immagine-preview

Nov 20, 2018

Sabrina, il genio di Harvard che studia fisica delle particelle

Si chiama Sabrina Gonzales Pasterski. Forbes l’ha inserita nella lista dei 30 under 30, giovani capaci di cambiare il mondo con le loro capacità. I suoi lavori sono stati citati da Stephen Hawking. La Nasa e Amazon le hanno offerto prestigiose posizioni di lavoro. Lei: grazie non è il momento

La definiscono l’erede indiscusso di Einstein: Sabrina Gonzales Pasterski 25 anni, di origini cubane, nata a Chicago. Trascorre le sue giornate immersa tra i misteri dei buchi neri, la gravità quantistica e lo spazio-tempo. Quando aveva appena 14 anni ha costruito un aereo da turismo e che – dopo due anni ha pilotato – in quella occasione si meritò l’attenzione della comunità scientifica per aver reso pubblico il suo progetto su YouTube. “E’ per il mio papà”, disse.

“Da piccola volevo progettare i jet, ma studiando fisica al Mit ho scoperto che mi piaceva di più la scienza nascosta dietro le ali che permettevano il volo”. Racconta al Chicago Tribune.

Una borsa di studio di 250mila dollari

Quando si è laureata in fisica al MIT di Boston, con il massimo dei voti, i suoi docenti Allen Haggerty e Earll Murman hanno commentato: “Il suo potenziale va oltre ogni immaginazione”. E’ la prima donna da due decenni a raggiungere un livello simile. Le è stata assegnata una borsa di studio di 250 mila dollari, la Hertz Fellowship, con cui ha potuto affrontare il dottorato all’Università di Harvard. La sua genialità le è valsa un privilegio che tutti gli studenti del mondo sognano: la libertà di studio senza dipendere dai professori.

 

Studia uno degli argomenti più affascinanti della fisica: il fenomeno della gravità nella meccanica quantistica. Prima di lei, si sono misurati con lo stesso studio scienziati del calibro di Albert Einstein e Stephen Hawking. Ed è proprio a queste illustre menti che Sabrina viene spesso paragonata e di cui viene considerata l’erede.

Nel 2014 ha scoperto un effetto utile poi a decifrare e a raccogliere le prime tracce delle onde gravitazionali, poco dopo aveva ideato il triangolo che porta anche il suo nome (Pasterski-Strominger-Zhiboedov). Un risultato citato nel 2016 dal grande astrofisico britannico Stephen Hawking.

I suoi riconoscimenti

Negli Stati Uniti, Sabrina è ormai una celebrità. La rivista americana Forbes l’ha inserita (nel 2015 e nel 2017) nella lista dei “30 under 30”, giovani capaci di influenzare con le loro capacità il futuro. Durante l’amministrazione Obama è stata invitata alla Casa Bianca per via del suo attivismo nel movimento internazionale “Let Girl Learn”, a sostegno delle donne nel mondo del lavoro. Inoltre ha ricevuto offerte di lavoro da Jeff Bezos, CEO di Amazon, che la voleva nella sua società Blue Origin, dove costruisce razzi per il turismo spaziale. Analoga offerta è arrivata dalla Nasa. Ad entrambi ha risposto: Grazie. Non è il momento.

 

Niente Social, ma una passione sfrenata per le moto

Sabrina, non usa i social media, confessa che proprio non le piacciono (il profilo che trovate su Instagram è di un fan). Nel tempo libero, dice, studia la fisica quantistica, i buchi neri e i viaggi spazio temporali. Ha rifiutato offerte di lavoro da Jezz Bezos e dalla Nasa per continuare gli studi. Ai suoi coetanei una volta ha detto: “Siate ottimisti, quando si è piccoli si fanno un sacco di sogni su cosa si farà da grandi. Ecco non dobbiamo perdere questa capacità”.

La ragazza genio ha un suo blog PhysicsGirl.com, sul quale pubblica le sue ricerche, le copertine delle riviste che parlano di lei e i congressi a cui partecipa come speaker. Due le passioni cui non rinuncia: i piccoli aerei e la motocicletta. “I primi ci concedono dei panorami meravigliosi, la seconda ti offre il brivido dell’accelerazione. Ogni fisico dovrebbe andare in moto perché genera delle intuizioni fisiche al pari del volare”. La fisica, dice, è “elegante e stimolante. Se sono stanca dormo, quando sono sveglia penso alla fisica”. Ha raccontato al Chicago Tribune.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter