immagine-preview

Nov 21, 2018

LowRes | In difesa della neutralità della Rete

Come arginare lo strapotere dei giganti del Web? Magari garantendo a tutti l'accesso alle stesse condizioni a Internet. E rimettendo nelle mani degli utenti il controllo dei propri dati

Qualche tempo fa l’Economist mise in fila una serie di strategie, molto semplici e intuitive, che ci converrebbe adottare per provare a ridurre lo strapotere dei cosiddetti giganti del Web. Si trattava di una serie di consigli generici, che prendono spunto dalla situazione di oligopolio di fatto che riguarda al momento almeno tre grandi aziende americane: Google, Facebook e Amazon.

 

La lista inizia da una strategia antitrust nota, quella dello “spezzatino”. Si potrebbe imporre a Google di separare il motore di ricerca dai suoi altri prodotti, si potrebbe chiedere a Facebook di separarsi da Instagram o da Whatsapp, applicando una vecchia strategia che gli USA imposero molti decenni fa ad AT&T a quei tempi monopolista di fatto nei servizi di telefonia.

 

Si potrebbe poi evitare che simili grandi aziende, che dispongono di mille occhi e molto denaro, possano acquisire nuove società: del resto la storia degli ultimi anni ci ha mostrato come spesso simili compagnie acquistino le giovani aziende più promettenti e potenzialmente concorrenti per poi integrarle nei propri servizi o spegnerle del tutto. Una tecnica particolarmente utilizzata da Facebook fin dai tempi di Friendfeed.

 

Si potrebbe, infine, spingere molto sulla portabilità dei dati: sottolineando che le informazioni che condividiamo su Google o sui social network sono nostre e dovrebbero poter essere da noi ritirate o spostate altrove in qualsiasi momento.

Soprattutto, e qui aggiungo un punto che l’Economist non cita, occorrerebbe tutelare in maniera molto forte la neutralità della Rete. Perché negli ultimi vent’anni è stata la Rete neutrale che ha consentito la nascita di Google e Facebook. Sarà la Rete neutrale, se sapremo conservarla, a consentire la nascita dei prossimi Google e Facebook.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter