniziative e startup, promuovere progetti di sviluppo internazionale e valorizzare le eccellenze e le potenzialità di crescita dello small business;

b) innovare per famiglia e giovani: idee che hanno l’obiettivo di promuovere e semplificare i servizi e prodotti per le famiglie e le nuove generazioni, favorendo una maggiore inclusione finanziaria sia con riguardo all’accesso al credito che alla gestione del risparmio, facilitando il rapporto con la banca in ottica di prossimità e collaborazione, utilizzando strumenti innovativi e logiche di servizio dedicate.

– idee dedicate all’innovazione dei canali e dei modelli distributivi, passando anche attraverso l’evoluzione dei processi organizzativi e operativi, in ottica di efficienza, flessibilità e velocità. Rientrano in questo ambito le seguenti categorie:

c) innovare attraverso i canali: idee volte allo sviluppo ed evoluzione dei modelli relazionali e dei canali distributivi, ripensamento delle dinamiche di analisi, dialogo e consulenza per i clienti, anche in modalità interattiva, proposizione di modelli di servizio su canali alternativi e tradizionali;

d) innovare con i processi interni: idee di innovazione di modelli organizzativi, di miglioramento interno e innovazione dei processi di lavoro in ottica di qualità ed efficienza anche attraverso l’implementazione di infrastrutture, piattaforme di servizio e nuove tecnologie.

La domanda di partecipazione dovrà essere inviata entro le ore 24.00 del giorno 31 ottobre 2016 all’indirizzo di posta [email protected] utilizzando esclusivamente il modulo previsto.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti