LowRes | Disconnesso e felice - Startupitalia immagine-preview

Gen 9, 2019

LowRes | Disconnesso e felice

Sopravvivere alla forzata mancanza di giga si può. Scoprendo che si può alzare lo sguardo dello schermo e chiedere indicazioni ai passanti: come si faceva ai vecchi tempi

Gen 9, 2019

LowRes | Disconnesso e felice

Sopravvivere alla forzata mancanza di giga si può. Scoprendo che si può alzare lo sguardo dello schermo e chiedere indicazioni ai passanti: come si faceva ai vecchi tempi

“Sono stato qualche giorno a New York senza connessione dati e sono ancora vivo per raccontarlo”. Avevo pensato di intitolare così questo LowRes di inizio anno: poi mi sono ricordato che da un po’ di tempo vado in giro consigliando a tutti di essere meno connessi: e ho prudentemente rinunciato.

 

Avevo poi immaginato di utilizzare questo spazio per una fiera analisi dei giganteschi disservizi del mio nuovo operatore telefonico italiano in USA: ma poi ho pensato che non c’è nulla di più noioso dei rimbrotti personali sulla tecnologia che non funziona. E ho, di nuovo, rinunciato.

A questo punto, però, per rendere minimamente utile questo spazio ho pensato di utilizzarlo per dirvi cosa di più mi è mancato della mia connessione dati in queste fredde giornate americane. Non mi sono mancati i social network, non mi è mancata la mail, non ho sofferto a non sapere ogni cinque minuti le ultime notizie: non mi sono mancate (per niente) le notifiche di WhatsApp. Tutte informazioni che continuo a trovare molto importanti per la mia vita, ma lo stesso tranquillamente differibili al momento in cui tornavo a casa.

 

Mentre ero in giro mi sono mancante invece (moltissimo) le mappe. In tutte le loro possibili varianti, comprese quelle legate ad alcune app che uso sempre come Citymapper o Uber. Le mappe e poco d’altro. Così ogni tanto sono stato costretto a fermare qualche abitante della Grande Mela, chiedendo lumi su un indirizzo che doveva essere nei pressi.

Loro mi guardavano un po’ stupiti, poi estraevano il cellulare dalla tasca e controllavano l’indirizzo. Un luogo giusto dietro casa loro che non avevano mai sentito nominare.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter