immagine-preview

Feb 13, 2019

Jacopo Paoletti è il nuovo Partner & Advisor di Entire Digital Publishing

Il founder & CEO di Comunicatica entra come shareholder e advisor nella digital media company controllata da Digital Capital Factory e proprietaria di Notizie.it

“Mostrare ai lettori e agli utenti solamente le notizie potenzialmente interessanti per loro, basandosi sui loro interessi e le loro preferenze”. È questo l’obiettivo di Entire Digital Publishing, impresa italiana che vede alla guida Massimiliano Squillace (imprenditore con alle spalle già quattro exit di successo). Grazie all’utilizzo di una tecnologia proprietaria di intelligenza artificiale, l’azienda, principalmente attraverso il portale Notizie.it, offre un servizio di informazione personalizzata, disegnato sugli interessi del singolo lettore.

“Sono molto felice di poter dare il mio contributo alla crescita e lo sviluppo di questa grande realtà, che secondo Audiweb già a dicembre 2018 si posizionava fra i primi 50 siti d’informazione online italiani con il network di Notizie.it, fra i leader del settore” ha dichiarato Jacopo Paoletti, da oggi Partner & Advisor di Entire Digital Publishing, “C’è lo spazio per creare un nuovo polo editoriale digitale, al passo con lo sviluppo tecnologico e le esigenze di multicanalità e crossmedialità odierne, che soprattutto tenga conto di quella che oggi è la risorsa più scarsa online: non più solo la necessità di produrre contenuti di qualità ma anche la capacità di garantirsi l’attenzione costante degli utenti.”

Un’azienda in ascesa: +300% del fatturato in un anno

Nel 2018, Entire Digital Publishing ha visto un aumento del fatturato del 300% rispetto al 2017 e ha raggiunto 150 milioni di persone ogni mese. “Abbiamo vissuto una crescita molto intensa e molto forte, con un team di 13 persone – spiega Squillace -. Nel primo anno di attività eravamo già in profitto e nel 2018 i numeri sono esplosi. Ora siamo pronti a fare un ulteriore passo avanti”. L’impresa, inoltre, presenta dei numeri importanti specialmente sui social media, dove è seguita da un pubblico di oltre 11 milioni di fan. Dopo aver raggiunto tali risultati, Entire Digital Publishing è pronta ad aprirsi agli investitori.

Angel Investors e fundraising

La società vuole raccogliere 1 milione di euro: 300.000 euro attraverso angel investors e 700.000 euro con una campagna di fundraising che verrà lanciata a breve. “Per quanto riguarda gli angel investors, non siamo solamente interessati alla raccolta del capitale. Abbiamo infatti deciso di puntare su investitori in grado di portare un contributo specifico ad Entire Digital Publishing, attraverso il loro know how”; da qui anche la scelta di coinvolgere professionisti riconosciuti come Jacopo Paoletti, noto marketer e comunicatore oggi imprenditore di successo con un decennale esperienza come manager per grandi brand, nonché advisor in una ventina di aziende, fra PMI, startup e scaleup attraverso il gruppo Comunicatica, da lui fondato e diretto.

Accelerare lo sviluppo della tecnologia proprietaria

Lo scopo di questa raccolta fondi è ovviamente l’accelerazione dello sviluppo dell’algoritmo di intelligenza artificiale che permette di comprendere in maniera automatica quali sono i trend del momento, attraverso un’analisi dei contenuti più ricercati online e sui social media. Questo consente ad Entire Digital Publishing di coprire tempestivamente le notizie che suscitano l’interesse maggiore e di offrire ai lettori un’esperienza personalizzata, tramite una selezione delle news che vengono proposte al singolo utente. “L’azienda ha già avviato la ricerca e lo sviluppo di questa tecnologia ed abbiamo compiuto progressi importanti solo con i profitti generati ed un investimento iniziale di 200.000 euro da parte di noi fondatori. Grazie a questo primo round di investimento potremo accelerare i tempi per lo sviluppo del software”, precisa Squillace.

La struttura della società è pronta a cambiare

Con l’avvio della raccolta fondi e l’intervento degli angel investors, Entire Digital Publishing vedrà un cambiamento nella suddivisione della compagine societaria. A oggi, l’intera azienda è suddivisa tra i fondatori e i dipendenti, che detengono il 10% della società. In seguito all’ottenimento del capitale, le percentuali verranno distribuite nuovamente, per dare spazio ai nuovi investitori.

Cosa succederà dopo il round di investimento?

“Il nostro obiettivo è di utilizzare i fondi per completare la parte dedicata all’intelligenza artificiale, per poi dedicarci alla crescita della community di lettori. Siamo consapevoli che il servizio che offriamo permette una maggiore fidelizzazione del pubblico, in quanto le notizie sono su misura per ogni utente. Il nostro focus, in futuro, verterà moltissimo su questo aspetto, perché vogliamo offrire ad ogni lettore la notizia giusta per lui, al momento giusto”, conclude Massimiliano Squillace.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter