immagine-preview
In collaborazione con Logo Content By

Nov 22, 2018

Video content marketing che converte: come rendere efficaci le tue campagne con l’AI

Il Video Content Marketing rappresenta il futuro perché è un format diretto ed efficace. Non perdere questa preziosa occasione per convertire e scopri come puoi misurare le prestazioni dei tuoi contenuti multimediali con l’Intelligenza Artificiale.

Quando pensiamo al cinema, ci viene in mente la grande scritta sulla collina di Hollywood e sicuramente sono gli americani a primeggiare in questo campo. Negli anni ’30, però, ad aver sfruttato meglio il potere comunicativo delle immagini furono i cineasti russi d’avanguardia.

 

Capirono, infatti, fin da subito quale potente mezzo potesse essere il cinema per veicolare le proprie idee. Ma perché il cinema e non altre forme di comunicazione? Il cervello elabora le immagini 60mila volte più velocemente rispetto a quando legge un testo scritto, per questo motivo hanno un maggiore appeal su di noi.

 

Che contenuti multimediali come i video siano sempre stati usati come mezzi di propaganda non è una novità. Non lo è nemmeno il fatto che siano stati impiegati più volte in ambito pubblicitario.

 

Ma il consumatore, sommerso da stimoli pubblicitari, è diventato distratto. Oggi per conquistarlo dobbiamo attuare una strategia di Video Content Marketing che riesca a catturare la sua attenzione per affinità con i suoi interessi.

 

 

Video Content Marketing: tattiche e strategia

Già nel 2015, secondo lo studio di Millord e Brown, i soggetti di età compresa tra 15 e 45 anni passavano più tempo guardando contenuti online che in TV. Ora, si stima che nel 2021 l’82% del traffico internet dei consumatori sarà rappresentato dai contenuti multimediali.

 

Mensilmente un miliardo di utenti unici guarda 4 miliardi di ore di video su Youtube.

 

Il nostro pubblico, infatti, è ormai anestetizzato al linguaggio pubblicitario classico. Voler vendere il prodotto/servizio con una strategia di Marketing product-centric è anacronistico oltre che infruttuoso.

 

Il target della nostra comunicazione sono i consumatori, ai quali dobbiamo rivolgerci con video di loro interesse. Per conoscere cosa piace ai nostri utenti, dobbiamo analizzare le performance dei contenuti che abbiamo già messo online. In questo modo, comprenderemo l’uso che ne fanno le persone e sapremo cosa offrire loro una volta che torneranno sui nostri canali.

 

La migliore strategia che possiamo adottare per raggiungere questo scopo è avvalerci di un DAM intelligente, strumento che integra l’AI. Non si occupa solo di gestire i contenuti, qualunque sia la loro tipologia. Consente anche di analizzare i dati relativi alle loro prestazioni, fornendo un feedback sulle preferenze dell’utente, sfruttabili per produrre nuovi contenuti sempre più in linea con i suoi interessi.

 

“Una strategia senza tattiche è il cammino più lento verso la vittoria. Le tattiche senza una strategia sono il clamore prima della sconfitta” diceva Sun Tzu.

 

 

Il DAM Intelligente per il Video Content Marketing

Ma, esattamente, un DAM Intelligente, come ci aiuta? La tecnologia di un DAM Intelligente come THRON include una rete neurale convoluzionale capace di estrarre pattern dai file video e procedere poi alla loro classificazione automatica mediante tag. Successivamente, l’AI abbina le tag dei contenuti agli utenti che li hanno visualizzati, permettendo di creare subito una fotografia dei loro interessi. Così, il brand può instaurare una comunicazione di tipo one-to-one.

 

Tutto ciò non comporta un vantaggio solo in termini di tempo e costi (inferiori certamente a procedere manualmente alla taggatura dei contenuti, all’aggregazione degli input per ottenere dati significativi e alla successiva analisi): guadagniamo in termini di qualità! Gli addetti al marketing, supportati da dati sempre attendibili e significativi su quello che più colpisce l’audience, possono migliorare la gestione della linea editoriale offrendo sempre agli utenti contenuti di livello, così da instaurare un circolo virtuoso di retention.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter