bandi

Call for innovation “Gruppo Maccaferri Connect”, aperte le candidature

Ci si può candidare fino al 12 novembre 2017. Per le tre migliori proposte sono previsti grant per un valore complessivo di 30 mila euro

L’innovation hub JCube dà il via alle selezioni per la call for innovation “Gruppo Maccaferri Connect”. Obiettivo: chiamare a raccolta ricercatori, innovatori, startup e PMI per ampliare ulteriormente il network della corporate industriale italiana e sviluppare importanti progetti per tre delle sue sub-holding: Gruppo SAMP (meccanica intelligente), SECI Energia (energie rinnovabili e Naturalia Ingredients (food).

Grazie a un laboratorio di manifattura additiva (FabSpace) e un incubatore certificato dal Ministero dello Sviluppo Economico, JCube punta, ancora una volta, sulle strategie di corporate venturing, una modalità d’azione destinata a prendere sempre più piede anche nel nostro Paese.

“Nel corso della sua più che centenaria storia, il Gruppo Industriale Maccaferri – dichiara Massimo Maccaferri, Presidente JCube – ha fatto proprio un approccio orientato all’innovazione e alla costante ricerca di opportunità nuove e differenti, come dimostra la nostra presenza in diversi ambiti di attività. In quest’ottica il nostro innovation hub JCube si sta evolvendo verso un orientamento più corporate e le iniziative di Open Innovation possono essere quindi il primo step verso una strategia di Corporate Venture Capital.”

“Il Gruppo Maccaferri Connect – aggiunge Giuseppe Iacobelli, Consigliere Delegato JCube – è una delle prime iniziative di Open Innovation attuate da un gruppo manifatturiero italiano, con il coinvolgimento di primari partner internazionali e nazionali come TechShop, Italia Startup, Premio Gaetano Marzotto, Fondazione Brodolini, APSTI e StartupItalia!.”

Chi può candidarsi

Manifattura additiva, interfaccia uomo-macchina, manutenzione predittiva, nuovi materiali, energie rinnovabili e nuove tecnologie per la produzione di zucchero da frutta; sono solo alcuni dei numerosi ambiti in cui sarà possibile candidarsi inviando i propri progetti che saranno successivamente selezionati dal Gruppo Industriale Maccaferri.

Faranno parte della short list le iniziative del dinamico ecosistema italiano e internazionale che presenteranno le soluzioni più adatte alle sfide delle sub-holding del Gruppo. Queste realtà saranno il punto di partenza per l’avvio di possibili sinergie e progettualità congiunte. Inoltre, per le tre migliori candidature sono previsti dei grant per un valore complessivo di 30.000 euro.

Entro quando candidarsi

La call resterà aperta fino al 12 novembre 2017 e sarà possibile candidarsi direttamente sul sito www.jcube.org, compilando l’apposita application form. Sul sito è presente il regolamento completo, che fornisce informazioni sugli ambiti tecnologici, sulle prospettive di sviluppo e sulle sfide future che Gruppo SAMP, SECI Energia e Naturalia Ingredients vogliono affrontare insieme alle realtà innovative che decideranno di effettuare la candidatura.

La call sarà presentata nell’ambito di un roadshow segnalato sul sito JCube. Le prossime tappe avranno luogo il 26 settembre a Bari e il 5 ottobre a Roma, in occasione degli incontri dell’Osservatorio di Open Innovation (a cura di Smau, Italia Startup e Assolombarda).

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)