immagine-preview

Mag 15, 2019

La lezione di Chuck Robbins, Ceo di Cisco: “La tecnologia crea gap che abbiamo il dovere di non trascurare”

Ospite del Politecnico di Milano il Ceo di Cisco ha parlato dell'importanza della Cyber Security e della tecnologia

Internet ha cambiato il modo di vivere di tutti e il modo di concepire la vita stessa, così come la tecnologia. Ma i pericoli del mondo del web non sono pochi. Chuck Robbins, CEO e Chairman Cisco (qui il sito), è intervenuto al Politecnico di Milano proprio per spiegare cosa è possibile fare per un futuro più sicuro.

Lecture with Robbins

“Stiamo vivendo un’epoca incredibile che ci offre infinite opportunità. Il mondo cambia continuamente. Io lavoro con la tecnologia da 32 anni e ho notato chiaramente il cambiamento. La tecnologia è al centro di ogni strategia. È il cuore di ogni cosa. Ma non dobbiamo trascurare l’impatto sociale. La tecnologia crea anche dei gap, ma non deve essere così. Le nuove generazioni si approcciano con naturalezza alle tecnologie, ma ci sono fasce della società per cui tutto questo non è scontato. Vogliamo che tutti possano beneficiarne. Vogliamo una rete che sia sicura e accessibile contemporaneamente”. Proprio per questo è stato siglato a Roma l’accordo tra Polizia di Stato e Cisco Systems Italia per migliorare la sicurezza della navigazione degli utenti in Internet. La convenzione è stata firmata dal capo della Polizia Franco Gabrielli e dall’amministratore delegato di Cisco Systems Italia, Agostino Santoni.

Più sicurezza sul web

“Ci sono 50 miliardi di dispositivi connessi, il 71% della popolazione mondiale userà tecnologia mobile, la nostra previsione è che si avranno uno zettabyte di dati, ovvero mille miliardi di gigabyte. Vuol dire un aumento dei rischi all’interno del sistema”, ha spiegato Robbins. “Noi attuiamo 20miliardi di blocchi al giorno, respingiamo oltre 3 miliardi di mail e blocchiamo più di 2,6 miliardi di connessione a url con minacce o malware. Se non facessimo quello che facciamo, nessun’altra azienda potrebbe offrire quello per cui è diventata famosa. Siamo qui da 25 anni  e siamo passati dal vendere tecnologia a essere partner in come l’Italia può usare le nuove tecnologie”.
Robbins ha parlato con entusiasmo ai giornalisti presenti in aula ma soprattutto agli studenti (tanti) presenti per ascoltarlo. La sua è stata una vera e propria lezione di vita: “Siate curiosi, non solo di ciò che studiate. Prendetevi tempo per capire la macro economia, la geopolitica e l’industria. Cogliete tutte le opportunità che ci saranno sulla vostra strada. Siate voi stessi! Siate positivi!”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter