immagine-preview

Feb 21, 2019

Neosperience ammessa alle negoziazioni su AIM Italia

La società ha concluso con successo il collocamento per un controvalore di 4,1 milioni di euro. La capitalizzazione prevista è pari a circa 22,1 milioni di euro

Neosperience ha portato a termine il processo di quotazione e ha ricevuto da Borsa Italiana l’ammissione alle negoziazioni delle proprie azioni sul mercato AIM Italia. La data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie della società è fissata per il 20 febbraio 2019. L’ammissione è avvenuta a seguito del collocamento rivolto a investitori qualificati, italiani e esteri, e investitori retail di 1.206.500 azioni complessive, per un controvalore  di 4,1 milioni di euro. Alle azioni sono abbinati warrant assegnati gratuitamente, nel rapporto di uno per ogni azione sottoscritta nell’ambito del collocamento.

Leggi anche: Neosperience la PMI che “infonde empatia” per migliorare la customer experience

Neosperience

Neosperience

Neosperience è una PMI innovativa italiana che opera come software vendor. Fondata a Brescia nel 2006 da Dario Melpignano e Luigi Linotto, la società è attiva nel settore della Digital Customer Experience, grazie a Neosperience Cloud, la piattaforma software che grazie all’Intelligenza Artificiale permette alle aziende di offrire ai propri clienti un’esperienza digitale personalizzata ed empatica, per conoscerli, coinvolgerli e fidelizzarli. Tra le aziende clienti di Neosperience figurano società leader nel settore della moda, della GDO e dei servizi finanziari.

Neosperience in Borsa

La quantità di azioni della società post quotazione sarà pari al 15,05% del capitale sociale. Nel calcolo del flottante non viene considerata la raccolta derivante dall’anchor investor Vetrya S.p.A., che ha assunto un impegno di lock-up di 18 mesi, al pari degli attuali azionisti. La capitalizzazione prevista è di circa 22,1 milioni di euro. Il prezzo di offerta è stato fissato a 3,42 euro per azione. L’aumento di capitale è stato sottoscritto per circa il 53% da investitori qualificati mentre la restante parte è stata sottoscritta da investitori retail.

Dario Melpignano, presidente di Neosperience, ha spiegato: “Siamo entusiasti di questo traguardo. Con Neosperience portiamo in Borsa la prima azienda italiana che utilizza l’Intelligenza Artificiale per rendere empatica l’esperienza digitale. Con i proventi della quotazione puntiamo a mettere in atto il percorso di crescita strategica sui mercati esteri, in primo luogo negli Usa, dove ci sono i nostri principali partner, ma anche Germania e Regno Unito. Lo faremo anche con acquisizioni di altre realtà in sintonia con la nostra visione. L’unicità del nostro progetto a livello internazionale è stata compresa e riconosciuta anche da investitori industriali che hanno deciso di credere nella nostra visione strategica e con i quali speriamo di portare avanti nuove partnership, così come fatto con Vetrya”.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter