bandi

Cisco Innovation Grand Challenge

Fino al 31 agosto si può partecipare all’iniziativa di Cisco che premia con 250 mila euro i progetti più innovativi nei trasporti, produzione, infrastrutture, smart cities, vendita al dettaglio, sicurezza informatica, istruzione e assistenza sanitaria

Una chiamata per innovatori, imprenditori, sviluppatori e ricercatori con idee dirompenti per cambiare radicalmente il modo di fare impresa. I settori? Trasporti, produzione, infrastrutture, smart cities, vendita al dettaglio, sicurezza informatica, istruzione e assistenza sanitaria. Si chiama Cisco Innovation Grand Challenge: è l’iniziativa con cui Cisco cerca le soluzioni digitali più dirompenti per un mondo più sicuro, più sostenibile e connesso. I tre progetti vincitori avranno accesso a 250 mila euro (150 per il primo classificato, 75 mila il secondo, 25 mila il terzo) in denaro, sostegno allo sviluppo, mentoring. Per partecipare c’è tempo fino al 31 agosto. QUI per l’application. Quella del 2016 è la terza edizione dell’Innovation Grand Challenge. La call è stata lanciata a maggio 2016, in occasione del Pioneers Festival. In due mesi sono state più di 2 mila le segnalazioni, provenienti da ogni parte del Mondo, India, Stati Uniti e Brasile in testa.

Cisco Innovation Grand Challenge

Impronte digitali, pannelli intelligenti e analisi del DNA

Tra i progetti, una startup francese  che lavora sull’impronta digitale dei pacchetti per monitorare e prevenire la contraffazione. In Svizzera stanno sviluppando pannelli intelligenti per pavimenti per identificare i visitatori o ai cittadini. In Australia stanno creando un sistema di localizzazione in tempo reale per i lavoratori. E ancora, una startup in Portogallo lavora sull’analisi del DNA e una piattaforma informativa per personalizzare l’assistenza sanitaria tra medici e pazienti. In Brasile, poi, una startup sta sviluppando algoritmi per aiutare gli insegnanti ad analizzare il rendimento degli studenti.

La roadmap

L’ultimo giorno per partecipare al Cisco Innovation Grand Challenge è il 31 agosto. Il 21 settembre saranno annunciati i 15 semifinalisti. Fra il 18 e il 20 ottobre i nomi dei sei finalisti, che si contenderanno i tre posti a Lisbona, nel corso del Web Summit (in programma dal 7 al 10 novembre).

I vincitori del 2015

«Vincere il Cisco Innovation Grand Challenge ci ha dato molta più visibilità e nuove partnership a livello globale» ha detto Caldwell di Cyberflow Analytics, tra i vincitori dello scorso anno, insieme a Green City Solutions e Eigen Innovations.
«Siamo stati e siamo tuttora stupiti dalle dimensioni della rete di Cisco, la loro disponibilità a noi connettersi a persone e la loro apertura nel condividere le proprie risorse con noi – ha detto invece Wu Zhenliang, CIO di Green City Solutions  – abbiamo avuto mentor sorprendenti e competenti provenienti da tutto il mondo che ci hanno sostenuto con preziosi consigli. E insieme a Cisco, abbiamo formato una partnership per un progetto Smart City a Parigi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito