Realizzare il giro del mondo per riprendersi la propria vita. La storia di "Fraintesa" - Startupitalia
#SIOS19
Prenota il tuo biglietto

Ultimo aggiornamento il 4 giugno 2019 alle 7:24

Realizzare il giro del mondo per riprendersi la propria vita. La storia di “Fraintesa”

Francesca Barbieri è una travel blogger, creatrice di fraintesa.it. Dopo essere stata colpita da un tumore al seno e averlo ostinatamente combattuto, ha attivato un crowdfunding il cui ricavato sarà per metà devoluto all’Airc e per metà servirà a finanziare il suo viaggio attorno al mondo, parte del più ampio progetto sociale #GoFraintesa

Quando Francesca Barbieri è andata online con il suo blog I viaggi di Fraintesa.it nel 2009, voleva solo raccontare e condividere le sue esperienze di viaggio. Si trattava di un hobby e non ancora di un lavoro, anche perché allora la parola blogger non era ancora entrata nel linguaggio comune e non c’era nemmeno il mercato per fare la travel blogger di mestiere. Con il passare del tempo, Francesca ha iniziato a ricevere delle proposte su attività da provare in viaggio e itinerari di cui poi parlare sul suo blog, che generavano naturalmente buone indicizzazioni su Google. Poi sono arrivate le prime collaborazioni a pagamento e la passione si è trasformata in lavoro. “Ho preso il mio primo aereo a 12 anni – dice Francesca -, parlo 4 lingue, ho fatto l’interprete ma non avrei mai pensato che viaggiare e parlare delle mie destinazioni potessero farmi diventare una travel blogger, con una community di 150 mila lettori al mese”.

Francesca Barbieri

Il viaggio e la malattia

C’è stato, però, un altro episodio che ha colto inaspettatamente Francesca, l’8 ottobre 2018: la scoperta di un tumore al seno.  Il suo istinto e al suo coraggio anche in questo caso  hanno vinto sul dolore e lo shock iniziale, come ha raccontato nell’intervista a StartupItalia. “Non ho avuto paura di attraversare l’Australia da sola 2 volte o di buttarmi con il parapendio ma ho sempre avuto soltanto paura di morire, perché amo troppo la vita. Ricevere la diagnosi di un tumore al seno a 35 anni mi ha proprio mandata nel panico più totale” dice Francesca. La scoperta è avvenuta per caso, mentre era in viaggio: dopo la doccia, palpa sotto il seno sinistro una protuberanza mai sentita prima. Dopo visite, diagnosi e una prima operazione, non sembrava nulla di grave ma al momento del ritiro della biopsia, è venuta fuori la verità. Da allora sono iniziati mesi molto difficili per Francesca: nuovi interventi, cicli di chemioterapia e radioterapia. Oggi il tumore non c’è più ed è arrivato il momento di riprendere in mano la propria vita.

"Quando scopri di non stare bene, ti attacchi alla vita con le unghie e con i denti. La vita è un’occasione e non va sprecata. Per questo se hai dei sogni, devi fare di tutto per realizzarli".

Il giro del mondo e il progetto #GoFraintesa

Era il 7 gennaio 2019, il giorno in cui tutti tornano a lavoro dopo le vacanze natalizie e si lamentano sui social per il “trauma da rientro”. Francesca quel giorno era a letto, per superare gli effetti collaterali del terzo ciclo di chemio e avrebbe pagato oro per andare a lavorare e magari rimanere imbottigliata nel traffico. Mentre guardava sul suo smartphone gli ultimi post nel suo feed, si soffermò su quello di un suo amico viaggiatore in cui raccontava come la figlia di soli 2 anni avesse già fatto il giro del mondo. È stato in quel momento che Francesca ha capito che non serviva più rimandare e che l’unico modo per smettere di odiare quell’8 ottobre 2018 (giorno della diagnosi della malattia) era dargli un nuovo significato, trasformandolo nell’inizio della realizzazione di un sogno. L’8 ottobre 2019, partirà da Milano per il suo giro del mondo, diretto verso est e che durerà 3 mesi, per poi tornare in Italia e fare tutti i controlli medici necessari. Sarà un viaggio diverso da tutti gli altri, perché costruttivo e altruistico: servirà a raccontare la sua storia, per dare la massima importanza alla prevenzione.

 

“Giorno dopo giorno è nato il progetto #GoFraintesa – spiega Francesca – che coinvolge partner molto importanti: Airc Lega Italiana Lotta contro il Cancro, Campagna Nastro Rosa per la ricerca sul tumore al seno, Lilt – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, Cathay Pacific, la compagnia aerea di bandiera di Hong Kong, che ha scelto di credere da subito nel mio progetto, fornendomi il primo volo, da Milano a Hong Kong, e un secondo volo da Hong Kong a Sydney. Non ho ancora definito il resto dell’itinerario, ma penso che Hong Kong sarà la base per qualche spostamento nei dintorni, magari Singapore, Taiwan, Shanghai, Cina, Filippine, prima di tornare in Australia”. Durante ogni tappa, Francesca rilascerà delle interviste ai media locali per condividere la sua storia e sensibilizzare sulla prevenzione, lanciando messaggi che possano spingere le persone a farsi un controllo in più o che siano di conforto per chi, come lei, sta affrontando la stessa battaglia.

 

“Sul mio blog – aggiunge Francesca – è online una sezione in cui ho deciso di raccontare la mia esperienza di malattia e che, nei prossimi mesi, ospiterà sia i racconti di questo nuovo viaggio, sia una rubrica periodica curata dall’Airc con contenuti e consigli utili alla prevenzione”.

Il crowdfunding

Per poter realizzare il suo sogno, Francesca ha lanciato un crowdfunding su www.gofundme.com/fraintesa. Il ricavato servirà al 50% per finanziare il suo viaggio intorno al mondo, mentre l’altro 50% verrà donato alla Fondazione Airc per la Ricerca sul Cancro per contribuire al raggiungimento di un importante obiettivo: rendere il cancro sempre più curabile. “Ogni donazione, di qualsiasi importo sia, è un importante contributo per la realizzazione del mio sogno e un passo in avanti per la ricerca sul cancro”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter