bandi

Next Energy: Terna e Fondazione Cariplo insieme per i giovani. Qui la call

L’iniziativa è nata per accelerare l’occupazione e l’imprenditorialità giovanile nel settore elettrico. Candidature entro il 31 luglio

Next Energy è il progetto ideato da Terna, gestore della Rete Elettrica Nazionale e da Fondazione Cariplo, e realizzato da Cariplo Factory con il supporto di PoliHub, Startup District & Incubator di Fondazione – Politecnico di Milano, per valorizzare giovani talenti e sostenere lo sviluppo di progetti innovativi in ambito elettrico.

Il bando che dà l’avvio a Next Energy è aperto sul sito dedicato e si chiuderà il 31 luglio prossimo.

Next Energy_innovation 2

L’iniziativa, fortemente orientata all’innovazione, prevede due distinti percorsi. Il primo, denominato “Call for Talents”, si rivolge a giovani di età inferiore a 28 anni neolaureati in ingegneria tra cui la Giuria, composta da membri di Terna, Fondazione Cariplo e PoliHub, selezionerà 15 talenti che potranno accedere a uno stage di 6 mesi in Terna all’interno di team impegnati in attività di carattere innovativo.

Il secondo filone, “Call for Ideas”, si rivolge a team di persone e giovani startup (con almeno un giovane under 35 nel team) con un progetto innovativo tra i quali verranno individuati 10 team con un’idea da sviluppare che saranno inseriti all’interno di un programma di empowerment imprenditoriale e di accelerazione della durata di 6 mesi. Al termine di tale percorso, entro aprile 2017, i team partecipanti saranno chiamati a presentare i risultati raggiunti in occasione di un evento pubblico durante il quale la Giuria selezionerà i migliori tre progetti che otterranno un voucher di 50.000 euro, 30.000 euro e 20.000 euro, utilizzabili esclusivamente per servizi e attività per lo sviluppo del proprio progetto d’impresa.

Elemento comune ai due percorsi di stage e di incubazione è la focalizzazione su alcuni temi innovativi del settore elettrico, in particolare smart grid/energy storage e infrastrutture del sistema elettrico. In quest’ottica, durante i 6 mesi di percorso, sono previsti alcuni momenti di contatto e condivisione tra i “talents” con i team “Call for ideas” selezionati. Tali iniziative, insieme a un percorso didattico previsto all’interno di Campus, il polo formativo di Terna, rendono lo stage particolarmente innovativo e concreto. Inoltre, una volta completato il tirocinio, i profili dei selezionati verranno inseriti in una ‘vetrina dei talenti’ finalizzata a facilitare il loro avvio al lavoro. next energy_innovation 3

«Questo progetto è coerente con la nostra strategia poiché ne valorizza due elementi essenziali: l’attenzione per l’innovazione e per i giovani» ha dichiarato Matteo Del Fante, Amministratore Delegato di Terna. «Next Energy è un esempio concreto di open innovation finalizzato a incrementare l’iniziale capitale di conoscenza di giovani neolaureati, in vista di un loro ingresso nel mondo del lavoro, e a favorire la nascita di nuove e innovative realtà imprenditoriali, capaci di contribuire ad uno sviluppo sostenibile del nostro sistema elettrico, competere sul mercato e creare valore per il Paese».

«La collaborazione con Terna – ha dichiarato Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo – è fondamentale per rendere il progetto CariploFactory capace di arrivare a tutti quei giovani che vogliano cimentarsi in percorsi di formazione basati sull’innovazione tecnologica e la ricerca scientifica e finalizzati a generare capitale umano altamente qualificato, per start up legate al settore elettrico».

Next Energy rientra nelle attività di Cariplo Factory, nuovo polo di open innovation, recentemente presentato a Milano, che unisce le potenzialità del profit e del e del non profit. Un luogo che si propone come il punto di atterraggio per progetti di innovazione, sviluppo startup e che si pone l’obiettivo ambizioso di offrire 10 mila job opportunities per i giovani grazie a grandi player come Terna, Fastweb, Microsoft e Novartis che ne sono partners.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/L7u8JZn_yPk”]

Da ottobre a Milano il primo bike sharing senza stazioni. Mobike

Inquadri il Qr con lo smartphone, sblocchi la bici e la parcheggi dove ti è più comodo. Poi paghi tramite l’applicazione. Funziona così il primo servizio di condivisione delle bici a flusso libero che permette agli utenti di arrivare vicini alla propria destinazione con le due ruote