StirApp: aumento di capitale da 550mila euro grazie a Servizi Italia immagine-preview

Mar 26, 2019

StirApp: aumento di capitale da 550mila euro grazie a Servizi Italia

Il round aiuterà la startup di Modena a espandersi nelle principali città del Paese. Nel 2018 aveva già chiuso una campagna di crowdfunding da oltre 200mila euro

Servizi Italia, il principale operatore di noleggio, lavaggio e sterilizzazione di materiali tessili e chirurgici per gli ospedali, investe con un aumento di capitale da 550mila euro su StirApp, la startup che gestisce lavaggio e stiratura dei vestiti tramite prenotazioni online con ritiro e consegna a domicilio in 48 ore. La Società ha acquisito una quota del 25% della giovane azienda modenese fondata da Pierantonio Guiglia e Paolo Gavazza attiva finora in Emilia Romagna, ma con piani di espansione nelle principali città italiane.

Leggi anche: 307 milioni di euro investiti in startup nei primi 9 mesi del 2018. È record: tutti i round in una timeline

Lo scorso anno StirApp aveva già concluso una campagna di crowdfunding che le ha consentito di raccogliere equity per oltre 200mila euro sulla base di una valorizzazione pre-money del 100% della Società pari a 1,23 milioni euro. Con questo aumento di capitale Servizi Italia diversifica, da un lato, la propria attività nel settore dei servizi di lavanderia rivolgendosi al mercato della collettività e corporate tramite la tecnologia app e dall’altro sostiene una startup che punta ad essere un operatore di riferimento del proprio segmento innovativo.

Leggi anche: Stirapp: prenoti online e in 24 ore ricevi i vestiti lavati e stirati

Di StirApp vi avevamo già parlato presentandovi una startup che offre servizi da Rimini a Reggio Emilia, da Maranello a Parma. A Modena la startup aveva avviato anche convezioni con aziende e banche con numeri che riferivano – per i primi 10 mesi di attività – di 24mila capi consegnati a 2.500 clienti registrati. Con questo aumento di capitale è prevista infine l’assegnazione a Servizi Italia di un’opzione per valutare l’acquisto di un’ulteriore partecipazione del 20% del capitale sociale di StirApp a lungo termine (si parla del 2023) e contestuale assegnazione ai soci venditori di un diritto di un’opzione put per valutare la vendita della medesima quota alla Società.

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter