bandi

La business plan competition calabrese riparte: al via le iscrizioni alla VIII edizione della Start Cup Calabria

La competizione di idee d’impresa innovative organizzata da Fincalabra attraverso CalabriaInnova, da Università della Calabria, Università Magna Graecia e Università Mediterranea. Iscrizioni entro il 26 maggio

Riapre i battenti la Start Cup Calabria, la competizione di idee d’impresa innovative organizzata da Fincalabra attraverso CalabriaInnova, da Università della Calabria, Università Magna Graecia e Università Mediterranea.

Giunta alla VIII edizione, la business plan competition calabrese riparte con grande entusiasmo. Immutati i punti di forza della manifestazione: primo fra tutti la stretta collaborazione dei tre atenei con CalabriaInnova.

Sarà possibile iscriversi alla competizione candidando la propria idea attraverso il form online sul nuovo sito della manifestazione.

A partire dal 12 maggio e fino al 26, data di apertura della prima fase, quella dedicata allo scouting delle idee su tutto il territorio regionale.

Start Cup Calabria

Tutte le idee raccolte attraverso il sito web dedicato, infatti, saranno ascoltate durante il Village, la fase di road map previsto dal 26 maggio all’1 giugno, presso le 3 sedi universitarie e presso CalabriaInnova a Lamezia Terme. Solo le migliori idee d’impresa accederanno alla fase successiva, l’Academy, che prevede una settimana di formazione sui temi del business plan, utile per focalizzare e approfondire il mercato di riferimento del proprio progetto d’impresa.

Quest’anno la settimana di mentorship si terrà presso l’Università Mediterranea e vedrà la partecipazione di I3P, l’Incubatore delle Imprese Innovative del Politecnico di Torino. Un’importante occasione per i tanti aspiranti startupper: I3P, infatti, offrirà agli imprenditori un percorso completo, che parte dalla definizione del modello di business e del piano industriale sino all’accompagnamento dell’impresa nei suoi primi tre anni di vita.

A conclusione della settimana, le migliori 10 idee accederanno alla finale, gli Awards, dove presenteranno il proprio progetto a un parterre di giurati provenienti da tutta Italia, composto da venture capitalist, esperti in finanza innovativa, docenti universitari, business angel, rappresentanti delle imprese e della Pubblica Amministrazione. I migliori tre progetti riceveranno premi in denaro e servizi e accederanno di diritto al PNI, il Premio Nazionale dell’Innovazione che quest’anno si svolgerà a Modena l’1 e 2 dicembre.

«La Start Cup Calabria ha compiuto un’azione molto importante: ha rafforzato il concetto di Rete coinvolgendo le tre università calabresi, la Regione e Fincalabra. – ha dichiarato Mario Oliverio, Presidente della Regione Calabria a conclusione della mattinata – Questa grande opportunità va rafforzata attraverso la nuova programmazione. La sfida più importante resta sfruttare al meglio le nuove potenzialità rendendo efficace il trasferimento dalla Ricerca al mondo delle imprese, rendendo la nostra regione sempre più competitiva. Se si semina bene, anche in Calabria sarà possibile raccogliere i frutti».

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito