bandi

A Trento si sceglierà la migliore startup europea dello sport, obiettivo Rio 2016 (qui per candidarsi)

Le 10 startup che parteciperanno alla finale di Trento saranno selezionate da una giuria tra le candidature inviate entro il 15 maggio. La startup vincitrice volerà a Rio per le finali assolute del 2 agosto

Chi tra le startup più innovative dedicate allo sport staccherà il biglietto per la finale di Rio de Janeiro in occasione delle Olimpiadi? C’è tempo fino al 15 maggio per iscrivere la propria startup alla selezione europea della prima Global Sport Innovation Competition, l’evento che il prossimo 2 agosto premierà a Rio la migliore tra le giovani imprese che propongono tecnologie o prodotti legati al mondo dello sport ma anche del benessere, del turismo attivo, dei corretti stili di vita, della salute. Prevista la partecipazione di circa 400 startup da tutto il mondo, che si sfideranno dapprima nelle 8 finali regionali e poi nella finalissima in Brasile.

Rio 2

Ideata e organizzata da Hype Foundation, Global Sport Innovation Competition unisce imprenditori di tutto il mondo che credono nello sport come volano di innovazione. In questa prima edizione ha raggiunto oltre 70 mila innovatori da 46 Paesi offrendo loro l’opportunità unica di mettersi in evidenza le proprie idee di business – dalle app per atleti, allenatori e fan, alle tecnologie indossabili fino allo sport food e alle infrastrutture per le trasmissioni televisive – in una sfida internazionale in cui il protagonista è proprio lo sport. Un mercato, quello dell’innovazione nello sport, che al mondo crea un giro d’affari stimato in circa 250 miliardi di dollari e con grandi potenzialità di crescita.

La selezione regionale per l’Europa continentale (Italia, Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Svizzera, Paesi Bassi) si terrà a Trento il prossimo 31 maggio, ospitata dall’Università di Trento davanti a un pubblico di investitori, finanziatori, business angels e operatori del settore sport e innovazione. Una vetrina internazionale per le dieci migliori startup che si contenderanno il posto per Rio in rappresentanza dell’Europa. Ma anche un’occasione eccezionale per portare i riflettori nazionali e internazionali sul legame tra sport, formazione, ricerca, innovazione, sviluppo socio-economico e imprenditoriale.

Rio 2016

Perché la finale regionale in Trentino? Per il Trentino si tratta di una naturale prosecuzione della riflessione su questo tema avviata nel 2013 con la conferenza internazionale “Sport as a driver for innovation” in occasione delle Universiadi Invernali Trentino 2013 e che poi si è concretizzata in uno studio del 2015 sull’impatto economico dello sport nella provincia. Alla finale europea in Trentino saranno presenti i rappresentanti delle principali istituzioni del mondo dello sport – Coni, FISU (International University Sports Federation), EUSA (European University Sports Association), European Athlete as Student (EAS) e European Network of Academic Sports Services (ENAS) – dell’università, ricerca e innovazione, come la CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane), la Commissione Europea (dipartimenti Istruzione, cultura, giovani e sport e Ricerca, scienza e innovazione), la Presidenza del Consiglio dei Ministri Italiano (Ufficio Sport) e la Provincia autonoma di Trento.

Rio 2016 2

Come partecipare

Le 10 startup che parteciperanno alla finale di Trento saranno selezionate da una giuria tra le candidature inviate entro il 15 maggio sul sito. Le startup che avranno accesso alla finale regionale potranno presentare la propria idea il prossimo 31 maggio davanti ad un pubblico internazionale riunito per l’occasione nell’auditorium del Dipartimento di Lettere e Filosofia (via Tommaso Gar 14) a partire dalle 18 e per tutta la serata. La startup vincitrice volerà a Rio per le finali assolute del 2 agosto, proprio durante i Giochi olimpici 2016.

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”