bandi

Al via la terza edizione del FunkyPrize, qui come candidarsi

Il concorso dedicato a Marco Zamperini premia coloro che, con la loro attività, usano e osano il digitale e mette in palio 15.000 euro. Iscrizioni entro il 15 settembre

C’è tempo fino al 15 settembre per presentare un progetto per l’edizione 2016 del FunkyPrize, la terza. Il concorso nasce per ricordare la figura di Marco Zamperini, noto in rete anche come Funky Professor, che è stato una guida fondamentale alla rete in contesti diversi: trasmettendo l’entusiasmo per la rete ai giovani, diventando un vero “testimonial” del web nel nostro Paese e convincendo gli imprenditori che Internet era una possibilità che andava sviluppata.

FunkyPrize 2016

Il concorso a lui dedicato individua, segnala e premia coloro che, con la loro attività, usano e osano il digitale ispirandosi ai valori di positività, umanità e semplicità che hanno indirizzato le attività e gli insegnamenti di Marco Zamperini e in sintonia con le semplici linee guida del manifesto del concorso:

• Il digitale deve migliorare la vita delle persone
• Il digitale è connessione, scambio e cooperazione
• Scambio e cooperazione generano innovazione
• Innovazione è uso creativo di ciò che esiste già
• Il digitale è qui e ora.

Il concorso è organizzato dal Comitato Premio Marco Zamperini, ente no-profit, con l’aiuto di gruppo di una settantina di amici di Marco, appartenenti al mondo produttivo, accademico e culturale nazionale, tra i più importanti influencer della rete in Italia. Al vincitore va un premio di 15.000 euro, messo a disposizione anche grazie alla collaborazione di organizzazioni e aziende come Cisco, Conad del Tirreno, H-Farm, NTT Data, Fondazione P&R, Vodafone. Da quest’anno è previsto inoltre un premio aggiuntivo di 3.000 euro su iniziativa di Rete del Dono, riservato alle organizzazioni non-profit che hanno condotto una raccolta fondi di successo attraverso la piattaforma di crowdfunding.

Per maggiori informazioni sul regolamento cliccare qui.

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”