LowRes | Il grande fratello e la metafora reazionaria - Startupitalia
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Mag 16, 2019

LowRes | Il grande fratello e la metafora reazionaria

L'approvazione della norma che piazza una telecamera in ogni aula scolastica ci spinge a riflettere. Sulla piega presa dalla nostra agenda politica e sociale

Mag 16, 2019

LowRes | Il grande fratello e la metafora reazionaria

L'approvazione della norma che piazza una telecamera in ogni aula scolastica ci spinge a riflettere. Sulla piega presa dalla nostra agenda politica e sociale

Nel maggio di 19 anni fa Stefano Rodotà disse:

Dobbiamo interrogarci intorno al senso che la libertà individuale assumerebbe in un ambiente implacabilmente scrutato dall’occhio elettronico, nel quale prevale la società della classificazione, che accumula informazioni sulle persone e ne traccia profili e la società della sorveglianza, dove ogni azione in spazi aperti al pubblico viene seguita, controllata, registrata

Erano parole profetiche e straordinariamente moderne se lette oggi ai tempi di Facebook e delle telecamere di sorveglianza ovunque. Ed erano parole che oggi suonano indicative della cultura dominante, quella che, qualche giorno fa, ha fatto sì che le principali forze politiche italiane, dalla Lega a Forza Italia, dal M5S al Partito Democratico, votassero a favore di un emendamento che prevede la presenza di telecamere di sorveglianza in tutte le classi scolastiche dei nostri figli e nelle strutture assistenziali per anziani e disabili.

 

 

Gli unici ad insorgere rispetto a un simile provvedimento sembrano essere stati i sindacati: tuttavia a leggere le prese di distanza della CGIL si comprende subito che la preoccupazione riguarda il controllo imposto ai loro iscritti e non più ampie questioni di diritti dei cittadini. E poiché è la società produce i propri rappresentanti, non si sono udite voci di protesta da parte di altri soggetti che non siano quelli direttamente coinvolti dalla norma. Questo per la semplice ragione che ai cittadini i temi dei diritti e della riservatezza in epoca digitale interessano esattamente come ai loro rappresentati.

 

È del resto una questione squisitamente culturale quella di saper sfuggire alla superficialità usuale di chi è solito ripetere “io non ho nulla da nascondere, quindi se volte controllatemi pure” o alla scorciatoia poliziesca di ottenere rapidamente sistemi rapidi di controllo della criminalità. Rodotà era solito chiedersi – e mai la domanda è stata importante come lo è oggi – se l’uomo di vetro dentro una società trasparente sia ciò che davvero vogliamo. A questo punto si potrebbe affermare che la politica italiana (tutta, indistintamente, da destra a sinistra) lo vuole: e che anche i cittadini lo vogliono.

La cattedrale di vetro – disse una volta il giurista – è una metafora reazionaria. Evidentemente anche la politica che si proclama riformista in questo Paese non ha compreso esattamente cosa questo significhi.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter