UnstoppableWomen | Chi è Clara Mavellia l'italiana che organizza a Berlino una marcia per i diritti delle donne
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 17 maggio 2019 alle 16:21

UnstoppableWomen | Chi è Clara Mavellia l’italiana che organizza a Berlino una marcia per i diritti delle donne

Dalla Porta di Brandeburgo parte una manifestazione che pone al centro i diritti delle donne. Ne abbiamo parlato con Clara Mavellia organizzatrice della marcia

Ha un’anima italiana la marcia che giovedì 9 maggio accende il cuore d’Europa. Porta di Brandeburgo, Berlino, ore 12: scatta la Women’s March and Fest, una chiamata a raccolta per quante (ha promesso di esserci anche Laura Boldrini) vogliono fare dell’Europa, a un soffio da elezioni europee cruciali per il futuro del continente, anche una fortezza dei diritti delle donne.

A volerla e organizzarla  è un’italiana che trent’anni fa colse proprio qui, a Berlino, un altro di quei momenti in cui la storia, con un’improvvisa capovolta, è capace di rovesciare il corso del futuro: il crollo del muro . “Ero venuta a Berlino per un dottorato”, racconta lei, Clara Mavellia: “Quando lo finii era il 15 marzo del ’90, un momento incredibile. Decisi di restarci perché mi sentivo avvolta da un’energia straordinaria: qui si viveva un momento di apertura totale che spalancava prospettive e faceva sentire che tutto era possibile”. A Clara Mavellia si spalancarono allora le porte del giornalismo e della ricerca, a cui affiancò poi un master universitario interdisciplinare in Filosofia, Scienze politiche ed Economia: oggi, con il suo Cultural Entrepreneurship Institute, questa professionista appassionata aiuta aziende e istituzioni a sviluppare strategie economiche, culturali ed etiche e dal 2017 è alla testa di EU Women, organismo promotore della manifestazione del 9 maggio.

 

L’intervista

 

Clara, perché una marcia delle donne nel cuore d’Europa?

Perché nel giorno in cui si festeggia l’Europa, non vogliamo lasciare l’Europa a chi, con una visione da anni Cinquanta, vuole perpetuare vecchie ideologie e tenere in vita un patriarcato che soffoca le donne. In questo momento, poi, molti diritti delle donne sono sotto attacco: basti pensare alla guerra alla legge sull’aborto condotta da certe forze politiche in Polonia  o alla messa al bando dei Gender Studies nelle università ungheresi a opera di Orbán. Più generalmente parlando, è sotto gli occhi del mondo che le donne sono pagate meno degli uomini a parità di lavoro e qualifica e che sono ancora sottorappresentate nelle posizioni di leadership nel business, nella ricerca, in politica, nelle organizzazioni culturali. Noi anzitutto chiediamo parità in tutti i Parlamenti, in quelli nazionali e in quello europeo, così come nei consigli di amministrazione e negli organismi che contano. Ecco, in questa giornata noi vogliamo presentare idee, progetti, campagne per promuovere la parità, che è prima di tutto una questione di giustizia. E uscire insieme allo scoperto, farci vedere, farci sentire, alzare le voci. E rendere visibile il tanto che le donne fanno.

 

Leggi anche: STEMintheCity | Priya Burci, la ragazza che aiuta l’integrazione dei rifugiati con il coding

 

 

Secondo lei quali sono le battaglie da vincere ora? Ci dica la prima.

Avere più donne nelle aziende, specie ai vertici, perché ormai ricerche e statistiche ci dicono che i luoghi di lavoro cambiano decisamente in meglio con un’adeguata presenza femminile. E migliora la stessa performance aziendale.

 

Ce ne dica una seconda, non legata al lavoro.

La battaglia per un linguaggio che rispetti le donne: non si può più tollerare che il termine  “uomini” continui a individuare maschi e femmine indifferentemente o che la voce maschile “amministratore delegato” definisca anche una donna: già 25 anni fa scrissi un testo scientifico su questo tema.

 

Secondo lei, cosa impedisce a molte donne di chiedere ciò che a loro spetta?  

Proprio perché le donne non vivono una condizione facile portano in sé molta rabbia, che spesso però non esprimono finendo per somatizzare e deprimersi, forse a causa di una certa paura di entrare in conflitto. Ecco, la marcia delle donne serve anche a dire: nessuna di noi, nessuna di voi è sola. Usciamo fuori, attiviamoci,  costruiamo insieme comunità… L’energia femminile è straordinariamente positiva.

 

Un vostro slogan è: women will fix the world. Sintetizzando, cosa possono portare in più o di diverso oggi le donne?

Le donne possiedono skills adatte a interpretare i tempi di cambiamento che viviamo, vedi l’empatia, l’intuizione, la capacità di includere le differenze…, fondamentali nel mondo disegnato dall’intelligenza artificiale.  E poi si spendono per l’ambiente, i temi sociali, la pace, la comunità… Se penso alle esperienze di microcredito ispirate da Yunus così come al crowdfunding, vedo che le imprese femminili tendono a reinvestire il denaro in ciò che è anche utile alla comunità.

 

Ma le pari opportunità restano lontane se non si coinvolgono anche gli uomini. Vi aspettate anche uomini alla manifestazione?

Assolutamente sì, vogliamo che ci siano:  per un mondo ispirato alla parità abbiamo bisogno di agire insieme agli uomini. Noi rigettiamo i portatori di quella mascolinità tossica che, alla fine, non danneggia solo le donne ma gli uomini stessi, educati sin da bambini a esibire quella forza, quella durezza, quell’attitudine alla competizione e al primato che alla fine li porta a quarant’anni a sentirsi esauriti: non crede che gli uomini siano stufi di dover competere incessantemente?  È un grande spreco di potenzialità anche per loro.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter