bandi

The Startup Training – Università Bocconi

La call è per imprenditori di tutte le età, e team già formati o in formazione. Il percorso partirà a settembre e si articolerà in 7 incontri

L’Università Bocconi è alla ricerca di 200 imprenditori, desiderosi di lavorare al proprio progetto imprenditoriale. La call è per imprenditori di tutte le età, e team già formati o in formazione.

Il percorso partirà a settembre 2017 e si articolerà in 7 incontri, che si tengono il sabato, dove gli imprenditori imparano a mettere a fuoco il proprio modello di business, raccogliere feedback dal mercato, creare un minimum viable product convincente.

Come si articolano gli incontri

Gli incontri sono strutturati in piccoli gruppi in cui gli startupper si confrontano con mentor selezionati (business coaches, consulenti, investitori, imprenditori seriali) e con i propri colleghi, raccogliendo consigli utili e apprendendo sempre meglio come far crescere la propria impresa.

Dopo i 7 incontri di training intensivo, i team continuano ad essere affiancati per più di 1 anno, attraverso telefonate bisettimanali e incontri mensili su temi di natura legale, finanziaria, tecnica (es. facebook advertising, google adwords). Alla fine, le startup selezionate avranno anche l’opportunità di presentare il progetto all’interno delle iniziative Bocconi come Speed Mi Up e Startup Day, la giornata dedicata al fundraising in cui le startup incontrano gli investitori.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia