immagine-preview

Dic 10, 2018

Branding per startup, Luigi Centenaro porta una Masterclass a #SIOS18

Centenaro: “Il dilemma è sempre il solito, vale a dire quello uovo-gallina: viene prima il Brand o il modello di business?"

Luigi Centenaro, docente presso gli MBA della SDA Bocconi, l’EMBA dell’Università di St. Gallen (CH), gli EMBA del MIP, l’Università IULM, lo IED, il Master in Digital Strategy del Politecnico di Milano, il MADE di H-Farm, l’Università Ca’ Foscari di Venezia e i corsi della Business School de Il Sole 24 Ore, sarà protagonista della Masterclass “Startup Branding Canvas”, in programma Lunedì 17 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 12:30, a Milano – presso il Palazzo del Ghiaccio, durante StartupItalia! Open Summit. Ci abbiamo scambiato quattro chiacchiere in anteprima per capire cosa tratterà il corso.

 

Perché Startup Branding?

“Cos’è una startup? Per Steve Blank [imprenditore seriale, accademico, formatore ndR] è un’organizzazione temporanea, che ha lo scopo di cercare un business model scalabile e ripetibile. Chi si occupa di startup, dunque, ha come obbiettivo trovare un modello di business che funzioni. Come? Per esempio, investendo in tecnologia, cercando fondi, tentando di capire chi sono i suoi clienti. Molti, non si concentrano subito sul Brand, dimenticando che può essere una risorsa chiave”. Luigi Centenaro, fondatore di BigName, organizzazione specializzata nell’innovazione di persone e team in azienda, sintetizza così uno dei problemi principali in cui inciampano migliaia di imprenditori.

 

Tra un pivot e l’altro il Branding è sempre l’ultimo pensiero

“Non sempre si hanno le competenze per lavorare sul Brand. In più, molti non sanno se lavorare sulla strategia di Branding o sul modello di business. Si finisce così con il mandare al proprio pubblico messaggi poco coerenti, pitch non ben tarati, senza avere chiaro qual è il proprio posizionamento, la promessa e il sistema di valori su cui puntare. Questo causa un notevole spreco di tempo e di risorse”.

 

Il dilemma uovo-gallina

“Il dilemma – prosegue Luigi – è sempre il solito ben riassunto dal paradosso uovo-gallina: viene prima il Brand o il modello di business?”. L’unica per non restare intrappolati nel paradosso è riuscire a procedere contemporaneamente su entrambi i fronti: “Servono strumenti e modelli semplici per far sì che ogni volta che si operano cambiamenti sulla startup, si possano agilmente cambiare anche il brand”. “Ecco perché lavoriamo con lo Startup Branding Canvas, cioè uno strumento visuale a blocchi, che ricorda le logiche del Business Model Canvas, in grado di trasferire la competenza del Branding a persone di norma altamente competenti, certo, ma in altri settori. Si vuole insomma insegnare un metodo che tornerà utile anche più avanti, nel corso del ciclo di vita della startup, per esempio quando diventerà più chiara la propria proposta di valore”.

Leggi anche: #SIOS18 | Emilia Garito: “Il 2019 dovrà essere l’anno della Society 5.0”

L’importanza di una mappa… per non perdersi

Per evitare di sprecare in mille rivoli soldi, energie, tempo, risorse e lucidità (per esempio, iniziando la propria attività di impresa con un sito internet ancora prima di aver definito la propria strategia di Branding), chi crea una startup dovrebbe sempre avere ben chiaro come sta procedendo, dove sta andando e avere certezza che anche i propri collaboratori siano allineati. Anche Centenaro suggerisce di affidarsi alla concreta progettualità del Design Thinking, il metodo sviluppato a Stanford per risolvere problemi non ben definiti con la mentalità del designer.

“Il pensiero visuale implementato con la mappa dello Startup Branding Canvas semplifica la progettualità, velocizza la creatività e facilita la condivisione. È essenziale per avere una visione d’insieme da potere anche condividere con l’intera squadra. Non dimentichiamo – ricorda Luigi – che spesso tutto è solo nella mente dell’imprenditore, di colui che avvia la startup e a volte condividerlo a parole può risultare molto ostico”.
Applicando simili concetti è così possibile recuperare i caratteri classici della startup: essere veloci, snelli e flessibili sul mercato in modo da rispondere agilmente agli stimoli che arrivano da fuori. “Come” riuscirci verrà invece illustrato nel dettaglio durante la Masterclass “Startup Branding Canvas”, in programma Lunedì 17 dicembre 2018 dalle 10:00 alle 12:30, a Milano – presso il Palazzo del Ghiaccio, durante StartupItalia! Open Summit.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter